Pagina 1 di 1

Dedicato a chi resta dopo la dipartita

MessaggioInviato: mercoledì 5 febbraio 2020, 9:37
da silvy made
E accade che la vita di colpo ti lascia o lentamente va verso]o la fine. E magari ti sei preparato/a a sufficienza e pensi di sapere già tutto o ti coglie di sorpresa.
E avanzi nel precipizio, nel dubbio o con ali che ti portano in alto.
Un giorno questo è ineluttabile....
Magari hai osservato da vicino già la dipartita di un tuo caro. E tu sei qui col tuo corpo fisico e ti manca il contatto, lo stare insieme, il conversare, momenti ed episodi Ora lui/lei non c' più in questo mondo, l'energia vitale ha abbandonato il suo corpo.
E ti domandi : dove sarà? Lo si fa anche per un amico partito e pensi stia bene.
L'ignoto fa paura e magari vieni assalito dal timore che non sia in un luogo in una condizione tranquilla o la tua fede ti porta a credere in un paradiso in un Dio che abbraccia tutti.
O hai il timore che non ci sia più nulla. Tutto ogni affetto ogni emozione ogni palpito del cuore ogni guizzo dell'anima sepolti con la materia...
O pensi che si sia arrivati a un capolinea. Un giro è finito per ricominciare. Un po' uguali un po' diversi. E forse puoi immaginarlo/a mentre si aggira per le corsie celesti.
Sotto un'altra forma in un altro ruolo, su piani eterei o di nuovo sulla terra. Secondo quel che si è acquisito e appreso. Secondo quello che c'è ancora da apprendere.
Quell'essere trasformato che era il nostro caro congiunto il nostro caro amico non muore mai.
Si sta preparando a una nuova esperienza e forse ha bisogno del nostro sostegno e non del nostro pianto.
Noi siamo abituati a conoscere invece questo linguaggio. La perdita ,ed in effetti questa c'è, riguarda solo il corpo fisico che per sua natura si deteriora ed è soggetto a perire.
Consolazione, pia illusione, una fede che detta legge?
La scintilla divina può perire con la materia?
Ed il trapassato/a viaggerà da solo/a o con compagni di viaggi, tra luci e paure. Tra cadute e voli celestiali. E forse se stai attento/a , saprai ascoltare quella nuova voce, quel lieve sussurro, quella magica intuizione, quel messaggio che è solo per te.
Senza ricercarlo affannosamente, arriverà quella scia di luce che congiunge noi e loro. Nei capitoli di una storia quasi senza fine.

Re: Dedicato a chi resta dopo la dipartita

MessaggioInviato: mercoledì 5 febbraio 2020, 20:55
da ale_209
Parole bellissime che mi hanno regalato una lacrima di infinita nostalgia per chi non ho più al mio fianco ma senza ombra di dubbio rivedrò alla fine del mio “viaggio”.
Grazie :dicocuore: