Vita Oltre La Vita

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Dio, Gesù e Vangeli
Dio, Gesù e Vangeli

Dio esiste?

E-mail Stampa PDF
galassia

Vi sono molti credenti (Cristiani, Mussulmani, Ebrei, ecc.) i quali credono che Dio esista solo perché l'hanno letto in qualche libro cd. "sacro" o perché glielo hanno insegnato sin da quando erano bambini. Così loro non hanno dubbi che la Bibbia (o il Corano, ecc.) sia indiscutibilmente "la parola di Dio", e che quindi il dio lì descritto, con tutte le sue contraddizioni e le sue assurdità debba esistere realmente.

Dall'altro lato vi sono poi una minoranza di atei, i quali, al contrario, sono assolutamente certi che Dio non esista. Alcuni di questi si spingono addirittura a pretendere di dimostrare l'inesistenza di Dio con argomenti pseudoscientifici o pseudologici, sostenendo che date le incoerenze dei testi cd. "sacri" allora nessun dio possa esistere (come se l'unico dio possibile sia appunto quello antropomorfo descritto in tali testi), oppure che dato che la scienza permette di misurare le cose materiali allora debba necessariamente poter misurare anche il Creatore, ma non si rendono neanche conto dell'erroneità di base dei loro ragionamenti.

Almeno gli agnostici, cioè coloro che dicono: "Non diciamo nulla, perchè non possiamo saperlo" fanno una figura decisamente migliore.

Leggi tutto...
 

Gesù Cristo e la Reincarnazione

E-mail Stampa PDF
gesu-cristo7

La maggioranza delle religioni cristiane nega la reincarnazione sostenendo che una sola vita terrena basti a raggiungere la perfezione che Dio richiede.

Questo potrebbe al limite sostenersi nel caso di una vita lunga e colma di evoluzione spirituale come ad es. quella dei Santi, ma che dire di un bimbo che viva solo pochi mesi di vita?

Oppure di un malato di mente che non capisce quello che fa? E come spiegare l'ingiustizia di chi vive poverissimo, in un paese in guerra rispetto a chi nasce ricco e senza problemi? E chi nasce in una tribù primitiva che non sa nulla del Cristianesimo? Per non parlare degli uomini delle caverne, cannibali e senza battesimo... chissà che brutta fine fanno secondo le varie Chiese cristiane! Come si può sostenere che un uomo delle caverne può arrivare allo stesso livello evolutivo dell'uomo moderno con una singola esistenza terrena? Chiunque capirebbe che questo è letteralmente impossibile.

E' inoltre impossibile conciliare la giustizia perfetta e infinita di Dio con una singola vita, una singola possibilità che per logica pura e semplice dovrebbe essere identica per tutti. Che direste voi di un padre che dà a un figlio tutti i vantaggi possibili e a un altro niente? Direste sicuramente che è un cattivo padre, che è ingiusto. Come si può quindi pensare questo di Dio che è onnipotente ed essendo infinitamente buono e giusto ama tutti i suoi figli allo stesso modo? E che colpa ne avrebbe il cannibale di essere nato così? Finirebbe costui in un Limbo come ci dice la Chiesa cattolica? E hanno pure il coraggio di dire che questa sarebbe una giustizia perfetta. La singola esistenza è la negazione della misericordia divina.

La logica elementare ci dice che tutto questo è impossibile.

Leggi tutto...
 
E-mail Stampa PDF

Gesù è Dio o è figlio di Dio?

Secondo il dogma cattolico, Gesù non sarebbe mai stato creato da Dio, ma sarebbe sempre esistito e sarebbe uguale a Dio. Secondo il dogma protestante addirittura Gesù sarebbe Dio stesso che si è fatto bimbo, poi uomo e si è fatto torturare a morte per regalarci la salvezza eterna.gesu-cristo

Vediamo cosa dice Gesù stesso nei Vangeli e gli apostoli negli Atti degli Apostoli:

 
"Io non cerco di realizzare la mia volontà, ma la volontà del Padre mio che mi ha inviato" (Giovanni, V, 30)
 

Da questa frase appare evidente come Gesù stesso spieghi che la sua volontà e quella di Dio siano ben distinte, che Dio sia suo padre che lo ha inviato qui. Non si tratta quindi della stessa "persona", ma di due "persone" diverse, con due volontà distinte, Padre e figlio appunto. Se Gesù fosse stato Dio stesso non avrebbe mai potuto esprimersi con quella frase, che sarebbe stata ingannevole.

 
Gesù: "Il Padre mio è più grande di me" (Giovanni, XIV, 28)
 

Qui Gesù specifica che non c'è uguaglianza, equivalenza o parità tra Dio e suo figlio. Dio è più grande di suo figlio Gesù.

 
Gesù gli rispose: «Perché mi dici buono? Nessuno è buono, se non uno solo, Dio. (Luca, XVIII, 19)
 

Gesù insegna che solo Dio è buono. La perfezione della bontà divina appartiene solo a Dio e a nessun altro, neppure a Gesù stesso. Anche qui se Dio e Gesù fossero la stessa "persona" o se anche fossero allo stesso livello di perfezione, non avrebbe mai potuto dire queste cose. Invece ha voluto insegnare che Dio è al di sopra di tutti, Gesù compreso.

 
Gesù dice a Maddalena: "Vai verso i miei fratelli e dì loro che io salgo verso il Padre mio e il Padre vostro, verso il mio Dio e il vostro Dio" (Giovanni, XX, 17)
 

Leggi tutto...
 
E-mail Stampa PDF

La Bibbia è la "parola di Dio" ?

Innanzitutto la Bibbia non è un testo unico, ma una raccolta eterogenea di 39 libri, messi insieme nell'arco di diversi secoli, in cui si mescolano scritti di vari profeti, miti e leggende, regole giuridiche, canti e proverbi di ogni genere.La Bibbia

Secondo la tradizione ebraica i primi 5 libri (che noi chiamiamo Pentateuco, gli ebrei Torah) furono scritti da Mosè intorno al 1200 a.C., gli altri libri nei secoli successivi da altri profeti. Gli originali furono però poi tutti distrutti nel rogo del Primo Tempio di Salomone dai babilonesi di Nabucodonosor nel 598 a.C.. Secondo la leggenda ebraica, il profeta Ezra, 59 anni dopo il rogo, nel 539 a.C la riscrisse da zero, andando completamente a memoria. La Bibbia di Ezra fu messa per iscritto poi 3 secoli dopo, nella versione cd. masoretica, ma anche questa andò distrutta. Il più antico testo della Bibbia, che è una copia del masoretico, risale al 1008 d.C., cioè ben 2200 anni dopo la scrittura originale. Nel 1947 nelle grotte del Mar Morto furono trovati dei manoscritti biblici risalenti al 150 a.C.. Del testo biblico ne esistono decine di migliaia di varianti, accumulate nel corso dei 5000 anni di storia.

La Bibbia è scritta in ebraico antico con brevi parti in aramaico, senza spazi tra le parole e senza vocali. In pratica è un ininterrotto susseguirsi di 2 milioni e mezzo di consonanti consecutive. Ad esempio la frase "ti amo tanto" verrebbe scritta "tmtnt", ma ovviamente anche "tu mi tenti" o "Tom è tonto" sarebbero scritte con la stessa sequenza di lettere. Appare evidente quindi l'estrema difficoltà di interpretazione di un rebus che, lungi dal dare informazioni precise e univoche, si presta a infinite combinazioni possibili, tanto è vero che esistono una miriade di edizioni diverse. A questa difficoltà intrinseca si aggiungono tutte le manipolazioni, le modifiche, le censure, avvenute nei secoli.

Leggi tutto...