Cercate e troverete

Approfondimento degli insegnamenti di Allan Kardec, le sue opere ed altre.

Cercate e troverete

Messaggioda pierotto 52 » giovedì 8 settembre 2016, 11:03

Aiutati, e il cielo ti aiuterà
1. Chiedete e vi sarà dato; cercate e troverete; bussate e vi sarà aperto. Poiché chiunque chiede, riceve; chi cerca, trova; e a chi bussa, verrà aperto. E qual' è quell'uomo fra voi che darà una pietra a suo figlio se gli chiede del pane? O se chiede un pesce, gli dia una serpe? Se dunque voi, cattivi come siete, sapete dare cose buone ai vostri figli, quanto più il vostro Padre che è nei cieli concederà cose buone a coloro che gliele chiedono! (San Matteo, Cap.VII, versetti da 7 a 11).

2. Dal punto di vista terreno, la massima: Cercate e troverete, è analoga a quella: Aiutati, e il cielo ti aiuterà. Costituiscono il principio della legge di lavoro, e, in conseguenza, della legge di progresso, perché il progresso nasce dal lavoro, e perché è il lavoro a porre in azione le forze dell'intelligenza.
Ai tempi dei primordi dell'umanità, l'uomo dedicava la sua intelligenza soltanto a cercare il nutrimento, a preservarsi dalle intemperie, a difendersi dai nemici. Ma Dio gli ha concesso qualcosa di più che non all'animale, ed è il continuo desiderio del meglio. E' questa aspirazione al meglio che lo spinge alla ricerca dei mezzi per migliorare la sua situazione, che lo porta alle scoperte, alle invenzioni, al perfezionamento della scienza, poiché sarà la scienza a procurargli ciò che gli manca.
Con le sue ricerche, la sua intelligenza si accresce, la sua morale si purifica; ai bisogni del corpo seguono quelli dello spirito, dopo il nutrimento materiale ha bisogno di quello spirituale, e così l'uomo passa dallo stato selvaggio a quello civile.
Ma il progresso individuale che ogni uomo compie durante la sua vita è poca cosa, è perfino impercettibile presso la maggioranza degli uomini. Allora, come potrebbe progredire l'umanità, se non vi fosse la preesistenza e la riesistenza dell'anima?
Se le anime partissero ogni giorno, per non tornare mai più, l'umanità si rinnoverebbe sempre, con elementi primitivi, che avrebbero tutto da fare, tutto da imparare: pertanto non vi sarebbe ragione perché l'uomo fosse più progredito oggi che non alle età primordiali del mondo, poiché ad ogni anima che nascesse tutto il lavoro intellettuale dovrebbe essere ricominciato da capo.
Ma, al contrario, l'anima ritorna essendo già in possesso del progresso compiuto, ed ogni volta ne acquisisce di più: è in tal modo che passa gradatamente dalla barbarie alla civilizzazione materiale, e da questa alla civilizzazione morale.
3. Se Dio avesse liberato l'uomo dal lavoro fisico, le sue membra sarebbero atrofizzate; se non gli avesse imposto il lavoro intellettuale, il suo spirito sarebbe rimasto allo stato infantile, allo stato dell'istinto animale. Perciò gli ha reso necessario il lavoro. Gli ha detto: Cerca e troverai, lavora e produrrai: in tal modo sarai figlio delle tue opere, ne avrai il merito, e sarai ricompensato in proporzione a ciò che avrai fatto.
4. E' per l'applicazione di tale principio che gli Spiriti non vengono a risparmiare all'uomo il lavoro di ricerca, recandogli le scoperte e le invenzioni già fatte e pronte a produrre, così che egli non avrebbe altro compito che prendere ciò che gli si mette fra le mani, senza fare la fatica di chinarsi a raccogliere, e nemmeno quella di pensare. Se fosse così, il più ozioso potrebbe facilmente arricchire, il più ignorante diventare uno scienziato, e tutt'e due potrebbero vantarsi di avere il merito di ciò che non hanno mai fatto. No, gli Spiriti non vengono affatto per liberare l'uomo dalla legge del lavoro, ma per indicargli la meta che deve raggiungere e la strada che conduce ad essa, dicendogli: Cammina e arriverai. Troverai delle pietre sul tuo cammino: guarda e toglile da te. Noi ti daremo, se vuoi usarla, la forza necessaria. ( "Libro dei Medium" Cap. 26, n° 291 e seguenti )
5. Dal punto di vista morale, queste parole di Gesù significano: Chiedete la luce che deve rischiarare il vostro cammino, e vi sarà data; chiedete la forza di resistere al male, e l'otterrete; chiedete l'assistenza degli Spiriti buoni, ed essi verranno per accompagnarvi e, come l'angelo di Tobia, vi faranno da guida; chiedete dei saggi consigli, e non vi verranno mai rifiutati; bussate alla nostra porta e vi sarà aperta. Ma domandate sinceramente, con fede, fervore e fiducia; presentatevi con umiltà e non con arroganza, altrimenti sarete abbandonati alle vostre sole forze, e le stesse cadute che farete, saranno la punizione del vostro orgoglio.
Tale è il senso di queste parole: Cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto.

Da una pagina de "Il Vangelo secondo gli Spiriti" di Allan Kardec, cinque illuminanti punti sul significato dell'esistenza. Grazie :cuore8:

Il messaggio di pierotto 52 piace a: 2
Reminiscenza1, Uranium
Avatar utente
pierotto 52
Esperto
Esperto
 
Messaggi: 3936
Iscritto il: venerdì 13 settembre 2013, 12:20
Località: Modena
“Mi Piace” dati: 3237 volte
“Mi Piace” ricevuti: 1606 volte
Religione: cristiana

Torna a Studiando lo Spiritismo

Chat Room Vita Oltre la Vita
Commenta:

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite