Vita Oltre La Vita

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Raul Teixeira

Raul Teixeira

E-mail Stampa PDF
Raul_TeixeiraIl medium José Raul Teixeira, più conosciuto come Raul Teixeira nasce nella città di Niterói, stato di Rio de Janeiro, il 7 ottobre 1949. È il sesto figlio di una famiglia di sei figli, poiché sua madre aveva già tre figli dal primo matrimonio. Dal secondo matrimonio, sua madre, Benedita Maria da Conceição ebbe una coppia di gemelli che morirono ancora piccolini, due anni prima della nascita di Raul.
I suoi genitori erano di religione cattolica, ma sua madre aveva delle facoltà medianiche come la veggenza, la psicofonia, l’intuizione ed effetti fisici. Così, Raul crebbe convivendo con questa realtá.
Ogni volta che sua madre si metteva a fare le sue preghiere, Raul, a due o tre anni, passava a percepire “persone” che scendevano dal tetto o attraversavano le pareti, cosa per lui molto naturale dato che non gli causavano timore. E quando le domandava chi erano quelle persone, lei rispondeva che erano gli “amici di luce” che venivano a insegnare loro a lavorare per Gesù e che un giorno lo avrebbero invitato a servire a Gesù Nazareno.
Raul perde la sua mamma a solamente quattro anni di età. Allora va ad abitare con sua zia, sorella più grande di suo padre. Pochi mesi dopo va a vivere con la sua madrina di battesimo rimanendo con lei fino all'età di sei anni, quando andò a vivere in un monastero.
Suo padre, Raul dos Santos Teixeira, era lo spirito con il quale c’era più affinità. Anche suo padre rimase orfano di madre molto piccolo, a nove anni, e non conobbe suo padre, che morì quando lui aveva dieci mesi.
Il nonno di Raul era italiano, figlio di immigranti portoghesi in Italia.
A sei anni di età, suo padre decide di collocarlo in un monastero cattolico nella cittá di Itaboraí, nello stato di Rio de Janeiro, dove rimase per quasi tre anni. E in questo monastero le sue visioni spirituali continuarono. Di notte lui si svegliava vedendo gli spiriti. Aveva la sensazione di essere soffocato da queste creature che non lo lasciavano alzarsi, allo stesso tempo guardavano fisso nei suoi occhi, come se volessero terrorizzarlo. E il peggio è che lui non poteva raccontare quello che vedeva e sentiva, perché era un collegio di preti e loro interpretavano tutto queste cose come opera di Satana.
Raul lasciò il monastero, poco prima di compiere nove anni, andando a vivere con sua sorella Elenice Sodré, con la quale visse fino ai ventidue anni.
Quando lasciò il monastero si dedicò profondamente ai compiti legati al cattolicesimo e voleva diventare prete.
A sedici anni aveva già letto la Bibbia tre volte per trovare una soluzione per le sue visioni.
Raul arriva ai diciasette anni senza avere una spiegazione logica per la sua situazione. Allora racconta nei dettagli ad un suo amico, José Luiz Vilaça quello che gli succedeva, il quale lo porta in un centro spiritico.
In questo centro comincia la sua oratoria. Quando invitato, parla di Mosé per molti minuti, sentendo il petto gonfio e parlando con molta facilità.
Raul si innamora tanto dello spiritismo e in poco tempo é già professore di un gruppo di bambini e poi di un gruppo di giovani nel centro spiritico che frequentava.
Con un anno di frequenza nel centro spiritico lui giá presentava segni evidenti della medianità che l’accompagnava dall’infanzia ed è stato invitato a frequentare una seduta di sviluppo medianico e in queste sedute gli appaiono le medianità di psicografia e psicofonia.
Nel 1974 gli viene lo spirito Camilo, suo Spirito Guida per dirigere le sue attività medianiche, scrivendo più di venti libri insieme ad altri spiriti.
Nel 1986 dopo aver fatto due conferenze e mentre si dirigeva ad un’altra città per la terza conferenza, un suo amico si sedette al suo posto nella macchina. Ebbero un incidente con un camion e l'amico che era seduto al suo posto morì. La madre di Raul si presentò alla seduta medianica dicendo che lui aveva ricevuto una moratoria, ossia, più tempo da vivere. Questa rivelazione viene confermata da Divaldo Franco, del quale Raul è grande amico fin dall’inizio dei suoi lavori medianici.
Oggigiorno Raul è uno dei più conosciuti e richiesti oratori brasiliani e ha già visitato e fatto conferenze in 40 paesi.
Ha fondato a Niterói la Sociedade Espírita Fraternidade, un centro spiritico di cui fa parte e l’opera sociale chiamata Remanso Fraterno dove aiuta 300 famiglie carenti. La casa editrice Fráter fa parte di questo lavoro e pubblica i suoi libri psicografati rivolgendo il denaro delle vendite al Remanso Fraterno.