Un nuovo libro da leggere e studiare "Missionari della Luce"

Approfondimento degli insegnamenti di Allan Kardec, le sue opere ed altre.

Un nuovo libro da leggere e studiare "Missionari della Luce"

Messaggioda Fernanda » lunedì 19 novembre 2018, 17:47

È con grande gioia che noi del gruppo Vita oltre la Vita vi invitiamo ad un nuovo studio del terzo libro dell'opera di André Luiz - " Missionari della Luce "

Da oggi in poi useremo la hangouts in maniera che tutti possono avere l'opportunità di entrare direttamente, il link è:

https://hangouts.google.com/call/Enm3eA ... 1f2D8DAEEI

Spero vedervi di più con questa nuova modalità e l'orario è alle 21 con la preghiera iniziale.

Un abbraccio e ogni bene a tutti voi amici del forum!

Fernanda.
“L’essere umano è in qualsiasi situazione,
quello che aspira,
l’irradiazione di quello che sente,
gli interessi che coltiva.”

Spirito Joanna de Ângelis
Psicografia Divaldo Pereira Franco

Il messaggio di Fernanda piace a:
ale_209
Avatar utente
Fernanda
Amministratore
 
Messaggi: 1448
Iscritto il: venerdì 20 febbraio 2009, 16:08
“Mi Piace” dati: 0 volta
“Mi Piace” ricevuti: 397 volte
Religione: Spiritista

Re: Un nuovo libro da leggere e studiare "Missionari della L

Messaggioda Fernanda » lunedì 19 novembre 2018, 17:55

"Collana “La Vita nel Mondo Spirituale”

MISSIONARI DELLA LUCE – Francisco Cândido Xavier /André Luiz

Collana:
“La Vita nel Mondo Spirituale”
01 – Nosso Lar
02 I Messaggeri
03 Missionari della Luce
04 Lavoratori della Vita Eterna
05 Nel Mondo Superiore
06 Liberazione
07 Tra il Cielo e la Terra
08 Nei Domini della Medianità
09 Azione e Reazione
10 Evoluzione nei Due Mondi
11 Meccanismi della Medianità
12 Sesso e Destino
13 E la Vita Continua...
Quando il servitore è pronto il servizio arriva.

MISSIONARI DELLA LUCE – Francisco Cândido Xavier /André Luiz
Terzo libro della collana “La Vita nel Mondo Spirituale”
Psicografato da Francesco Cândido Xavier
Dettato dallo spirito André Luiz
MISSIONARI DELLA LUCE – Francisco Cândido Xavier /André Luiz

INDICE
Di fronte ai tempi nuovi
1 – Lo Psicografo
2 – L’epifisi
3 – Sviluppo Medianico
4 – Vampirismo
5 – Influenza
6 – La Preghiera
7 – Soccorso Spirituale
8 – Nel Piano Dei Sogni
9 – Medianicità E Fenomeno
10 – Materializzazione
11 – Intercessione
12 – Preparazione Di Esperienze
13 – Reincarnazione
14 – Protezione
15 – Fallimento
16 – Incorporazione
17 – Indottrinamento
18 – Ossessione
19 – Passa
20 – Addio



MISSIONARI DELLA LUCE


Di fronte ai nuovi tempi

Mentre la storia descrive l’intervento delle fate, riferendosi ai numi tutelari, ai castelli nascosti e alle meraviglie delle foreste sconosciute, i bambini ascoltano attenti dimostrando, nel loro volto felice, allegria e interesse. Tuttavia, quando il narratore modifica la parola e la fissa nelle realtà educative, la mente infantile si ritrae, annoiata, stanca... Non comprende la promessa di una vita futura, con le sue fatiche e le sue responsabilità.
I cuori ancora teneri amano il sogno, aspettano l’eroismo facile, apprezzano il minore sforzo, non comprendendo immediatamente il lavoro divino della perfezione eterna e così si allontanano dall’insegnamento reale, sorpresi e spaventati. La vita però li aspetta con le sue leggi immutabili, rivelando loro, gradualmente, la verità, senza rumori spettacolari, con la serenità di una madre.
Le pagine di André Luiz1 ricordano questa immagine.
Mentre gli Spiriti Saggi e Benevoli portano la visione celeste, ampliando il campo delle speranze umane, tutti i compagni incarnati ci ascoltano, immobili e beati. È la consolazione sublime, il conforto desiderato. Si uniscono i cuori per ricevere i messaggi dal Cielo. Ma, se gli emissari del piano superiore rivelano alcuni aspetti della vita spirituale, parlandogli del lavoro su sé stessi, della responsabilità personale, della lotta costruttiva, dello studio necessario e dell’auto–perfezionamento, non nascondono uno spiacevole disagio. Contrariamente alle congetture della prima ora, gli Spiriti saggi, non scrutano il cielo delle cose facili, né la regione dei favori; non intravedono avvenimenti miracolosi, né osservano la beatitudine riposante. Invece dell’atteso paradiso, si sentono in prossimità di un’infaticabile laboratorio, dove il lavoratore farà affidamento solo su sé stesso, affinché sia debitore alla propria coscienza della sua vittoria o sconfitta. Percepiscono la legge imperitura che stabilisce il controllo della vita, in nome dell’Eterno, senza falsi giudizi. Comprendono che le spiagge della bellezza divina e i castelli incantati della pace aspettano lo Spirito in altri continenti vibratori dell’Universo, riconoscendo, però, che per arrivarvi compete loro sudare e lottare, sforzarsi e perfezionarsi, nuotando nell’immenso mare delle esperienze.
La maggioranza degli spiriti incarnati si spaventa e cerca di retrocedere. Pretendono, dopo la morte del corpo, un Cielo facile, conquistato da sole affermazioni dottrinarie.
Tuttavia, nessuno perturberà la Legge divina; la verità vincerà sempre e la vita eterna continuerà insegnando lentamente, con pazienza materna.
Allo Spiritismo Cristiano spetta adesso, nel mondo, un grandioso e sublime compito.
__________________________________________________________________________________________________________________________
1 Andrè Luiz è lo pseudonimo dell’autore spirituale di “Nosso Lar”, primo libro della Collezione intitolata “La Vita Nel Mondo Spirituale”. Nella sua ultima incarnazione, all’inizio del XX secolo, lavorò come prestigioso medico brasiliano e visse a Rio de Janeiro.
Desiderando mantenere l’anonimato - per rispetto verso i parenti ancora incarnati – quando viene interrogato sul suo nome, rispose prendendo in prestito quello di uno dei fratelli del noto medium Francisco Candido Xavier, autore materiale dell’opera attraverso la psicografia (scrittura automatica).
____________________________________________________________________________________________________________________________
Non basta definirlo con le caratteristiche venerabili di Consolatore dell’Umanità, è necessario anche rivelare la sua condizione di movimento liberatore di coscienze e di cuori.
La morte fisica non è la fine. È un semplice cambio di capitolo nel libro dell’evoluzione e del perfezionamento. Nel suo regno, nessuno deve aspettarsi soluzioni finali e definitive, quando sappiamo che cento anni di attività nel mondo rappresentano una frazione relativamente breve di tempo per qualsiasi edificazione nella vita eterna.
Un’infinità di attività aspettano la dedizione dei lavoratori della verità e del bene. Giganteschi problemi si contrappongono a valorosi Spiriti incarnati in questa epoca, con la gloriosa missione di preparare la nuova era, contribuendo alla restaurazione della fede viva per l’espansione della comprensione umana. Urge soccorrere la Religione, seppellita negli archivi teologici dei templi di pietra e proteggere la Scienza, trasformata in genio satanico della distruzione.
La spiritualità vittoriosa percorre il mondo, rigenerandone le fonti morali, svegliando l’essere umano nel quadro realistico delle sue conquiste. Per l’uomo del secolo XX, senza credenze, ci sono nuove chiamate verso orizzonti più vasti per dimostrargli che lo Spirito vive al di sopra delle civiltà, trasformate e consumate dalla guerra nella sua voracità di drago millenario.
Di fronte ai nuovi tempi e considerando lo sforzo grandioso del rinnovamento, diventa necessario il concorso di tutti i servitori fedeli della verità e del bene affinché, prima di tutto, ognuno viva la nuova fede, migliorandosi ed elevandosi, nel cammino di un mondo migliore, perché l’edificazione del Cristo prevalga sulle insignificanti parole dalle brillanti ideologie.
Nella concretizzazione del compito superiore, si riuniscono incarnati e disincarnati di buona volontà, costruendo il ponte di luce, attraverso il quale l’Umanità oltrepasserà l’abisso dell’ignoranza e della morte.
È per questo motivo, amico lettore, che André Luiz viene, ancora una volta, ad incontrarti, per dirti qualcosa sul servizio divino dei Missionari della Luce, chiarendo, inoltre, che l’uomo è uno Spirito Eterno, che abita temporaneamente il tempio vivo della carne terrestre; che il perispirito2 o campo biomorfo, non è un corpo di vaga foschia bensì un’organizzazione viva alla quale si modellano le cellule materiali; che l’anima, da qualsiasi parte stia, riceve secondo il suo operato; che i legami di amore e di odio ci accompagnano in qualunque circolo della nostra vita; che, oltre alla lotta ordinaria di ogni giorno, la coscienza incarnata, svolge altre attività; che la reincarnazione3 è influenzata da sublimi ascendenti spirituali e che, oltre il sepolcro, l’anima continua a lottare ed imparare, perfezionandosi e servendo i disegni del Signore, crescendo sempre verso la gloria immortale alla quale il Padre ci destinò.
______________________________________________________________________________________________________________________
2 PERISPIRITO O CAMPO BIOMORFO - È la sostanza semi materiale, che serve di primo involucro allo Spirito e unisce l’anima col il corpo. Così come sono in un frutto la buccia, la polpa e il seme. Il perispirito, involucro fluidico permanente, invisibile, che accompagna l’anima nella sua evoluzione, migliorandosi e purificandosi con essa, è anche chiamato; doppio eterico, corpo astrale o mediatore plastico.
3 Palingenesi - [pa-lin-gè-ne-si] s.f. inv. 1 Secondo alcuni sistemi filosofico-religiosi antichi, periodico rinnovamento dell'individuo o del cosmo; nel cristianesimo, rinascita dell'uomo dopo la morte o rinnovamento del mondo alla fine dei tempi. 2 fig. Mutamento radicale, rigenerazione: la p. morale del paese. • sec. XVI
____________________________________________________________________________________________________________________

Se la lettura ti sconcerta, se le affermazioni del Messaggero ti sembrano rivoluzionarie, ricorri alla preghiera e ringrazia il Signore per l’apprendistato, chiedendogli che ti chiarisca e illumini, affinché l’inganno non ti trattenga nelle sue reti. Ricorda che la rivelazione della verità è progressiva e, chiedendo il soccorso divino per il tuo cuore, assecondi i sacri doveri quotidiani che la Terra ti designò, cosciente che la morte non ti condurrà alla stagnazione ma sì a nuovi campi di perfezionamento, lavoro, rinnovamento e lotta benedetta, dove vivrai molto di più e più intensamente.
EMMANUEL
Pedro Leopoldo, 13 maggio 1945.
“L’essere umano è in qualsiasi situazione,
quello che aspira,
l’irradiazione di quello che sente,
gli interessi che coltiva.”

Spirito Joanna de Ângelis
Psicografia Divaldo Pereira Franco
Avatar utente
Fernanda
Amministratore
 
Messaggi: 1448
Iscritto il: venerdì 20 febbraio 2009, 16:08
“Mi Piace” dati: 0 volta
“Mi Piace” ricevuti: 397 volte
Religione: Spiritista

Re: Un nuovo libro da leggere e studiare "Missionari della L

Messaggioda Fernanda » venerdì 23 novembre 2018, 22:28

1
Lo Psicografo

Finita la conversazione sui problemi d’interscambio con gli abitanti della sfera carnale, l’Istruttore Alessandro, che svolge elevate mansioni nel nostro piano, mi rivolse la parola, gentilmente:
‒ Comprendo il tuo desiderio. Se desideri, al momento opportuno, potrai accompagnarmi al nostro nucleo.
‒ Sì ‒ risposi, felice ‒, la questione sulla medianità è affascinante.
L’interlocutore sorrise con benevolenza e concordò:
‒ In realtà lo è per chi esamina gli ascendenti morali.
Più tardi, abbiamo preso appuntamento per la mia visita notturna, così, rimasi ad aspettare gli insegnamenti pratici, pieno di vivo interesse.
Arrivato il momento, mi sono avvalso della prestigiosa influenza di Alessandro per entrare nello spazioso e vecchio salone, dove egli svolge incarichi direzionali.
Tra le decine di sedie, disposte per file, solamente diciotto erano occupate da autentiche persone terrestri. Le altre appartenevano alla massa invisibile agli occhi comuni del piano fisico. Era una grande assemblea di anime sofferenti. Un pubblico esteso e bisognoso.
Osservai che fili luminosi dividevano gli assistenti della regione spirituale in differenti gruppi. Ognuno esibiva caratteristiche proprie. Intorno alle zone di accesso, si trovavano dei guardiani e ho potuto comprendere, dal vociferare esterno, che anche lì l’ingresso dei disincarnati subiva un considerevole controllo. Le entità bisognose, ammesse all’interno, erano discrete e restavano in silenzio.
Entrai con cautela, senza destare l’attenzione dell’assemblea, che ascoltava emozionata la parola generosa e edificante dell’operoso istruttore della casa.
Un gran numero di cooperatori vegliava attento. E, mentre il devoto mentore parlava con il cuore, i diciotto compagni incarnati si trattenevano in rigorosa concentrazione col pensiero innalzato a obiettivi elevati e puri. Era bello sentire la loro singolare vibrazione. Ognuno emetteva raggi luminosi, molto diversi nell’intensità e nel colore. Quei raggi si univano, a una distanza approssimata di sessanta centimetri dai corpi fisici e stabilivano una corrente di forze, abbastanza differente dalle energie della nostra sfera. Quella corrente non si limitava al circolo movimentato in cui si trovava. A un certo punto, emanavano elementi vitali, come se si trattasse di una fonte miracolosa proveniente dai cuori e dalle menti umane che lì si riunivano. Le energie degli incarnati si fondevano ai fluidi vigorosi dei lavoratori del nostro piano di azione, riuniti in gran numero, formavano una preziosa riserva benefica per gli infelici che si trovavano ancora eccessivamente legati alle sensazioni fisiche.
Tali forze mentali non sono illusorie, come potrebbe sembrare alla comprensione terrestre, poco istruita sulle infinite riserve di possibilità che esistono oltre la materia più grossolana.
Mi sono fermato a riflettere sui nuovi valori del mio apprendistato, quando il mio amico, finita la dissertazione consolatrice, sollecitò la mia presenza nei servizi medianici. Dimostrandosi interessato nell’utilizzare bene il tempo, fu molto riservato nei saluti.
‒ Non possiamo perdere un minuto ‒ informò.
Ed indicando un ridotto gruppo vicino, di sei entità, chiarì:
‒ Gli amici autorizzati aspettano lì.
‒ Per la comunicazione? ‒ chiesi.
L’istruttore fece un segno affermativo e disse:
‒ Non tutti, però, riescono nell’intento nello stesso momento. Alcuni sono obbligati ad aspettare settimane, mesi, anni...
‒ Non credevo che il compito fosse tanto difficile ‒ aggiunsi attonito.
‒ Vedrai subito ‒ disse gentilmente Alessandro.
E dirigendosi verso un giovane che si manteneva in profonda concentrazione, circondato dagli ausiliari del nostro piano, spiegò, attento:
‒ Abbiamo sei probabili comunicanti, ma, nella presente riunione, solo uno è in condizioni di servire come medium. Pertanto, già da ora, siamo obbligati a considerare che il gruppo di apprendisti e operai terrestri riceverà solamente quello che sarà d’interesse collettivo. Non c’è possibilità per qualunque altro servizio straordinario.
‒ Pensavo che il medium fosse soprattutto una macchina.
‒ Anche la macchina si consuma ‒ osservò l’istruttore ‒ e siamo davanti ad un macchinario troppo delicato.
Osservando la mia espressione di stupore, Alessandro continuò:
‒ Innanzitutto, dobbiamo riconoscere che nei servizi medianici hanno preponderanza i fattori morali. In questo momento, il medium, per essere fedele al mandato superiore, deve possedere chiarezza e serenità, come lo specchio cristallino di un lago. Altrimenti, le onde d’inquietudine perturberebbero la proiezione della nostra spiritualità sulla materialità terrestre, come le acque agitate non riflettono le sublimi immagini del cielo e della Natura.
Indicando il medium, l’istruttore proseguì con voce ferma:
‒ Questo fratello non è un semplice apparecchio. È uno Spirito che deve essere libero tanto quanto il nostro e che per prestarsi all’interscambio desiderato, deve rinunciare a sé stesso, con abnegazione ed umiltà, fattori primordiali per ottenere l’accesso allo scambio con le regioni più elevate. Deve tacere perché gli altri parlino; dare sé stesso, affinché altri ricevano. Insomma, deve servire da ponte, dove si trovino interessi diversi. Senza questa comprensione cosciente dello spirito di servizio, non potrebbe servire ai buoni propositi. Naturalmente, egli è responsabile per il mantenimento delle risorse interne come la tolleranza, l’umiltà, la disponibilità fraterna, la pazienza e l’amore cristiano; tuttavia, dobbiamo cooperare nel senso di conservargli gli stimoli di natura esterna, perché se il compagno non ha pane, né relativa pace, se li manca assistenza per le necessità più semplici, non potremo esigergli la collaborazione, che deriva dal sacrificio. Pertanto, le nostre responsabilità sono coniugate nei minimi dettagli per il compito da compiere.
Mi è balenata l’idea che il medium dovrebbe attendere, soddisfatto, la ricompensa divina, Alessandro però, ponderò:
‒ Consideriamo amico mio, che ci troviamo davanti a un lavoro ancora incompleto. La questione del salario verrà dopo.
A quel punto della conversazione, m’invitò ad avvicinarmi al medium e appoggiando la mano destra sulla fronte del medium, esclamò:
‒ Osserva. Siamo di fronte ad uno psicografo comune. Prima del lavoro al quale si sottomette in questo momento, i nostri ausiliari hanno già preparato le sue possibilità affinché non gli si alteri la salute fisica. La trasmissione del messaggio non sarà semplicemente “prendere la mano”. Ci sono dei processi intricati e complessi...
Di fronte alla mia profonda curiosità scientifica, l’istruttore mi offrì l’aiuto magnetico della sua vigorosa personalità e cominciai a osservare, nel corpo dell’intermediario, un grande laboratorio di forze vibranti. Il mio potere di ricezione visiva superava quello dei raggi X, con caratteristiche molto più perfezionate. Le ghiandole del giovane si trasformarono in nuclei luminosi, come se fossero perfetti laboratori elettrici. In particolare, mi trattenni nella contemplazione del cervello. I conduttori midollari4 formavano un grande stoppino, sostenendo la luce mentale, come una fiamma generosa di una candela di enormi proporzioni. I centri metabolici mi riempivano di sorpresa. Il cervello mostrava delle folgorazioni nei suoi disegni capricciosi. I lobi cerebrali ricordavano le correnti dinamiche. Le cellule corticali e le fibre nervose, con le loro tenui ramificazioni, costituivano delicati elementi di conduzione delle energie recondite e imponderabili. In quel concerto, sotto una luce mentale indefinibile, l’epifisi5 emetteva raggi azzurrini e intensi.
‒ Riesci a osservare bene? ‒ chiese l’istruttore, interrompendo il mio stupore. ‒ Trasmettere messaggi da una sfera a un’altra, nel servizio dell’edificazione umana ‒ continuò ‒, richiede sforzo, buona volontà, cooperazione e proposito fermo. È naturale che l’allenamento e la collaborazione spontanea del medium facilitino il lavoro; ma, in ogni modo, il servizio non è automatico. Richiede molta comprensione, opportunità e coscienza.
Ero stupefatto.
____________________________________________________________________________________________________________________
4 Parenchima conduttore: Negli organismi animali rappresenta un tessuto che compone la massa principale, attiva e funzionale di un agglomerato cellulare, parte di organo o organo in toto. È spesso strutturalmente associato a uno o più tessuti con funzione nutritiva e di sostegno, denominati stroma.
5 Epifisi o Ghiandola pineale. L'epifisi è una piccola ghiandola endocrina situata al centro della scatola cranica. H un diametro di circa 8 mm ed un peso di 0,1 gr. Nota anche come ghiandola pineale (per via della forma che ricalca a grandi linee quella di una pigna), è preposta alla secrezione e alla sintesi dell’ormone chiamato melatonina, ormone chiave nella regolazione del ciclo sonno-veglia.
____________________________________________________________________________________________________________________

‒ Credi che l’intermediario possa improvvisare lo stato ricettivo? ‒ domandò ‒ In nessun modo. La sua preparazione spirituale deve essere incessante. Qualunque incidente può turbare l’apparecchio sensibile, come un colpo che interrompe il lavoro della valvola ricevente. Inoltre, la nostra cooperazione magnetica è fondamentale per l’esecuzione del compito. Esamina attentamente. Stiamo notando le singolarità del corpo perispirituale6. Puoi adesso, riconoscere che ogni centro ghiandolare è una potenza elettrica. Nell’esercizio medianico, in qualunque modalità, l’epifisi svolge il ruolo più importante. Attraverso le sue forze equilibrate, la mente umana intensifica il potere di emissione e ricezione di raggi peculiari della nostra sfera. È nell’epifisi che risiedono le nuove sensazioni degli uomini; tuttavia, per la stragrande maggioranza, la potenza divina dorme allo stato embrionale.
Riconobbi che, in realtà, la ghiandola pineale dell’intermediario (del medium), emanava sempre di più un’intensa luminosità.
Spostando la sua attenzione dal cervello verso la macchina corporea in generale, l’istruttore proseguì:
‒ L’operazione del messaggio non è per nulla semplice, i lavoratori incarnati non hanno coscienza del suo meccanismo intrinseco, così come i bambini, abituati al benessere dell’ambiente domestico, non conoscendo per niente il costo della vita né il sacrificio dei genitori, vogliono di più dalla loro famiglia. Molto prima di fare la riunione, il servitore è già stato oggetto della nostra speciale attenzione, affinché i suoi pensieri grossolani non pesino nel suo campo intimo. È stato convenientemente ambientato e, sedendosi qui, è stato assistito da vari operatori del nostro piano. Innanzitutto, le sue cellule nervose riceverono un nuovo coefficiente magnetico, affinché non soffra perdite deplorevoli di sostanza tigroide, i corpuscoli di Nissl7, necessaria ai processi dell’intelligenza. Il sistema nervoso simpatico8, principalmente nel campo magnetico del cuore, ha ricevuto aiuti energici e il sistema nervoso centrale è stato convenientemente assistito, per non compromettere la salute del lavoratore di buona volontà. Attraverso la nostra influenza il nervo vago9 è stato difeso da qualsiasi choc delle viscere.
______________________________________________________________________________________________________________
6 Perispirito: l’anima, tanto nella vita corporea che dopo morte, è costantemente involta in una veste fluidica più o meno sottile o eterea che Allan Kardec chiamò perispirito o corpo spirituale. Il perispirito serve da mediatore fra il corpo e l’anima; trasmette a questa le impressioni dei sensi e comunica al corpo la volontà dello spirito. Alla morte, esso si stacca dalla materia tangibile, abbandona il corpo alla decomposizione della tomba, ma rimane unito all’anima e ne costituisce la forma esterna e la personalità. Il perispirito, dunque, è un organismo fluidico, è la forma preesistente e sopravvivente dell’essere umano, la trama sulla quale si formerà il corpo fisico.
7 La sostanza tigroide o sostanza cromofila o corpo di Nissl è una sostanza formata da piccole masse di reticolo endoplasmatico rugoso all'interno del citoplasma del neurone, simili a sfere. Il nome deriva da Franz Nissl, un neuropatologo tedesco, che ne ha scoperto la presenza.
8 Il sistema nervoso simpatico (SNS) o torace-lombare, è una delle due branche del sistema nervoso autonomo o vegetativo (SNA), che interviene nel controllo delle funzioni corporee involontarie. Ha una funzione stimolante, eccitante, contraente; presiede al sistema di adattamento attacco e fuga. Il neurotrasmettitore caratteristico del neurone pregangliare del simpatico è l'acetilcolina, mentre quello post glangliare sfrutta la noradrenalina e l’adrenalina: per questo motivo il sistema nervoso simpatico è noto anche come sistema adrenergico. Avere l’adrenalina alle stelle.
9 Il nervo vago è il decimo delle dodici paia di nervi encefalici che partono dal tronco encefalico. Il nervo vago parte dal midollo allungato e si porta, verso il basso nel torace e nell'addome. I 2 nervi vaghi destro e sinistro sono tra i più importanti del corpo nonché i più lunghi ed i più ramificati tra i nervi cranici. Il suo nome deriva dalla parola latina vagus, che significa letteralmente "vagabondo".
___________________________________________________________________________________________________________________

Le ghiandole surrenali10 hanno ricevuto un aumento di energia, per ottenere la produzione accelerata di adrenalina, della quale abbiamo bisogno, per fare fronte all’eventuale dispendio delle riserve nervose.
In quell’istante, vidi che il medium sembrava essere quasi disincarnato. Le sue espressioni grossolane, della carne, erano scomparse alla mia vista; tale era l’intensità della luce, che lo circondava e che proveniva dai suoi centri perispirituali.
Dopo un lungo intervallo, Alessandro continuò:
‒ Da quel che vediamo, non abbiamo uno scheletro di calcio rivestito da carboidrati e proteine, bensì una rappresentazione più efficace dell’uomo immortale, figlio del Dio Eterno. Osserva, in questa nuova anatomia, la gloria di ogni minuscola unità del corpo. Ogni cellula è un motore elettrico che necessita di combustibile per funzionare, vivere e servire. Disinteressato del mio stupore, l’istruttore cambiò atteggiamento e disse:
‒ Interrompiamo le osservazioni. È necessario agire.
Indicò uno dei sei comunicatori. Il messaggero si avvicinò contento.
‒ Calisto ‒ disse Alessandro, in tono grave ‒, abbiamo sei amici per l’interscambio; ma, le possibilità sono ridotte. Scriverai solo tu. Occupa il tuo posto. Ricorda che la tua missione deve essere consolatrice e niente particolari personali. L’opportunità è limitata e dobbiamo considerare l’interesse di tutti.
Dopo averci salutato velocemente, Calisto si collocò al lato del medium, che lo ricevette con evidente segno di allegria. Lo circondò con il braccio sinistro e alzando la mano fino al cervello del giovane, gli toccava il centro della memoria con la punta delle dita, come per raccogliere materiale nei ricordi del compagno. A poco a poco, vidi che la luce mentale del comunicante si mescolava con le irradiazioni del lavoratore incarnato. La zona motoria del medium acquisì un altro colore e un’altra luminosità. Alessandro si avvicinò alla coppia in servizio e collocò la sua mano destra sul lobo frontale del collaboratore umano, come per controllare le fibre inibitorie, evitando per quanto possibile, le interferenze dell’apparecchio medianico (interferenze personali del medium).
Calisto mostrava enorme allegria sul suo viso da felice servitore che si rallegra con le benedizioni del lavoro e, dando segnali di profonda gratitudine al Signore, cominciò a scrivere, prendendo possesso del braccio del compagno, iniziando il servizio con le belle parole:
‒ Che la pace di Gesù sia con voi!
___________________________________________________________________________________________________________________
10 Le ghiandole surrenali, sono due ghiandole, situate sopra i reni. La sostanza midollare produce due ormoni, l'adrenalina e la noradrenalina che : 1) Stimolano l'attività del cuore, aumentando la forza di contrazione del muscolo cardiaco; 2) aumentano il tasso glicemico del sangue, facilitando così l'assorbimento degli zuccheri da parte dei tessuti; 3) stimolano la coagulazione del sangue; 4) diminuiscono la fatica muscolare, per cui consentono un'attività fisica più intensa e prolungata; 5) svolgono un'azione vasocostrittrice, permettendo in tal modo al sangue di affluire in maggior quantità in una parte dell'organismo in cui vi sia impellente necessità del suo apporto. La secrezione di adrenalina prepara l'organismo a reagire, per esempio, in risposta a un pericolo imminente o a un fattore stressante. (Vedi 4)
__________________________________________________________________________________________________________________

2

L’epifisi

Mentre il nostro compagno traeva beneficio dall’organizzazione medianica, mi avvalsi delle forze magnetiche che l’istruttore mi aveva somministrato, per fissare la massima attenzione sul medium. Quanto più notavo le singolarità del cervello, più ammiravo la luce crescente che l’epifisi consentiva di percepire. La minuscola ghiandola si era trasformata in un nucleo radiante e attorno ad essa i suoi raggi formavano un loto dai petali sublimi.
Esaminai attentamente gli altri incarnati. In tutti loro la ghiandola presentava note di luminosità, ma in nessuno brillava come nel medium in servizio.
Sul nucleo, ora simile a un fiore risplendente, cadevano soavi luci dall’Alto, facendomi riconoscere che lì si trovavano in gioco vibrazioni delicate e per me impercettibili.
Avevo studiato la funzione dell’epifisi nei miei modesti servizi come medico terrestre. Secondo gli istruttori classici, le sue funzioni si limitavano al controllo sessuale nel periodo infantile e non era altro che un inibitore degli istinti, fino a quando le ruote dell’esperienza sessuale potessero scivolare regolarmente per le strade della vita umana. Poi perdeva la sua forza, si rilassava e quasi spariva, affinché le ghiandole genitali le succedessero nel campo della piena energia.
Le mie osservazioni lì, tuttavia, contrastavano con le definizioni dei circoli ufficiali.
Siccome la risorsa di chi ignora, è sperare nella conoscenza altrui, aspettai i chiarimenti di Alessandro, al termine del servizio attivo.
Passati alcuni minuti, il generoso mentore si avvicinò a me. Non aspettò che mi spiegassi.
‒ Conosco la tua perplessità ‒ disse. ‒ Ho avuto anch’io la stessa sorpresa, in un altro tempo. L’epifisi è ora una rivelazione per te.
‒ Senza dubbio – affermai.
‒ Non si tratta di un organo morto, secondo le vecchie supposizioni ‒ proseguì. ‒ È la ghiandola della vita mentale. Risveglia nell’organismo dell’uomo, nella pubertà, le forze creatrici e in seguito continua a funzionare, come il più avanzato laboratorio di elementi psichici della creatura terrestre. Il neurologo comune non la conosce bene. Lo psichiatra scoprirà più tardi i suoi segreti. Gli psicologi comuni la ignorano. Freud, studiando l’indisciplina congenita dell’Umanità, identificò la deviazione dell’epifisi quando esalta l’influenza della “libido”. Nel periodo dello sviluppo infantile, fase di riequilibrio di questo importante centro del corpo perispirituale preesistente, l’epifisi sembra costituire il freno alle manifestazioni sessuali; è necessario rettificare queste conclusioni.
Intorno ai quattordici anni, incrementa la sua attività nell’uomo incarnato non servendo più solo ai suoi compiti essenziali. Quello che rappresentava una limitazione, diventa fonte creativa e valvola di sfogo. La ghiandola pineale si armonizza al concerto organico e riapre mondi meravigliosi di sensazioni e impressioni nella sfera emotiva. La persona si apre alla rivalutazione della sessualità ed esamina l’insieme delle sue passioni vissute in un’altra epoca, le quali riappaiono sotto forti impulsi.
Ero profondamente sorpreso.
Terminato l’intervallo, Alessandro continuò:
‒ Essa presiede i fenomeni nervosi dell’emotività, come organo di elevata espressione nel corpo etereo. Slaccia, in un certo modo, i legami divini della Natura, i quali annodano le esistenze le une ad altre, nella sequenza di lotte nel raggiungimento del perfezionamento dell’anima e lascia intravedere la grandezza delle facoltà creative dalle quali l’essere umano si trova investito.
‒ Dio mio! ‒ esclamai ‒ e le ghiandole genitali, dove si trovano?
L’istruttore sorrise e chiarì:
‒ Sono troppo meccaniche, per conservare i principi sottili e quasi imponderabili della procreazione. Sono assolutamente controllate dal potenziale magnetico del quale l’epifisi è la fonte fondamentale. Le ghiandole genitali secernono gli ormoni del sesso, ma la ghiandola pineale, se posso esprimermi così, contiene e racchiude gli “ormoni psichici” o “unità di forza” che vanno ad agire, in maniera positiva, nelle energie generatrici. I cromosomi della borsa seminale non esulano dalla sua influenza assoluta e determinata.
Alessandro fece un gesto indicativo e considerò:
‒ Ciò nonostante, non stiamo esaminando un problema di embriologia. Limitiamoci al tema iniziale e analizziamo l’epifisi, come ghiandola della vita spirituale dell’uomo.
Dentro il mio stupore, rimasi in rigoroso silenzio, affamato di nuovi insegnamenti.
‒ Segregando delicate energie psichiche ‒ proseguì Alessandro –, la ghiandola pineale conserva ascendenza su tutto il sistema endocrino. Legata alla mente attraverso principi elettromagnetici del campo vitale, che la scienza comune ancora non può identificare, comanda le forze inconsce sotto la determinazione diretta della volontà. Le reti nervose costituiscono i suoi fili telegrafici per controllare immediatamente tutti i dipartimenti cellulari e sotto la sua direzione si eseguono le somministrazioni di energie psichiche a tutti i centri di accumulo autonomi degli organi. Con la peculiarità di sorgente creativa tra le più importanti, i suoi compiti sono estesi e fondamentali. Con l’incarico di controllore del mondo emotivo, la sua posizione nell’esperienza sessuale è basilare e assoluta. In modo generale, tutti noi, tanto ora quanto nel passato, abbiamo corrotto questa sorgente sacra di forze creatrici, trasformandola in una calamita indebolita, tra le sensazioni inferiori di natura animale. Quante esistenze abbiamo usato nella canalizzazione delle nostre possibilità spirituali, verso i più bassi campi del piacere materialista? Deplorevolmente allontanati da un suo uso responsabile, abbracciamo i disordini emotivi e allora, mio caro amico, la nostra molti millenaria corruzione delle energie creatrici ci carica di compromessi morali, verso tutti quelli che abbiamo ferito coi nostri deliri e le nostre impulsività. Dal disprezzo per questo potenziale sacro, si susseguono i dolorosi fenomeni dell’eredità fisiologica, che dovrebbero costituire, invariabilmente, un quadro di acquisizioni benedette e pure. La perversione del nostro piano mentale cosciente determina, in qualunque senso dell’evoluzione, la perversione del nostro psichismo incosciente, addetto all’esecuzione dei desideri e ordini più intimi, nell’ambito delle operazioni automatiche. La volontà squilibrata destabilizza la sorgente delle nostre possibilità creative. Da lì viene la necessità di regole morali per chi, in realtà, sia interessato sulle conoscenze eterne nei domini dello Spirito. Rinuncia, abnegazione, moderazione sessuale e disciplina emotiva, non costituiscono semplici precetti di carattere religioso. Sono provvidenze di tenore scientifico, per arricchimento effettivo della personalità. Mai potremo fuggire alla legge i cui articoli e paragrafi del Supremo Legislatore abbracciano l’Universo. Nessuno ingannerà la Natura. Centri vitali squilibrati obbligheranno l’anima a rimanere nelle situazioni di squilibrio. Non serve a nulla arrivare alla morte fisica, esibendo gesti e parole convenzionali, se l’uomo non si è preoccupato di raggiungere il suo proprio perfezionamento. La Giustizia che regge la Vita Eterna non è mai scesa a compromessi. È certo che nell’estremo istante dello Spirito incarnato, i sentimenti profondi cooperano decisivamente nelle attività di rigenerazione al di là del sepolcro, ma non costituiscono tutto il necessario.
L’istruttore parlava in tono sublime, per lo meno per me, che per la prima volta sentivo commenti sulla coscienza, la virtù e la santificazione, all’interno di concetti strettamente logici e scientifici nel campo della ragione.
Ora, mi si erano schiarite le idee in modo franco. Ricevere un corpo, per mezzo delle concessioni della reincarnazione, non è guadagnare una barca per lanciarsi in una nuova avventura in balia delle circostanze, ma bensì una responsabilità definita dai servizi dell’apprendistato, elevazione o riparazione, negli sforzi evolutivi e redentori.
‒ Comprendi ora le funzioni dell’epifisi nella crescita mentale dell’uomo e nell’arricchimento dei valori dell’anima? ‒ mi domandò l’istruttore.
‒ Sì... risposi fortemente impressionato.
‒ Segregando “unità - forza” ‒ continuò ‒, può essere comparata a un potente generatore, che deve essere sfruttato e controllato nel servizio di illuminazione, raffinamento e beneficio della personalità anziché abusarne come un supplemento psichico nelle emozioni di bassa classe. Rifocillarsi nella melma delle sensazioni inferiori, come fanno i suini, significa trattenerla nelle correnti tossiche dei deliri della natura animale e, nello spreco eccessivo di energie sottili, molto difficilmente riuscirà l’uomo ad emergere dal terribile tuffo nelle tenebre, immersione che si prolunga oltre la morte corporale. In considerazione di ciò, è indispensabile far curare con attenzione l’economia delle forze, in ogni servizio onesto di sviluppo delle facoltà superiori. I cultori della ragione materialista e assoluta, signori di vasti patrimoni intellettuali, percepirono da lontano simili realtà e, con l’intenzione di preservare la gioventù, le forme e l’eugenetica, fomentarono la pratica dello sport in tutte le sue modalità. Contro i pericoli possibili, nell’eccessiva accumulazione di forze nervose, come sono chiamate le secrezioni elettriche dell’epifisi, consigliarono ai giovani di tutti i paesi, l’uso del remo, della palla, del salto, della sbarra, delle corse a piedi. In quel modo si preservavano i valori organici, legittimi e normali, per le funzioni dell’eredità. Questa misura, sebbene sia in parte soddisfacente, è indubbiamente, incompleta e difettosa. Indiscutibilmente, la ginnastica e l’esercizio controllati sono fattori preziosi per la salute; l’onesta competizione sportiva, è prezioso fondamento di socializzazione; benché, possono limitarsi a semplici provvedimenti, a beneficio delle ossa, a
volte, degenerano in stimolo alle passioni meno degne. Sono ancora molto pochi, quelli sulla Terra, che riconoscono la necessità della preservazione delle energie psichiche, per l’ingrandimento dello Spirito eterno. L’uomo passa la sua vita, dimenticando che Gesù insegnò la virtù come sport dell’anima e non sempre si ricorda che, nel problema del perfezionamento interno, non si tratta di rettificare l’ombra della sostanza ma proprio la sostanza in sé stessa.
Ascoltavo quelle istruzioni, tra l’emozione e lo stupore.
‒ Comprendi ora com’è importante la rinuncia? Percepisci la grandezza della legge di elevazione attraverso il sacrificio? Il salasso stimola la produzione di cellule vitali nel midollo osseo; la potatura offre bellezza, novità e abbondanza agli alberi. L’uomo che pratica veramente il bene, vive nel seno delle vibrazioni costruttive e santificanti della gratitudine, della felicità, dell’allegria. Questo non significa fare teoria della speranza. È un principio scientifico senza la cui applicazione nella sfera comune, non si libera l’anima, decentralizzata, dal vizio delle zone più basse della Natura.
Osservando che le istruzioni gli prendevano troppo tempo, Alessandro concluse:
‒ Conforme alle nostre osservazioni, la funzione dell’epifisi nella vita mentale è molto importante.
‒ Sì ‒ considerai ‒, comprendo ora quanto sia importante la sua influenza nel sesso e capisco, ugualmente, la dolorosa e lunga tragedia sessuale dell’Umanità. Percepisco, nitidamente, il perché dei continui drammi, le afflizioni che sembrano non avere fine, le ansie che finiscono nel crimine, la palude della sofferenza che avvolge i focolari e i cuori...
‒ E l’uomo sempre disposto a corrompere i centri sacri della sua personalità ‒ concluse Alessandro, solennemente ‒, sempre incline a contrarre nuovi debiti, ma difficilmente deciso a rettificare o pagare.
‒ Comprendo, comprendo... E, sentendo alcuni dubbi, esclamai:
‒ Non sarebbe allora, più ragionevole...
L’istruttore m’interruppe la parola e disse:
‒ So già quello che desideri chiedere. E, sorridendo, aggiunse:
‒ Ti domandi se non sarebbe più interessante chiudere tutti le esperienze di sesso e seppellire le possibilità della rinascita carnale. Simile indagine è inopportuna. Nessuno deve agire contro la legge. L’uso rispettabile dei patrimoni della vita, l’unione nobilitante, il degno avvicinamento, costituisce il programma di elevazione. È, pertanto, indispensabile distinguere tra armonia e squilibrio, evitando la stagnazione nei precipizi fatali.
Dette queste parole, Alessandro tacque, come un istruttore coscienzioso che lascia al discepolo il tempo necessario per digerire la lezione.
“L’essere umano è in qualsiasi situazione,
quello che aspira,
l’irradiazione di quello che sente,
gli interessi che coltiva.”

Spirito Joanna de Ângelis
Psicografia Divaldo Pereira Franco
Avatar utente
Fernanda
Amministratore
 
Messaggi: 1448
Iscritto il: venerdì 20 febbraio 2009, 16:08
“Mi Piace” dati: 0 volta
“Mi Piace” ricevuti: 397 volte
Religione: Spiritista

Re: Un nuovo libro da leggere e studiare "Missionari della L

Messaggioda Fernanda » sabato 1 dicembre 2018, 14:46

E continuando con la nostra lettura... "Missionari della Luce" per me è un libro intenso, profondo e continua su un discorso, partito dal libro "I Messaggeri", di forma non solo ad illuminare la nostra mente, ma arricchirla su qualcosa che oggi la scienza comincia a dare i primi passi, e che passi! Va alla scoperta di qualcosa oltre al cervello umano e che riguarda tanto alle cellule... un processo di connessione dove sentimenti ed emozioni attivano una loro memoria ed è veramente un argomento da leggere, studiare e riflettere. Noi sappiamo poco o niente... Quanto da conoscere dentro questo equilibrio universale...Chi vorrà partecipare con noi e dare il suo contributo! : Rolleyes : : book : :grazie1000: Un abbraccio e a presto.

3
Sviluppo medianico
I servizi speciali, non offrivano occasione per escursioni ampie e frequenti, in compagnia di Alessandro; tuttavia approfittavo di tutto il tempo libero nei lavori comuni. C’era sempre qualcosa da imparare. Costituiva enorme soddisfazione seguire l’attivo missionario nei lavori di comunicazione.
‒ Oggi a notte, ‒ mi disse l’affezionato amico ‒, osserverai alcune dimostrazioni di sviluppo medianico.
Aspettai le istruzioni con interesse. Nel momento indicato, mi aggregai al gruppo. Prima dell’ingresso dei compagni incarnati, era già molto grande il movimento. C’erano molti lavoratori e tanti servizi di natura spirituale. Ammiravo le caratteristiche dei soccorsi magnetici dispensati alle entità sofferenti, quando Alessandro disse:
‒ Per ora, i nostri sforzi sono più fruttuosi nel circolo dei disincarnati infelici. Le attività benefiche della casa, si concentrano in modo particolare su di loro, perché gli incarnati, perfino quelli che si sono già interessati alla pratica spiritista, molto raramente si dispongono, con sincerità, al beneficio reale dei valori legittimi della nostra cooperazione.
E dopo una lunga pausa, proseguì:
‒ La transizione, tra l’animalità grossolana e la spiritualità superiore, è molto lenta e difficile. In questo senso, tra gli uomini, c’è sempre, un oceano di parole e poche gocce di azione.
In quell’istante, i primi amici del piano carnale, fecero la loro comparsa nella sala.
‒ Vedremo se oggi avremo più fortuna ‒, esclamava un signore dai grossi baffi.
‒ Non sono costante in queste esperienze ‒ commentò un giovane ‒, perché vivo scoraggiato... Da qualche tempo prendo la matita in mano, senza risultato alcuno.
‒ È una pena! ‒, rispondeva un altro signore ‒; realmente, la difficoltà scoraggia.
‒ Sembrerebbe che non meritiamo nessuno stimolo, da parte dei benefattori invisibili! ‒, aggiungeva una signora di età ‒; è da molti mesi che cerco, invano, di svilupparmi. In alcuni momenti, sento vibrazioni spirituali intense dentro di me, ma non vado oltre alle manifestazioni iniziali.
La conversazione continuò interessante e pittoresca. Trascorsi alcuni minuti, con la presenza di altri piccoli gruppi di sperimentatori che, solleciti, continuavano ad arrivare, si diede inizio la sessione di sviluppo.
Il direttore fece una toccante preghiera, nella quale fu accompagnato da tutti i presenti. Diciotto persone erano in attesa.
‒ Alcuni ‒ spiegò Alessandro ‒ pretendono la psicografia11, altri tentano la medianicità d’incorporazione.12 Disgraziatamente però, quasi tutti confondono poteri psichici con le funzioni fisiche.
______________________________________________________________________________________________________________________________
11 La psicografia anche detta psicoscrittura è l’intermediazione dello spirito che si comunica attraverso il medium per la scrittura. Questa può essere automatica o meccanica, semi-meccanica e intuitiva. Automatica o meccanica: le funzioni motorie del medium sono totalmente prese dallo spirito comunicante; semi-meccanica: la funzione motoria del medium è presa dallo spirito ma esso è cosciente di quello che sta scrivendo. Infine, l’intuitiva, che sarebbe il medium cosciente di quello che scrive con le sue libere funzioni motorie, intuisce tutto quello che lo spirito comunicante trasmette.

12 Il processo di incorporazione come esprime questa parola non esiste, perché nessuno può "entrare" nel corpo di un altro. Ma lo Spirito può, ed è quello che di solito fa, agire nel campo mentale attraverso la sintonia (e per affinità fluidica con il perispirito del medium), assumendo la personalità e la volontà dell'individuo. In casi di sottomissione, per esempio, il campo è così intenso che dà l'impressione che lo spirito prenda possesso del corpo della persona.
_______________________________________________________________________________________________________________________________
Nella pratica della medianità, quanto maggiore è la conoscenza del medium, più basso è il dominio che lo Spirito avrà su di lui. Se il medium è poco istruito su questa facoltà, lascerà sicuramente campo aperto agli spiriti meno evoluti.
Credono nell’assoluto meccanismo della realizzazione e aspettano il progresso eventuale e problematico, dimenticando che tutto la costruzione dell’anima richiede disciplina, educazione, sforzo e perseveranza. La medianità costruttiva, è la lingua di fuoco dello Spirito Santo, luce divina per la quale è necessario conservare lo stoppino dell’amore cristiano e l’olio della buona volontà pura. Senza la preparazione necessaria, l’escursione di quelli che cercano l’ingresso nel regno invisibile è, spesso un viaggio nei circoli delle tenebre. Raggiungono grandi sensazioni e s’imbattono nelle perplessità dolorose. Fanno scoperte sorprendenti e finiscono ansiosi e pieni di dubbi senza fine. Nessuno può tradire la legge impunemente, e, per salire, verso il perfezionamento intimo, nessuno Spirito sarà dispensato dallo sforzo del perfezionamento interno... Dirigendosi in maniera speciale verso gli astanti, l’istruttore raccomandò:
‒ Osserviamo.
Si mise al fianco di un giovane che aspettava con la matita in mano, sommerso in profondo silenzio. Alessandro mi offrì il suo vigoroso aiuto magnetico e contemplai con attenzione. I nuclei ghiandolari del giovane emettevano pallide irradiazioni. Principalmente, l’epifisi assomigliava a una piccola semente luminosa.
‒ Osserva i suoi organi genitali ‒, mi consigliò in tono grave l’istruttore.
Rimasi stupefatto. Le ghiandole generatrici emettevano una debolissima luminosità che sembrava oscurata da alluvioni di corpuscoli neri che si distinguevano per la loro spaventosa mobilità. Cominciavano il loro movimento nella vescica urinaria e vibravano lungo tutto il cordone spermatico, formando colonie compatte nelle vescicole seminali, nella prostata, nella massa delle mucose uretrali, invadevano i canali seminali, lottavano con le cellule sessuali, annichilendole. Le più vigorose bestie microscopiche si situavano nell’epididimo, dove assorbivano, fameliche, gli embrioni delicati della vita organica. Ero attonito. Che cosa significava quella massa di piccoli esseri oscuri? Sembravano calamitati gli uni agli altri, nel comune intento distruttivo. Sarebbero manifestazioni sconosciute della sifilide?
Enunciando questa intima indagine, senza che io gli dirigessi la parola, Alessandro mi spiegò: MISSIONARI DELLA LUCE – Francisco Cândido Xavier /André Luiz
‒ No, André. Non abbiamo sotto i nostri occhi, la spirocheta di Schaudinn13, né qualunque nuova forma suscettibile di analisi materiale per i batteriologi umani. Sono bacilli psichici di tortura sessuale, prodotti dalla sete febbrile dei piaceri inferiori. Il dizionario medico del mondo non li conosce e in assenza di una terminologia adeguata alle tue conoscenze, semplicemente, li chiameremo larve. Sono state coltivate da questo compagno, non solo per la sregolatezza nel dominio delle proprie emozioni, attraverso le sue svariate esperienze sessuali, ma anche, per il suo contatto con entità grossolane che sono affini alle sue predilezioni; queste entità lo visitano frequentemente, sotto forma d’impercettibili vampiri. Il poveretto non è ancora capace di comprendere che il corpo fisico è appena una lieve ombra del corpo spirituale; non si è preparato per capire che la prudenza, in materia di sesso, è l’equilibrio della vita e, ricevendo le nostre avvertenze sull’equilibrio, crede di sentire remote lezioni a sfondo dogmatico, inerenti all’esame esclusivo della fede religiosa. Col pretesto di accettare l’impero della ragione assoluta nella sfera della logica, pensa che il sesso non abbia niente a che vedere con la spiritualità, come se questa non fosse la propria esistenza. Si dimentica che tutto è spirito, manifestazione divina ed energia eterna. L’errore del nostro amico è di tutti i religiosi che suppongono che l’anima sia assolutamente separata dal corpo fisico, quando invece tutte le manifestazioni psicofisiche derivano dall’influenza spirituale.
___________________________________________________________________________________________________________________________
13 Fritz Schaudinn nel 1905 ha scoperto la Spirocheta, Treponema pallidum, agente che causa la sifilide.
___________________________________________________________________________________________________________________________
Nuovi mondi di pensieri sorgevano davanti a me. Cominciavo a conoscere definizioni più chiare di quelle che erano state terribili mie incognite, nel capitolo della patogenesi in generale. Non ero ancora uscito dal mio intraducibile stupore, quando l’istruttore richiamò la mia attenzione verso un signore maturo che tentava la psicografia.
‒ Osserva quest’amico ‒, mi disse con autorità ‒, non senti un odore caratteristico?
Effettivamente, attorno a quel viso pallido, si osservava l’esistenza di un’atmosfera poco gradevole. Il suo corpo somigliava a una botte di forma capricciosa dal cui interno fluivano certi vapori molto lievi ma incessanti. Gli si notava la difficoltà nel sostenere il pensiero in relativa calma. Non ebbi alcun dubbio. Di sicuro ingeriva regolarmente sostanze alcoliche. Mi avvalsi dell’opportunità per osservare le sue caratteristiche organiche. L’apparato gastrointestinale sembrava completamente zuppo di acquavite, quella sostanza invadeva tutte le parti del suo stomaco e cominciava a farsi sentire nelle pareti dell’esofago, manifestava la sua influenza fino al bolo fecale. Mi spaventava l’enorme volume del suo fegato. Piccole figure orripilanti si situavano, a volte, lungo la vena porta, lottando disperatamente con gli elementi sanguinei più nuovi. Tutta la struttura dell’organo era alterata. Terribile congestionamento. I lobi cilindrici, modificati, coprivano cellule malate e impoverite. La milza presentava strane anomalie.
‒ L’alcol ‒ chiarì Alessandro, con intonazione grave ‒, lo stava annichilendo lentamente. Stai esaminando le anomalie minori. Questo compagno è completamente separato dai suoi centri di equilibrio vitale. Tutto il suo sistema endocrino è stato intossicato. Il midollo lavora inutilmente per migliorare i valori della circolazione. Invano i centri genitali si sforzano per ordinare le sue funzioni specifiche, perché l’abuso d’alcool determina cambiamenti deprimenti sulla propria cromatina. Senza profitto lavorano i reni nell’escrezione degli elementi corrosivi, perché l’azione perniciosa della sostanza che stiamo studiando, annulla giornalmente un gran numero di nefroni14. Il pancreas, viziato, non serve con precisione al lavoro di disintegrazione degli alimenti. Larve distruttrici sterminano le cellule epatiche. Profonde alterazioni modificano le disposizioni del sistema nervoso vegetativo e, se non fosse per le ghiandole sudoripare, forse sarebbe impossibile la continuazione della vita fisica.
________________________________________________________________________________________________________________________
14 Il nefrone è l'unità funzionale del rene, la più piccola struttura in grado di svolgere tutte le funzioni dell'organo.
15 Il processo di incorporazione come esprime questa parola non esiste, perché nessuno può "entrare" nel corpo di un altro. Ma lo Spirito può, ed è quello che di solito fa, agire nel campo mentale attraverso la sintonia (e per affinità fluidica con il perispirito del medium), assumendo la personalità e la volontà dell'individuo. In casi di sottomissione, per esempio, il campo è così intenso che dà l'impressione che lo spirito prenda possesso del corpo della persona. Nella pratica della medianità, quanto maggiore è la conoscenza del medium, più basso è il dominio che lo Spirito avrà su di lui. Se il medium è poco istruito su questa facoltà, lascerà sicuramente campo aperto agli spiriti meno evoluti.
16 Il Sigma o Colon sigmoideo, è un tratto del Colon sinistro, seguente al Colon discendente. È una regione dell’Intestino Crasso particolarmente importante, perché in questa zona è frequente la formazione di tumori (polipi e cancro) e diverticoli. Il Sigma, come tutto il colon, ha funzioni di semplice transito delle feci e di riassorbimento di acqua ed elettroliti.
17 La valvola ileo-ciecale è uno sfintere muscolare che divide la parte terminale dell'intestino tenue (ileo) dal cieco, impedendo al chilo, (liquido lattiginoso) una volta entrato nel cieco, di rifluire nel tenue. È composta da due pieghe che confluiscono nell'intestino crasso, il loro scopo è non permettere il reflusso gastrointestinale.
____________________________________________________________________________________________________________________________
Non riuscivo a dissimulare il mio stupore. Alessandro indicava i punti malati e chiariva i concetti con saggezza e tanta semplicità che non fui capace di occultare la sorpresa che si impadroniva di me. L’istruttore mi collocò, subito, di fianco ad una signora simpatica e di una certa età. Dopo averla esaminata con attenzione, aggiunse:
‒ Osserva questa sorella. È candidata allo sviluppo della medianità d’incorporazione.15 Una debolissima luce emanava dalla sua organizzazione mentale e, dal primo istante, notai le sue deformazioni fisiche. Lo stomaco si dilatava orribilmente e gli intestini sembravano soffrire strane alterazioni. Il fegato, considerevolmente ingrossato, dimostrava indefinibile agitazione. Dal duodeno fino al colon sigmoideo16, si notavano grandi anomalie. Avevo l’idea che stavo assistendo, non al lavoro di un apparato digestivo normale, bensì a quello di un grande alambicco pieno di pezzi di carne e brodi grassi, con odore di aceto e altri ingredienti e forti condimenti. In una vasta zona del ventre, sovraccarico di alimenti, si vedevano molti parassiti conosciuti, ma, oltre ad essi, scorgevo altri corpuscoli simili a voracissime lumache che si raggruppavano in grandi colonie, dai muscoli e dalle fibre dello stomaco fino alla valvola ileo cecale17. Simili parassiti attaccavano i succhi nutritivi con sorprendente potenziale distruttivo.
Osservando il mio sbalordimento, l’istruttore venne in mio soccorso:
‒ Abbiamo qui una povera amica rovinata dagli eccessi di alimentazione. Tutte le sue ghiandole e i centri nervosi lavorano per servire le esigenze del sistema digestivo. Si è disinteressata di sé stessa, cadendo nella ingordigia crassa, diventando preda di esseri di bassa condizione.
E vedendo che mi mantenevo in silenzio, incapace di argomentare davanti ad insegnamenti tanto innovatori, l’istruttore considerò:
‒ Davanti a queste immagini, puoi valutare l’estensione delle necessità educative nella superficie terrestre. La mente incarnata, si adornò con valori intellettuali facendo culto della ragion assoluta, dimenticandosi che la ragione umana ha bisogno della luce divina. L’uomo comune percepisce poco e sente ancora meno. Di fronte alla scoperta di queste nuove conoscenze e in vista dell’onda rigeneratrice dello Spiritualismo che tocca le nazioni più colte
della Terra, angosciate per lunghe sofferenze collettive, dobbiamo attivare le migliori possibilità di collaborazione, affinché i compagni terrestri valorizzino le loro opportunità benedette di servizio e di redenzione.
Compresi che Alessandro si riferiva velatamente al gran movimento spiritista, in virtù del fatto che ci trovavamo a lavoro in una casa Spirita e non mi sbagliavo, perché il buon mentore continuò dicendo in tono grave:
‒ Lo Spiritismo Cristiano è la reviviscenza del Vangelo di Nostro Signore Gesù Cristo e la medianità ne costituisce uno dei suoi fondamenti vivi. Ma, la medianità non è esclusiva di quelli definiti “medium.” Tutte le creature la possiedono, poiché significa percezione spirituale, che deve essere incoraggiata in noi stessi. Tuttavia, non sarà sufficiente percepire. È imprescindibile santificare questa facoltà, trasformandola in ministero attivo del bene. La maggioranza dei candidati allo sviluppo di questa capacità non è disponibile ai servizi preliminari di pulizia del vaso ricettivo. Dividono, inesorabilmente, la materia e lo spirito, situandoli in campi opposti, malgrado ancora noi, studenti della Verità, non siamo riusciti a identificare rigorosamente le frontiere tra uno e l’altro, pure avendo la certezza che ogni organizzazione universale si basa sulle pure vibrazioni. Innegabilmente, amico mio ‒ e sorrise ‒, non desideriamo noi trasformare il mondo in un cimitero di tristezza e desolazione. Servirsi della santificata missione del sesso nel suo rispettabile obiettivo, bere un aperitivo, preparare un buon cibo, non sono in nessun modo deviazioni spirituali; ma, gli eccessi rappresentano sprechi deplorevoli di forza e mantengono l’anima nei circoli inferiori. Ora, per quelli che si precipitano nelle prigioni delle ombre, non è facile sviluppare percezioni avanzate. Non si può pensare nella medianità costruttiva, senza l’equilibrio edificante degli apprendisti, nella sublime scienza del vivere bene.
‒ Oh! ‒ esclamai ‒, per quale motivo non dire tutto questo ai nostri fratelli qui riuniti? Perché non avvertirli seriamente?
Alessandro sorrise con benevolenza e disse:
‒ No, André. Manteniamo la calma. Siamo in servizio di evoluzione e addestramento. I nostri amici non sono ribelli o cattivi, in senso volontario. Sono spiritualmente disorientati e malati. Non possono trasformarsi da un momento all’altro. Compete a noi, pertanto, aiutarli durante il cammino educativo.
L’istruttore smise di sorridere e aggiunse:
‒ È vero che sognano di edificare meravigliosi castelli, senza base; raggiungere immense scoperte esterne, senza studiare sé stessi; ma, gradualmente, comprenderanno che la medianità elevata o la percezione edificante, non sono attività meccaniche della personalità ma invece conquiste dello Spirito, per il cui raggiungimento non si può prescindere dalle iniziazioni dolorose, dei lavori necessari, con l’auto–educazione sistematica e perseverante. Con l’eccezione di queste illusioni infantili, queste persone sono buoni compagni di lotta, che stimiamo affettuosamente, non solo come nostri fratelli più giovani, ma anche perché sono creditori di riconoscimento per la cooperazione che ci prestano, molte volte inconsciamente. I teneri embrioni vegetali di oggi saranno gli alberi robusti del domani. Le tribù ignoranti di ieri costituiscono l’Umanità di oggi. Per questo, tutte le nostre riunioni sono utili, e, benché i loro passi siano vacillanti nel sentiero, faremo tutto il necessario per difenderli contro le pericolose maglie del vampirismo.


4
Vampirismo
La sessione di sviluppo medianico, come dedussi dalla conversazione tra gli amici incarnati, era stata per loro molto povera di risultati. Ma non era successo lo stesso nel nostro piano, dove si poteva vedere una enorme soddisfazione su tutti i volti, ad iniziare da Alessandro, che appariva esultante.
I lavori erano durati più di due ore e in effetti, anche se mi mantenevo un po’ riservato, ponderando minuziosamente gli insegnamenti ottenuti in quella notte, osservai in ogni dettaglio l’intenso sforzo realizzato dai lavoratori della nostra sfera. Molti di essi, in gran numero, non solo assistevano i compagni terrestri, ma servivano anche lunghe file di entità sofferenti del nostro piano.
Alessandro, il devoto istruttore, si muoveva in mille modi e toccando la questione che più mi impressionava, tra la moltitudine di nobili servizi che si svolgevano, avvicinandosi a me, affermò soddisfatto:
‒ Grazie a Dio, abbiamo avuto una notte felice. Abbiamo lavorato molto contro il vampirismo.
Oh! Il vampirismo era la tesi che mi preoccupava. Avevo visto i più strani bacilli di natura psichica, completamente sconosciuti alla microbiologia più avanzata. Non avevano la forma sferica delle Coccacee18, né l’aspetto da bastoncino di alcuni batteri. Nonostante questo, formavano anche loro colonie dense e terribili. Avevo riconosciuto il loro attacco agli elementi vitali del corpo fisico, agendo con maggiore potenziale distruttivo sulle cellule più delicate. Che significava quel mondo nuovo? Che agenti sarebbero quelli, contraddistinti da indefinibile e pernicioso potere? Sarebbero tutti gli uomini soggetti alla sua influenza?
_______________________________________________________________________________________________________________________
18 Coccacee: famiglia di batteri, con cellule rotondeggianti dette cocchi.
_______________________________________________________________________________________________________________________
Non mi contenni. Esposi all’istruttore, con onestà, i miei dubbi e le mie paure.
Alessandro sorrise e disse:
‒ Molto bene! Molto bene! Sei venuto a osservare i lavori di medianità e stai cercando il tuo posto come medico. È naturale. Se fossi specializzato in un’altra professione, avresti identificato altri aspetti della materia in analisi.
E per incoraggiarmi fraternamente, aggiunse:
‒ Tu dimostri buona preparazione nella medicina spirituale, che desideri studiare.
Dopo una lunga pausa proseguì spiegando:
‒ Senza riferirci ai pipistrelli ematofagi, il vampiro, tra gli uomini, è il fantasma dei morti che esce dal sepolcro a tarda notte, per alimentarsi dal sangue dei vivi. Non so chi sia l’autore di simile definizione, ma, in fondo, non è sbagliata. Bisogna solo considerare che, tra noi, il vampiro sia presente in ogni entità oziosa che si avvale, indebitamente, delle possibilità altrui e trattandosi di vampiri che visitano gli incarnati, è necessario riconoscere che essi servono i loro sinistri propositi a qualunque ora, purché trovino opportunità nella struttura carnale degli uomini.
Alessandro fece una breve pausa nella conversazione, dando a intendere che stava esponendo solo l’introduzione a più seri chiarimenti e continuò:
‒ Tu non ignori che, nel circolo delle infermità terrestri, ogni specie di microbi ha il suo ambiente preferito. Lo pneumococco si stabilisce abitualmente nei polmoni; il bacillo di Eberth si localizza negli intestini dove produce la febbre tifoidea; il bacillo di Klebs–Lofferl si situa nelle mucose dove provoca la difterite. In condizioni speciali dell’organismo, proliferano i bacilli di Hansen19 o di Koch20. Tu credi che simili formazioni microscopiche si limitino alla carne transitoria? Non sai che il macrocosmo è strapieno di sorprese nelle più svariate forme? Nel campo infinitesimale, le rivelazioni ubbidiscono allo stesso sorprendente ordine. André, amico mio, le malattie psichiche sono molto più deplorevoli. La patogenesi dell’anima è divisa in quadri dolorosi. La collera, l’intemperanza, le deviazioni sessuali, i vizi nelle loro varie sfumature, formano creazioni inferiori che colpiscono profondamente la vita intima. Spesso il corpo malato denota una mente malaticcia. L’organizzazione fisiologica, così come ci insegnano gli studi terrestri, non va oltre il vaso di argilla, dentro lo stampo preesistente del corpo spirituale. Quello stampo, colpito nella sua struttura dalle stoccate delle vibrazioni inferiori, le rifletterà immediatamente nel vaso.
_______________________________________________________________________________________________________________________
19 Gerhard H. A. Hansen, medico norvegese, nome con cui è comunemente noto il Mycobacterium leprae, agente patogeno della lebbra.
20 Robert Koch, nel 1882 riesce ad individuarlo e a coltivare il micobatterio tubercolare.
21 Rudolf Ludwig Karl Virchow: patologo, scienziato, antropologo e politico tedesco, considerato il medico più importante del XIX secolo. Pioniere dei moderni concetti della patologia cellulare e della patogenesi delle malattie, ha sottolineato che le malattie non sorgono da organi o tessuti in generale, ma nelle cellule.
________________________________________________________________________________________________________________________
Compresi dove l’istruttore voleva arrivare. Intanto, le sue considerazioni concernenti le nuove espressioni microbiche, davano stimolo a certe indagini. Come affrontare il problema della prognosi iniziale? Avrei io potuto classificare la malattia psichica nello stesso quadro sintomatologico conosciuto fino ad ora per le malattie organiche in generale? Potrebbero questi disturbi dell’anima essere contagiosi? Potrebbe essere così anche nella sfera dove i fenomeni patologici della carne ormai non sarebbero dovuti più esistere?
Affermava Virchow21 che “il corpo umano è un paese cellulare, dove ogni cellula è un cittadino, essendo la malattia una lotta tra questi provocata dall’invasione di elementi esterni.” In realtà, la creatura umana deve lottare, fin dalla culla, contro diverse flagellazioni climatiche, tra veleni e batteri di varie origini. Come spiegare, allora, il nuovo quadro che si confrontava con le mie scarse conoscenze? Non ho potuto trattenere la curiosità. Avvalendomi dall’ammirabile esperienza di Alessandro, domandai:
‒ Ascolta amico mio. Come possono verificarsi i processi morbosi di natura psichica? L’infermità non deriva dall’assedio di forze esterne? Nel nostro caso come spiegare la questione? È la perversione della personalità spirituale che produce le creazioni vampiresche, o sono queste, quelle che assoggettano l’anima, imponendole certe malattie? In quest’ultima ipotesi, potremmo considerare la possibilità di contagio?
L’istruttore mi ascoltò con attenzione e chiarì:
‒ Prima la semina, poi il raccolto; tanto i semi di grano che quelli di qualsiasi gramigna, quando trovano terra propizia, producono a modo loro, lo stesso modello di propagazione. La risposta della Natura allo sforzo dell’agricoltore è semplicemente la legge. Tu stai osservando il settore delle larve con comprensibile stupore. Non avere alcun dubbio. Nei malanni dell’anima, come nelle infermità del corpo fisico, prima del disturbo, esiste l’ambiente. Le azioni producono gli effetti, i sentimenti generano le creazioni, i pensieri danno origine a forme e conseguenze d’infinite espressioni. E in virtù del fatto che ogni Spirito rappresenta un universo a sé, ognuno di noi è responsabile per l’emissione di forze che mettiamo in circolazione nelle correnti della vita. La collera, la disperazione, l’odio e il vizio, offrono spazio a pericolosi germi psichici nella sfera dell’anima. E, così come accade nel campo delle malattie del corpo, il contagio è qui un fatto consumato dal momento in cui l’imprudenza o la necessità di lotta stabiliscono un ambiente propizio tra i compagni di uno stesso livello. Naturalmente, nel terreno della materia densa, questa legge funziona con violenza, mentre tra di noi, si sviluppa con i cambiamenti naturali. Inoltre, non può essere altrimenti, poiché come sai molte persone coltivano la vocazione per l’abisso. Ogni vizio peculiare della personalità, produce le forme oscure che gli sono conseguenti e queste, come le piante inferiori che strisciano per terra, per noncuranza di chi ne è responsabile, si dilagano sulle regioni prossime dove non predomina lo spirito di vigilanza e difesa.
Manifestando estrema prudenza nell’esame dei fatti e prevenendo qualunque mio pregiudizio meno degno nell’ambito degli apprezzamenti sull’Opera Divina, aggiunse:
‒ So che la tua perplessità è enorme; ma, non puoi dimenticare la nostra condizione di vecchi recidivi nell’abuso della legge. Dal primo giorno di ragione della mente umana, l’idea di Dio creò i principi religiosi, suggerendoci le regole del buon vivere. Tuttavia, man mano che si raffinano le conoscenze intellettuali, sembra che l’uomo abbia sempre meno rispetto per i doni sacri. I genitori terreni, con rare eccezioni, sono le prime sentinelle viziate che agiscono a danno dei figli. Comunemente, a vent’anni, in virtù dell’inerzia dei custodi del focolare domestico, la donna è una bambola e l’uomo un manichino di futilità malaticce, molto più interessati nell’adornarsi e distinguersi, che alla spiegazione dei professori; quando raggiungono l’apice della montagna con il matrimonio sono, molte volte, persone eccessivamente ignoranti o troppo deviate. È doveroso anche riconoscere che noi stessi, in tutto il corso delle esperienze terrestri, nella maggioranza delle volte, siamo stati campioni nell’inasprimento e nella perversità contro le nostre forze vitali. Tra gli abusi del sesso e dell’alimentazione, già dagli anni più teneri, non abbiamo fatto altro che sviluppare tendenze inferiori, coltivando abitudini malsane. Sarebbero, dunque, da ammirare tanti disturbi del corpo e tante degenerazioni psichiche? Il Piano Superiore non nega mai le risorse ai bisognosi di ogni tipo e avvalendosi delle piccole opportunità, soccorre i fratelli incarnati nella rigenerazione dei loro patrimoni, sia cooperando con la Natura che ispirandoli alla scoperta di nuovi medicinali che guariscono. Da parte nostra, spogliandoci dei fluidi grossolani attraverso la morte fisica, man mano che ci eleviamo nella comprensione e nell’esperienza, ci trasformiamo in ausiliari diretti delle creature. Ma, nonostante ciò, il groviglio dell’ignoranza è ancora molto denso. E il vampirismo mantiene considerevole presa sugli incauti, perché se il Padre è sommamente misericordioso, è anche infinitamente giusto. Nessuno potrà confondere i suoi disegni, la morte del corpo fisico, trova quasi sempre l’anima terribilmente aggredita da parassiti. La promiscuità tra incarnati e disincarnati indifferenti alla Legge Divina, è molto diffusa sulla superficie terrestre. Assolutamente privi di preparazione e avendo vissuto molto più di sensazioni animalesche che di sentimenti e pensieri puri, le creature umane, dopo la sepoltura, proseguono in moltissimi casi, legati agli ambienti familiari che gli alimentavano il campo emozionale. Una dolorosa ignoranza gli imprigiona i cuori colmi di prerogative, incarcerati nel magnetismo terrestre, ingannando sé stessi e rafforzando le passate illusioni. Gli infelici che sono caduti in tale condizione di parassitismo servono da alimento abituale alle larve che tu hai osservato.
‒ Dio mio! ‒ esclamai, attonito. Alessandro, cortesemente, chiarì:
‒ Simili larve, sono portatrici di notevole magnetismo animale.
E osservando forse che molte e torturanti domande si scontravano nel mio cervello, l’istruttore considerò:
‒ Naturalmente la fauna microbica in analisi, non sarà servita su vassoi; per esserne aggredito basta che il disincarnato si aggrappi ai compagni ancora incarnati, nell’ignoranza, come l’erba dannosa che si aggrappa ai rami dell’albero, per succhiargli la sostanza vitale.
Non riuscivo a dissimulare la sorpresa che mi dominava.
‒ Perché tanto stupore? ‒ domandò il diligente istruttore ‒, che cosa facevamo noi quando ci trovavamo nella sfera carnale? Non erano abbondanti sulle nostre tavole carni e viscere di bovini e di uccelli? Con la scusa di cercare risorse proteiche, sterminavamo innumerevoli quantità di polli e montoni, vitelli e capretti. Mangiavamo i tessuti muscolari, succhiavamo le ossa. Non contenti di ammazzare i poveri esseri, che ci chiedevano supporto per il loro progresso e valori educativi per migliorare l’Opera del Padre, aumentavamo la raffinatezza dello sfruttamento millenario e a molti di essi infliggevamo determinati disturbi, affinché servissero al nostro palato con la massima efficienza. Mettevamo il maiale comune in regime d’ingrasso e il povero animale, molte volte a costo di complicazioni, doveva creare riserve di lardo, fino a prostrarti totalmente a causa del peso del grasso malato e abbondante. Mettevamo le oche in determinate condizioni per farle ingrassare, affinché il fegato s’ipertrofizzasse, col fine di ottenere sostanziosi paté destinati alle squisitezze che diventarono famose, noncuranti degli errori commessi, con la pretesa, di arricchire le qualità culinarie. Affinché le nostre pentole emanassero gradevoli profumi, eravamo indifferenti alle scene commoventi delle vacche madri dirette al mattatoio. Esageravamo, nella responsabilità della Scienza, con la necessità di proteine e grassi diversi, ma dimenticavamo che la nostra intelligenza, tanto fertile per la scoperta di comodità e benessere, avrebbe potuto trovato risorse, nuovi elementi e nuovi mezzi per soddisfare il fabbisogno proteico dell’organismo, senza dover ricorrere all’industria della morte. Dimenticavamo che l’aumento del consumo dei latticini per l’arricchimento dell’alimentazione era un compito lodevole, perché sarebbero venuti tempi per l’Umanità terrestre, in cui la stalla sarebbe stata sacra come la casa.
‒ Tuttavia, amico mio ‒, considerai ‒, l’idea che molte persone vivono sulla Terra alla mercé di vampiri invisibili, è francamente spiacevole e inquietante. E dov’è la protezione delle alte sfere? E la tutela delle entità angeliche e l’amorosa difesa dei nostri superiori?
‒ Caro André ‒, disse Alessandro con benevolenza ‒ dobbiamo affermare la verità benché vada contro noi stessi. In tutti i settori della Creazione, Dio, nostro Padre, delegò agli esseri superiori e inferiori il lavoro di evoluzione attraverso la collaborazione e l’amore, l’amministrazione e l’obbedienza. Oseremmo per caso dichiarare che siamo stati buoni verso gli esseri a noi inferiori? Non gli abbiamo rovinato la vita, personificandoci come diaboliche figure nei loro cammini? Indubbiamente non desideriamo creare un principio di falsa protezione agli esseri irrazionali, obbligati, come noi, a cooperare con la migliore parte delle loro forze e possibilità nel miglioramento e nell’armonia della vita, né suggeriamo la pericolosa conservazione degli elementi notoriamente dannosi. Ma dobbiamo chiarire che nel capitolo dell’indifferenza per la sorte degli animali, alla quale partecipiamo nel quadro delle attività umane, nessuno di noi potrebbe, in coscienza, scagliare la prima pietra. Gli esseri inferiori e bisognosi che si trovano nel Pianeta, non ci guardano come superiori generosi e intelligenti bensì come dei carnefici crudeli. Confidano nella tempesta furiosa che perturba le forze della Natura, ma fuggono, disperati, davanti all’avvicinamento dell’uomo di qualunque condizione; con l’eccezione degli animali domestici che, per fidarsi delle nostre parole e dei nostri comportamenti, accettano il coltello nel mattatoio, spesso con lacrime di afflizione, incapaci di discernere col raziocinio ancora embrionale, dove comincia la nostra perversità e dove finisce la nostra comprensione. Se non proteggiamo né educhiamo quelli che il Padre ci affidò, come fragili germogli di razionalità ingabbiati nei pesanti calici dell’istinto; se approfittiamo largamente della loro incapacità di difesa e di conservazione, come esigere la difesa di superiori benevoli e saggi, le cui più semplici istruzioni sono per noi difficili da sopportare, per la nostra deplorevole condizione di trasgressori della legge del mutuo soccorso? In qualità di medico, non puoi ignorare che l’embriologo, contemplando il feto umano nei suoi primi giorni, lontano dal veicolo naturale (senza una forma ben definita), non potrà affermare, con certezza, se ha davanti ai suoi occhi il germe di un uomo o di un cavallo. Il medico forense, trova difficoltà nel determinare se la macchia di sangue trovata proviene da un uomo, da un cane o da una scimmia. L’animale possiede ugualmente il suo sistema endocrino, le sue riserve di ormoni, i suoi peculiari processi di riproduzione in ogni specie e, per questo motivo, è stato un aiutante prezioso e fedele della Scienza nella scoperta delle più efficienti metodologie di cure delle malattie umane, collaborando attivamente nella difesa della Civiltà (come cavie). Tuttavia...
L’istruttore s’interruppe e, considerando la gravità del tema, domandai con emozione:
‒ Come risolvere problemi tanto dolorosi?
‒ I problemi sono nostri ‒ chiarì il generoso amico, tranquillamente ‒, non è compito nostro condannare nessuno. Abbandonando le fasi del nostro primitivismo, dobbiamo svegliare la nostra coscienza per la responsabilità collettiva. La missione del superiore è proteggere l’inferiore e educarlo. I nostri abusi verso la Natura sono profondamente radicati in tutti i paesi, da molti secoli. Non possiamo rinnovare i sistemi economici dei popoli, da un momento all’altro, né sostituire le abitudini radicate e viziose dell’alimentazione impropria, in maniera improvvisa. Essi riflettono, ugualmente, il nostro errore molti millenario. Ma, nella qualità di figli indebitati verso Dio e verso la Natura, dobbiamo proseguire nel lavoro educativo, svegliando i compagni incarnati più esperti e più illuminati, a beneficio della nuova era in quella in cui gli uomini coltiveranno il suolo della Terra per amore e si serviranno degli animali con spirito di rispetto, educazione e comprensione.
Dopo un breve intervallo, l’istruttore osservò:
‒ Simile realizzazione, è d’importanza essenziale nella vita umana, perché, senza amore verso i nostri inferiori, non potremo sperare nella protezione dei superiori; senza rispetto per gli altri, non dobbiamo aspettarci il rispetto altrui. Se siamo stati vampiri insaziabili degli esseri fragili che ci circondano, tra le forme terrene, abusando del nostro potere razionale davanti alla debolezza della loro intelligenza, non c’è dubbio che, per forza dell’animalità che la maggioranza delle creature umane ancora conserva, possano cadere apertamente in situazioni di malattia, a causa del vampirismo delle entità che gli sono affini nella sfera invisibile.
I chiarimenti di Alessandro, dati senza presunzione e senza critica, penetravano profondamente in me. Qualcosa di nuovo si svegliava nel mio essere. Era lo spirito di venerazione verso tutte le cose e il riconoscimento effettivo del Paterno Potere del Signore dell’Universo. Il delicato istruttore interruppe il mio trasporto d’intima adorazione al Padre, continuando:
‒ Come puoi osservare il legittimo sviluppo medianico, è un problema di ascensione spirituale da parte dei candidati alle percezioni sublimi. Nel frattempo, André, non importa che i nostri amici ansiosi di raggiungere gli alti valori psichici siano venuti fino a qui senza la dovuta preparazione. Benché siano principianti nel tema, guadagnarono moltissimo, perché furono soccorsi contro il vampirismo velenoso e distruttivo. Ti sei sorpreso con le larve che annichilivano le loro energie spirituali; ora vedrai le entità opportuniste che rimangono fuori dalla sala, aspettando il loro ritorno.
‒ Là fuori? ‒ domandai preoccupato.
‒ Sì ‒ rispose Alessandro ‒, in realtà, se i nostri fratelli riuscissero a utilizzare rigorosamente su sé stessi la disciplina, guadagnerebbero molto in forza contro l’influenza degli infelici che li seguono; ma, purtroppo, sono molto rari quelli che si mantengono con la necessaria determinazione nel terreno dell’applicazione viva della luce che ricevono. La maggioranza, finito il nostro circolo magnetico, organizzato nel corso di ogni riunione, dimentica le benedizioni ricevute e torna, nuovamente, verso le stesse condizioni deplorevoli in cui si trovava ore prima, soggiogati da vampiri, insistenti e crudeli.
‒ Oh! Che lezioni! ‒ esclamai.
Notando che i nostri amici incarnati si preparavano ad uscire, l’istruttore mi invitò:
‒ Vieni con me alla via pubblica e osserva con i tuoi occhi.
“L’essere umano è in qualsiasi situazione,
quello che aspira,
l’irradiazione di quello che sente,
gli interessi che coltiva.”

Spirito Joanna de Ângelis
Psicografia Divaldo Pereira Franco
Avatar utente
Fernanda
Amministratore
 
Messaggi: 1448
Iscritto il: venerdì 20 febbraio 2009, 16:08
“Mi Piace” dati: 0 volta
“Mi Piace” ricevuti: 397 volte
Religione: Spiritista

Re: Un nuovo libro da leggere e studiare "Missionari della L

Messaggioda Fernanda » domenica 9 dicembre 2018, 16:26


5

Sotto l’influenza

Notavo ora la diversità dell’ambiente. Per noi altri, disincarnati, l’atmosfera all’interno era pervasa dagli elementi balsamici rigeneratori. All’esterno, invece, l’aria era pesante. Si è accentuata notevolmente in me l’ipersensibilità, di fronte agli effluvi grossolani della strada. Le lampade elettriche assomigliavano a piccoli globi molto poveri di luce, isolati da una densa ombra. Aspirando le nuove correnti d’aria, notavo l’indefinibile differenza. L’ossigeno sembrava toccato da un magnetismo spiacevole. Mi accolse, ancora una volta, la sublimità della preghiera e del servizio della Spiritualità Superiore nell’intimità delle creature.
La Preghiera, la meditazione elevata, il pensiero edificante, rinnova l’atmosfera, purificandola.
L’istruttore ha interrotto le mie intime analisi, dicendo:
‒ Il cambiamento, evidentemente, è indescrivibile. Tra le vibrazioni armoniose del paesaggio interiore, illuminato dalla preghiera e la via pubblica, piena di effluvi inferiori, ci sono differenze uniche. Il pensiero elevato santifica l’atmosfera intorno e possiede proprietà elettriche che l’uomo comune è lontano dall’immaginare. La strada, intanto, è un vecchio deposito di vibrazioni contraddittorie, piena di oscuri materiali psichici e pericolosi batteri di varie origini, che si creano a causa della maggioranza dei transeunti, che lanciano in circolo, continuamente, non solo le colonie di microbi vari, ma anche i cattivi pensieri di tutte le specie.
Mentre riflettevo sugli insegnamenti ascoltati, notai che molti raggruppamenti di entità infelici e irrequiete si disponevano vicino. Si facevano sentire dalle conversazioni interessanti e pittoresche; sebbene senza senso e incomplete nei vocaboli.
Alessandro m’indicò un piccolo gruppo di disincarnati che sembravano in completo squilibrio e disse:
‒ Quegli amici, sono la coorte dei disincarnati, che ritornano ora al nido domestico.
‒ Cosa? ‒ domandai involontariamente.
‒ Si ‒ disse l’istruttore con cura ‒, questi infelici non hanno il permesso per entrare qui, durante gli incontri speciali, come quello di questa notte. Nelle riunioni dedicate all’assistenza generale, possono presentarsi. Oggi, però, avevamo bisogno di soccorrere gli amici vittime del vampirismo, affinché gli effetti perniciosi venissero attenuati.
Mi sono impressionato per l’eccellenza dell’orientamento. Tutto, in quei lavori ubbidiva a degli ordini prestabiliti. Tutto era calcolato, programmato, previsto.
‒ Adesso ‒ proseguì Alessandro di buon umore ‒, guardate attentamente l’uscita dei nostri collaboratori terrestri. Osservate il modo nel quale ritornano, istintivamente, tra le braccia delle entità ignoranti e opportuniste.
Ero attento. Stavano tutti per uscire dalla casa, tranquillamente. Alla porta, vicino a noi, cominciarono i saluti tra di loro:
‒ Grazie a Dio! ‒ disse una signora di delicati modi ‒ abbiamo fatto le nostre preghiere in pace, con gran profitto.
‒ Mi sento molto meglio! ‒ commentò una delle amiche più anziane ‒ la seduta è stata un sollievo. Portavo lo spirito sovraccarico di preoccupazioni, ma adesso mi sento confortata, felice. Credo che mi abbiano tolto pesanti nuvole dal cuore. Ascoltando le preghiere e condividendo i tentativi di sviluppo al servizio del prossimo, riceviamo un grande aiuto! Ah! Come è generoso Gesù.
Un cavaliere di distinta presenza si avvicinò, dicendo:
‒ Lo Spiritismo è il nostro conforto. Gli impegni che abbiamo davanti alla verità sono molto grandi. E non è senza motivo che il Signore ci ha messo tra le mani la lampada sublime della fede. Attorno ai nostri passi, piangono i sofferenti, deviando gli ignoranti dall’esteso cammino del male. Dai cieli arrivano fino a noi gli strumenti di servizio. È necessario servire, intensamente, trasformandoci in collaboratori fedeli della Nuova Rivelazione!
‒ Proprio così! ‒ concordò una delle interlocutrici, commossa dall’esortazione ‒ abbiamo grandi obblighi, non dobbiamo perdere tempo. La dottrina confortatrice degli Spiriti è il nostro tesoro di luce e consolazione. Oh! Amici miei, quanto abbiamo bisogno di lavorare! Gesù ci chiama al servizio ed è imprescindibile rispondere.
Riconoscendo caratteristiche di gratitudine e lode nella discussione, espressi la mia sincera ammirazione, esaltando la fedeltà dei collaboratori della casa. Tutti si dimostravano fervorosi nella fede, fiduciosi nel futuro e interessati all’estensione dei benefici divini, tenendo in conto i dolori e le esigenze dei simili.
Vedendo le mie espressioni di encomio, Alessandro osservò, sorridendo:
– Non essere così colpito. Il problema non è di entusiasmo ma proprio di sforzo persistente. Non possiamo fare a meno delle soluzioni lente. Pochi amici riescono a conservare l’uniformità di emozione e idealismo nelle edificazioni spirituali. Sono nove anni, con alcune interruzioni, che mi trovo nel lavoro attivo in questa casa e, ogni mese vedo sfilare qui le nuove promesse e voti di servizio. Nel primo scontro con le avversità reali del lavoro, si riduce il numero di compagni che rimangono fedeli alla propria coscienza. Nelle ore calme, grandi lodi. Nei momenti difficili, maldissimulate defezioni, a pretesto dell’incomprensione altrui. Sono costretto a dire che, nella maggior parte dei casi, i nostri fratelli sono validi e caritatevoli verso gli altri nell’affrontare i bisogni materiali, ma spesso sono meno buoni verso sé stessi, dimenticando di applicare la luce evangelica nella vita pratica. Promettono troppo con le parole; tuttavia, operano poco nel campo dei sentimenti. Con alcune eccezioni, s’irritano al primo contatto con la lotta aspra, dopo aver preso l’impegno con i più sani propositi di rinnovazione e, di solito, tornano ogni settimana al nucleo di preghiera nelle stesse condizioni, chiedendo aiuto e conforto esterno. Non è facile per loro mantenere la promessa di cooperazione con il Cristo, in sé stessi, base fondamentale della vera illuminazione.
E non appena Alessandro rimase in silenzio, osservai con attenzione le persone circostanti. Gli incarnati erano ancora tutti, a irradiare gioia e pace, frutto del convivio con i benefattori invisibili. Di fronte a ognuno, emanavano raggi di sorprendente spiritualità.
Indicandoli con un gesto, l’istruttore chiarì:
‒ Loro si trovano ancora sotto l’azione del bagno di luce cui sono stati sottomessi attraverso il servizio spirituale della preghiera. Se solo riuscissero a mantenere questo stato mentale, mettendo in pratica le regole di perfezionamento che imparano, commentano e insegnano, gli sarebbe facile raggiungere positivamente il livello superiore della vita; però, André, come noi, in altri tempi che siamo stati inesperti e fragili; loro, adesso, ancora lo sono. Ogni abitudine meno degna, acquisita dall’anima nel corso incessante dei secoli, funziona come un’entità viva, negli universi dei sentimenti di ognuno di noi, dirigendoci alle regioni perturbate e offrendo elementi di collegamento con gli infelici che si trovano ad un livello inferiore. Esamina i nostri amici incarnati con molta attenzione.
Li osservai con interesse. Si scambiavano gentilmente gli ultimi saluti della notte, dimostrando luminosa felicità.
‒ Accompagniamo il gruppo, dove si trova un nostro fratello più fortemente attaccato dalle inquietudini del sesso. – Disse l’orientatore, trasmettendomi valida esperienza.
Il ragazzo tornava a casa, in compagnia di una signora anziana e di una giovane, che ho notato subito essere sua madre e sua sorella.
Ci movemmo, seguendoli da vicino. Già alcuni metri aldilà della casa, dove si riunivano i compagni di lotta, l’ambiente generale della via pubblica diventava più pesante.
Tre entità di macabro aspetto, assolutamente cieche dalla nostra presenza, a causa del basso livello vibrazionale delle loro percezioni, accerchiarono il trio sotto la nostra osservazione.
Si avvicinò una di loro alla signora anziana e, istantaneamente, ho notato che la sua fronte diventava opaca, stranamente oscura. Il suo viso cambiò. È scomparso il giubilo radiante, lasciando posto ai segni di forte preoccupazione. Si trasfigurò completamente.
‒ Oh! Figli miei – esclamò la signora, che sembrava paziente e buona –, per quale motivo, siamo così diversi durante il lavoro spirituale? Volevo possedere, dopo le nostre preghiere collettive, lo stesso buon animo, la stessa pace interiore. Questo però non succede. Di ritorno alla lotta quotidiana, sento che l’essenza delle prelazioni evangeliche persevera dentro di me, ma in modo vago, senza quella chiarezza dei primi minuti. Mi sforzo sinceramente per mantenere lo stesso stato d’animo; però, mi manca qualcosa che non so definire con precisione.
In questo momento, le altre due entità, che ancora si mantenevano a distanza, si attaccarono comodamente al braccio del ragazzo, che offrì ai miei occhi lo stesso fenomeno. Gli si annuvolò la lucentezza mentale e due rughe di afflizione e sconforto gli solcarono il viso, che perse quell’alone di allegria luminosa e fiduciosa. Fu allora che lui rispose con voce pacata e triste:
‒ È vero, mamma. Immense sono le nostre imperfezioni. Credimi la mia situazione è peggiore. Tu sperimenti ansietà, amarezza e malinconia... È ben poco per chi, come me, si sente vittima dei cattivi pensieri. Mi sono sposato da meno di otto mesi e, nonostante la devozione della mia sposa ho il cuore, alle volte, pieno di tentazioni irragionevoli. Domando a me stesso la ragione di tali strane idee e, francamente, non riesco a rispondere. L’invincibile attrazione ai cattivi ambienti mi confonde lo spirito, però, sento l’inclinazione al bene e a procedere con rettitudine.
‒ Chi sa fratello, sei sotto l’influenza di entità meno sviluppate? – ragionò la giovane con buone maniere.
‒ Si – sospirò il ragazzo –, proprio per questo, vengo tentando lo sviluppo della medianità, al fine di trovare la causa di tale situazione.
In questo istante, l’orientatore mormorò, chiaramente:
‒ Aiutiamo quest’amico attraverso la conversazione.
Senza perdere tempo, mise la destra sulla fronte della ragazza mantenendola sotto vigoroso influsso magnetico e trasmettendole le sue idee di generosità. Ho potuto notare che quella mano protettrice, nel toccare i capelli ricci della giovane, emanava fasci luminosi, percettibili solo al mio sguardo. La ragazza, a sua volta, sembrò più nobile e più degna nella sua espressione quasi infantile e rispose con fermezza:
‒ In questo caso, concordo che lo sviluppo medianico possa essere l’ultima soluzione, perché prima di affrontare i nemici, figli dell’ignoranza, dovremmo armare il cuore con la luce dell’amore e della saggezza. Se tu scoprissi, persecutori invisibili, attorno le tue attività, come potresti beneficiarli cristianamente, senza la necessaria preparazione spirituale? La reazione educativa contro il male è sempre un nostro dovere, ma prima di pensare a uno sviluppo psichico, che forse sarebbe prematuro, dovremmo cercare l’elevazione delle nostre idee e sentimenti. Non potremmo contare su una buona medianità senza il consolidamento dei nostri buoni propositi; e per esserci utili, nei regni dello Spirito è compito nostro imparare, in primo luogo a vivere spiritualmente, anche se siamo ancora nella carne.
La risposta, che rappresentava per me una valida sorpresa, non provocò maggiore interesse in entrambi gli interlocutori, quasi neutralizzati dall’attività dei vampiri abituali.
Madre e figlio non nascondevano la profonda contrarietà, dinanzi alle definizioni ascoltate. La parola della ragazza, piena di vera luce, li sconcertava.
– Sei troppo giovane, figlia mia – esclamò, contrariata, l’anziana genitrice –, non puoi, perciò, discutere su quest’argomento.
E come buona cultrice di antiche sofferenze, accentuò:
– Quando attraverserai i cammini che i miei piedi già incrociarono, quando arriveranno le delusioni senza speranze, allora osserverai quanto è difficile mantenere la pace e la luce nel cuore!
– E se un giorno – disse il ragazzo, malinconico – sperimenterai le lotte che già conosco, vedrai che ho motivi di lamentarmi della sorte e che non mi restano altre risorse che rimanere nel circolo delle indecisioni che mi assaltano. Faccio quanto posso per svincolarmi delle idee lugubri e vivo combattendo inaspettate tentazioni; nonostante ciò, mi sento lontano dalla liberazione spirituale necessaria. Non mi manca la volontà, ma...
Alessandro, che aveva ritirato la mano dalla fronte della giovane, disse, chiarendo la mia perplessità:
– L’amico che si unì alla nostra sorella, fu suo marito sulla Terra; non sviluppando le possibilità spirituali ha vissuto in un tremendo egoismo domestico. Quanto ai due infelici che si aggrappano tanto fortemente al ragazzo, sono due compagni, ignoranti e perturbati, che lui ha acquisito in contatto con il meretricio.
Davanti al mio stupore, l’istruttore proseguì, spiegando:
– L’ex–marito comprendeva il matrimonio solo come unione fisica per soddisfare le necessità volgari dell’esperienza terrena e, avendo passato il tempo dell’apprendistato terreno senza ideali nobili e solo interessato ad usufruire di tutte le gratificazioni dei sensi, non si sente abbastanza forte da abbandonare il circolo domestico, dove la compagna, a sua volta, solo ora, dopo la sua disincarnazione, comincia a preoccuparsi con i problemi che riguardano la vita spirituale. Quanto al ragazzo, di eccesso in eccesso, creò forti legami con certe entità, ancora sprofondate nel pantano delle vibrazioni della prostituzione, dove ci sono queste due creature che ora gli si aggrappano, quasi fossero integralmente sintonizzate con il suo campo di magnetismo personale. Il poveretto non percepisce il pericolo che ha davanti, rendendosi preda incosciente degli esseri invisibili sintonizzati nella sua vibrazione, deboli e viziati tanto quanto lui stesso.
– E non c’è come liberarlo? Domandai preoccupato.
Alessandro sorrise paternalmente e argomentò:
– Chi dovrà rompere questo legame se non loro stessi? Non è mai mancato loro l’aiuto esterno della nostra constante amicizia. Tuttavia, si alimentano a vicenda di sensazioni sottili, assolutamente impercettibili per chi non riesce a comprenderne le motivazioni intime. Certo è che adesso, cercano di liberarsene. Avvicinandosi loro alla comprensione degli alti principi, si sentono stanchi dell’attuale situazione sperimentando il desiderio di una nuova vita. Però trattandosi di un’aspirazione vaga e molto debole, questo desiderio è più di bocca che di cuore. Se invece, mantenessero salde le loro intenzioni di rinnovamento, trasformerebbero le loro forze personali in decisivo controllo per il rinnovamento. Ma ancora aspettano miracoli impossibili e rifiutano le proprie risorse energetiche, le uniche capaci di portare al cambiamento.
– Ma non potremmo allontanare i vampiri inconsci? – domandai.
– Gli interessati – spiegò Alessandro, sorridendo – li farebbero ritornare. Abbiamo già fatto questo tentativo, con l’intenzione di aiutarli indirettamente, ma la nostra compagna disse che sentiva troppa nostalgia del marito e il nostro amico affermava di sentirsi meno uomo, confondendo umiltà con codardia e distacco degli impulsi inferiori con il tedio insopportabile. Si sono così tanto lamentati, che i loro sentimenti intimi si trasformarono in vere e proprie
invocazioni e, in virtù del forte magnetismo alimentato dal desiderio costante, si legarono ancora.
˗ Ma loro vivono così, incatenati uni agli antri, tutto il tempo? Chiesi.
˗ Spesso. Si soddisfano reciprocamente, nello scambio di emozioni e impressioni più intime.
Pensando al bene di tutti, chiesi:
˗ Chissà, non potremmo aiutare a rafforzare queste entità? Non sarebbe ragionevole insegnare loro, indurli all’equilibrio e al rispetto di sé stessi?
˗ Questa alternativa – disse Alessandro – non fu dimenticata. È una pratica utilizzata costantemente e con precisione. Tuttavia, come in questo caso, gli incarnati agiscono come potenti calamite, il lavoro esige tempo e tolleranza. Abbiamo un gran numero di lavoratori dedicati a questa attività nel nostro piano e aspettiamo che gli insegnamenti diano buoni frutti. Comunque, stai certo che prestiamo tutta l’assistenza a questi amici. Se ancora non si sono elevati spiritualmente, tutti loro, è perché ancora vivono volontariamente schiavizzati alle debolezze e all’ignoranza. Raccolgono quel che hanno piantato.
In questo istante, rivolgemmo nuovamente la nostra attenzione alla loro conversazione:
˗ Faccio quel che posso, ˗ ripeteva il ragazzo, triste – ma non riesco a trovare la tranquillità interiore.
˗ Con me succede la stessa cosa – diceva la madre, triste anch’essa. – Le uniche migliorie avvengono in occasione delle nostre preghiere collettive. Dopo di che, le peggiori emozioni mi assaltano lo spirito. Vivo senza pace e senza sostegno. Ah, figli miei, è crudele camminare così per il mondo, come un naufrago senza orientamento.
˗ Come ti capisco, mamma – dice il figlio, sembrando soddisfatto di poter alimentare le impressioni negative che gli occupavano la mente – ti capisco perché, le tentazioni trasformano la mia vita in una strada tortuosa e buia. Non so più che fare per resistere ai pensieri amari. Poveri noi, se lo Spiritismo non fosse arrivato nella nostra vita come una benedizione di sublimi consolazioni.
In questo momento, Alessandro posò nuovamente la mano sulla fronte della giovane. Lei gli catturò i pensieri e, con rispettoso affetto disse:
˗ Sono d’accordo che lo Spiritismo è la nostra fonte di consolazione, ma non posso dimenticare che abbiamo nella Dottrina una benedetta scuola di preparazione. Se rimaniamo radicati alle esigenze materiali, corriamo il rischio di dimenticare gli obblighi del servizio. Credo che gli istruttori delle verità spirituali desiderino, prima di tutto, la nostra rinnovazione intima alla vita superiore. Se cerchiamo solo la consolazione senza acquisire energia, saremmo come bambini spirituali. Se cerchiamo la compagnia degli spiriti benevoli, solamente per ottenere vantaggi personali, dove sarà l’apprendistato? Per caso non siamo sulla Terra per imparare? Pensate che abbiamo ricevuto questo corpo materiale solo per riposare? Non posso credere che i nostri amici della sfera superiore vengono a togliere noi la possibilità di camminare con le nostre gambe. Naturalmente, loro non vogliono che noi diventiamo bisognosi
nella casa di Dio, ma si, compagni di servizio nel bene, tanto generosi, saggi, forti e felici quanto loro già lo sono.
E cambiando l’inflessione della voce, desiderosa di dimostrare la tenerezza filiale che le vibrava nell’anima, sottolineò:
˗ Mamma lo sai quanto ti voglio bene, ma qualcosa, nel fondo della mia coscienza non mi permette di analizzare i nostri problemi in maniera diversa, lontana dagli elevati insegnamenti che la Dottrina ci ha impresso nel cuore. Non riesco a capire il Cristianesimo senza la pratica degli esempi del Cristo.
Quando Alessandro interruppe la trasmissione magnetica, rimasi sorpreso dalla facilità con cui la ragazza captava i suoi pensieri e dato che avevo osservato le difficoltà della trasmissione dei messaggi per la psicografia,22 espressi a lui i miei dubbi.
Senza tentennare Alessandro spiegò:
˗ Qui, André, vedi solo il lavoro semplice della trasmissione mentale, non dimenticare che l’interscambio di pensieri è un movimento libero nell’Universo. Incarnati e disincarnati, in tutti gli ambiti della vita sulla Terra, vivono nel più profondo scambio d’idee. Ogni mente è un vero mondo di emissione e recezione e ognuno attrae a sé quelli che gli somigliano. I tristi attraggono i tristi, gli ignoranti si riuniscono tra di loro, i criminali condividono la stessa sfera, i buoni creano lacci reciproci di lavoro e conquiste. Qui vediamo solo il fenomeno intuitivo, che, con più o meno intensità, è comune a tutte le creature, non solo quelle coinvolte nel bene, ma anche quelle che si trovano nei circoli più densi. Di fronte a noi abbiamo una sorella anziana e suo figlio maggiore, ambedue completamente adattati all’esplorazione inferiore delle entità disincarnate alle prese con l’ignoranza e infermità; stabilendo un perfetto commercio di vibrazioni inferiori. Parlano direttamente influenzati dai vampiri infelici, diventati ospiti della loro sfera psicofisica. Abbiamo anche una giovane che, al momento, ha 16 anni. La sua predisposizione però è ben diversa. Lei riesce a ricevere i nostri pensieri e tradurli in linguaggio elevato. Non è propriamente a servizio medianico, ma in un bel lavoro di spiritualizzazione.
E, indicando la giovane, cerchiata da un bellissimo alone di luce, continuò:
˗ Lei ancora ha la purezza fisica di quando reincarnò. Siccome ancora non sperimentò le emozioni umane più forti, mantiene le capacità di percezione intuitiva chiare e malleabili. Le sue cellule si mantengono completamente libere dalle influenze tossiche, i suoi organi vocali ancora non sono viziati dalla maldicenza, dalla rivolta, dall’ipocrisia; i suoi centri di sensibilità non sono stati deviati, il suo sistema nervoso presenta un’armonia invidiabile e il suo cuore, sempre avvolto dai buoni sentimenti, percepisce più facilmente le verità eterne attraverso la fede sincera e consolatrice. Inoltre, non avendo gravi debiti nel preterito, si mantiene libera dalle influenze delle entità poco equilibrate, potendo riflettere con maggiore perfezione i nostri pensieri più intimi. Vive molto più per lo spirito. Nelle attuali condizioni in cui si trova, basta uno scambio magnetico perché ci interpreti le idee essenziali.
_________________________________________________________________________________________________________________________________
22 La psicografia anche detta psicoscrittura è l’intermediazione dello spirito che si comunica attraverso il medium per la scrittura. Questa può essere automatica o meccanica, semi-meccanica e intuitiva. Automatica o meccanica: le funzioni motorie del medium sono totalmente prese dallo spirito comunicante; semi-meccanica: la funzione motoria del medium è presa dallo spirito ma esso è cosciente di quello che sta scrivendo. Infine, l’intuitiva, che sarebbe il medium cosciente di quello che scrive con le sue libere funzioni motorie, intuisce tutto quello che lo spirito comunicante trasmette.
__________________________________________________________________________________________________________________________________

˗ Questo vuol dire – chiesi – che questa giovane è pura e continuerà così per tutta la vita?
Alessandro sorrise e osservò:
˗ Non tanto. Lei ancora mantiene i benefici che ha portato dal piano spirituale e le decisioni sulla sua felicità ancora sono nelle sue mani per riuscire bene nella vita, ma dipenderà da lei vincere o perdere nel futuro. La coscienza è libera.
˗ Allora – ripresi a domandare – non sarebbe difficile preparare in anticipo tutte le creature per ricevere le influenze superiori?
˗ In nessun modo – chiarì lui – tutte le anime che agiscono correttamente, con spirito di servizio ed equilibrio, possono ricevere perfettamente le intuizioni dai messaggeri elevati, captando le loro istruzioni di lavoro e illuminazione, indipendentemente della tecnica medianica che si sviluppa oggigiorno nel mondo. Non ci sono privilegi nella Creazione. Esistono invece, lavoratori fedeli ricompensati con equità, ovunque.
Profondamente emozionato da quello che ascoltavo, sentii che il mio pensiero si perdeva in un mare di nuove e benedette riflessioni.



6

La Preghiera

Dopo essersi allontanato dalla genitrice e dalla sorella, il ragazzo si diresse verso casa sua.
Lo seguimmo da vicino. Mi dispiaceva vederlo nella condizione di vittima, accerchiato dalle due oscure figure.
Le osservazioni sulla microbiologia psichica mi impressionavano fortemente.
Conoscevo, da vicino le alterazioni circolatorie caratteristiche dell’embolia, dell’infarto, della cancrena. Avevo trattato, in altri tempi, tanti casi d’infezione, attraverso l’artrite e miositi23, ulcere gastriche e ascessi miliari24. Ho esaminato, con attenzione, nell’area medica, le manifestazioni del cancro, dei tumori maligni in complicati processi patologici. Assistetti alle molteplici espressioni microbiche, nel trattamento della lebbra, della sifilide, delle tubercolosi. Molte volte, in qualità di difensore della vita, rimanevo per lunghi giorni in un duello con la morte, sentendo l’inutilità della mia tecnica professionale nell’attacco dello strano virus che affrettava la distruzione organica, beffeggiandosi dei miei sforzi. In qualità di medico, tuttavia, nella maggior parte dei casi, quando potevo ancora contare sull’intervento prodigioso della Natura, mantenevo la presunzione di conoscere i diversi metodi di combattere su vari fronti. Nella diagnosi di difterite, non mancava la applicazione del siero di Roux25 e conoscevo il valore dell’operazione di tracheotomia nella Crup26 dichiarata. Nelle congestioni, non avrei dimenticato di intensificare la circolazione. Negli eczemi, mi sarei ricordato, senza dubbio, dei bagni di amido, delle pomate a base di bismuto e le medicazioni a base di arsenico e zolfo. Per migliorare l’edema, mi sarei ricordato anche della veratrina27, del calomelano28, della caffeina e teobromina29, dopo aver analizzato nel dettaglio i sintomi. Nel cancro, avrei praticato l’intervento chirurgico, in quello che i raggi X non avrebbero dimostrato con precisione. Per tutti i sintomi, avrei saputo utilizzare dei regimi e diete, applicazioni di altri procedimenti, isolamenti e interventi, ma… lì?
Di fronte a noi, camminava un malato diverso. La sua diagnosi era diversa. Sfuggiva alla mia conoscenza dei sintomi e ai miei vecchi metodi di curare. Tuttavia, era un paziente in gravi condizioni. Vi si vedevano scuri parassiti e potevamo osservare la disperazione intima di fronte all’assedio incessante. Non ci sarebbe alcun rimedio per lui? Sarebbe stato abbandonato e sarebbe stato più infelice che i malati del mondo? Che cosa fare per alleviare il terribile dolore che si manifestava in modo permanente, angoscioso e pieno di inquietudini?
___________________________________________________________________________________________________________________________
23 Le miositi sono un gruppo di malattie caratterizzate da un'infiammazione del tessuto muscolare striato.
24 Miliare in medicina, quando l’ascesso ha forma e dimensione simile a un grano di miglio:
25 Émile Roux fu il più famoso “Pastoriano”, termine coniato nel 1895 da un giornalista che lo attribuì a quel gruppo di scienziati guidati da Pasteur. Scoprì che l'inoculazione di pecore e capre con ceppi di Bacillus anthracis attenuati proteggeva l'animale dalla successiva inoculazione di ceppi virulenti del bacillo.
26 Crup - Forma grave della difterite nella quale le false membrane si depositano nella laringe provocando asfissia. Tipica è la progressiva difficoltà della respirazione, che diviene rumorosa con rientramento del giugulo e della fossetta epigastrica. La prognosi del c. è sempre riservata
27 Veratrina Miscela di alcaloidi estratta dai semi di Sabadilla officinarum, gigliacea della Cordigliera del Messico.
28 Il calomelano è un minerale, cloruro di mercurio.
29 La Teobromina è un alcaloide naturale presente nelle piante di cacao e nei suoi derivati. È anche presente in piccole quantità nelle foglie di tè.
_________________________________________________________________________________________________________________________
Mi ero già preso cura di certe entità perturbate e sofferenti, alleviandogli le atroci sofferenze. Non ignoravo gli sforzi costanti della nostra colonia spirituale per mitigare le sofferenze dei disincarnati di ordine inferiore ma lì, in virtù del contributo magnetico di Alessandro, il grande e generoso istruttore che mi seguiva, potevo vedere un compagno incarnato, in preda a strani vizi. Come avrei potuto dargli l’indispensabile aiuto?
E, naturalmente, nuove e rapide riflessioni si manifestavano in me. Simili espressioni microbiche accompagneranno il disincarnato? Attaccheranno l’anima fuori dalla carne? Quando avevo lottato con indicibile amarezza, nelle zone inferiori, chiaramente ero stato vittima delle stesse crudeli influenze. Tuttavia, dove trovare il rimedio efficace? Dove trovare il sollievo a così grande angoscia?
E rivelando paterno interesse, Alessandro è venuto in mio soccorso, chiarendo:
˗ Questi interrogativi intimi, André, sono portatori di grande benessere al tuo cuore. Osservi le manifestazioni del vampirismo, che non si limitano all’ambiente degli incarnati. Quasi tutte le sofferenze nelle zone inferiori, debbono ad esso la loro dolorosa origine. Creature deviate dalla verità e dal bene attraverso i lunghi cammini evolutivi, si riuniscono tra di loro per la continuità degli scambi magnetici di classe inferiore. I criminali di vario genere, i deboli di volontà, gli storpi di carattere, i malati volontari, i testardi e recalcitranti di tutte le specie e di tutti i tempi, fanno parte della comunità di malati e sofferenti dello stesso livello, strisciando, con pesantezza nelle regioni inferiori invisibili all’occhio umano. Essi secernono forze abominevoli e creano forme orribili, perché tutta la materia mentale è rivestita di forza plasmante e manifestante.
˗ Ma, ˗ obiettai ˗ mi sembra che nell’ambito medico ci sia molto di più nel dopo la morte del corpo, rispetto alla sola vita terrena.
˗ Senza dubbio ˗ mi redarguì il mio interlocutore, sereno ˗, questo sarà chiaro quando comprenderemo la portata degli ascendenti morali in ogni circostanza della vita.
˗ Tuttavia ˗ considerai – mi inorridiscono le nuove scoperte a proposito della microbica. Che fare contro il vampirismo? Come combattere le forze mentali degradanti? Nel mondo, abbiamo la clinica specialistica, la tecnica chirurgica, gli antidoti di diversi sistemi curativi. Ma qui?
Alessandro sorrise, pensieroso, parlò, dopo una pausa più lunga:
˗ Come abbiamo visto, André, il trattamento eseguito nei templi in passato, l’influenza della fede nei processi medici nei secoli andati e l’idea che le entità diaboliche provocassero le più strane malattie nell’uomo, non sono del tutto prive di ragione. Indubbiamente, fra gli Spiriti incarnati, le espressioni mentali dipendono dall’equilibrio del corpo, così come la buona e perfetta musica dipende dallo strumento fedele. Ma la scienza medica raggiungerà vette sublimi quando scoprirà nel corpo transitorio l’ombra dell’anima eterna. Ogni cellula fisica è strumento di determinata vibrazione mentale. Tutti noi siamo eredi del Padre che crea, conserva, perfeziona, trasforma o distrugge e, tutti i giorni, con il nostro potenziale generatore di energie latenti, stiamo creando, rinnovando, migliorando o distruggendo qualcosa. Capisco la sorpresa nei tuoi ragionamenti dinanzi al nuovo paesaggio che si dispiega davanti ai tuoi occhi. La lotta per il perfezionamento è vasta. Quanto al combattere sistematico contro il vampirismo, nelle
molteplici malattie dell’anima, anche qui abbiamo in programma nelle nostre attività non mancano processi di pulizia e guarigione del perispirito; tuttavia, a guardare l’argomento nell’essenza, siamo costretti a riconoscere che ogni figlio di Dio dovrebbe essere il medico di sé stesso e, fino alla piena accettazione di questa verità con la applicazione dei suoi principi, la creatura sarà soggetta a continui squilibri.
Comprendendo il mio stupore, Alessandro indicò il ragazzo che stava per entrare nel focolare domestico e dopo un piccolo percorso a piedi, disse:
˗ Ci sono diversi procedimenti di medicazione spirituale nei confronti del vampirismo che possiamo sviluppare in diverse direzioni; ma, per darti una dimostrazione pratica, faremo una visita a casa di questo nostro amico. Ti farò conoscere l’antidoto più potente.
Curioso, ho notato che le entità infelici si mostravano, adesso, terribilmente contrariate. Qualcosa impediva loro di accompagnare la vittima all’interno.
˗ Naturalmente ˗ sottolineò il mio generoso compagno – lo sai già che la preghiera traccia dei confini vibrazionali.
˗ Sì, avevo già osservato esperienze di questo tipo.
˗ Qui – proseguì lui, – risiede una nostra sorella che ha la fortuna di coltivare la preghiera giusta e fervente.
Siamo entrati. E mentre l’amico incarnato si preparava al raccoglimento, Alessandro mi spiegava la ragione della sublime pace che regnava tra quelle umili mura.
˗ La casa ˗, disse – non è solamente la dimora dei corpi, l’abitazione è soprattutto la residenza delle anime. Il santuario domestico che trova creature amanti della preghiera e dei sentimenti elevati, diventa un campo sublime delle più belle fioriture e raccolti spirituali. Il nostro amico non è ancora equilibrato nelle legittime basi della vita, a causa delle estreme esitazioni e esperienze frivole della prima giovinezza; tuttavia, la sua compagna, donna giovane e cristiana, gli assicura una casa tranquilla e con la sua presenza c’è una abbondante purificazione permanente con emissione di forze luminose, di cui il suo spirito si nutre.
Mi trovai molto sorpreso. In effetti, la tranquillità interiore era grande e confortante. In ogni angolo delle pareti e ogni singolo oggetto aveva delle vibrazioni di pace inalterabile. Il ragazzo, entrando nella modesta stanza, naturalmente si è predisposto al riposo notturno.
Alessandro paternamente prese la mia mano destra e si diresse verso la porta che si era chiusa senza nessun rumore e bussò, con leggerezza, come se fossimo in un santuario in cui non si dovrebbe entrare senza religioso rispetto.
Una signora di giovane aspetto, che subito mi sono reso conto essere la moglie del nostro compagno, che si era staccata dal corpo fisico nel momento del sonno, è venuta alla porta e ci ha accolto salutando affettuosamente l’istruttore. Dopo essere stato presentato da Alessandro, mi salutò ed esclamò gioviale:
˗ Ringrazio Dio della possibilità di pregare insieme. Entrate. Desidero trasformare la nostra casa nel tempio vivo del Nostro Signore.
Siamo entrati nella sala interna e, da parte mia, a stento contenevo la sorpresa della situazione.
In quel momento, il ragazzo è andato a letto e si è messo sotto le lenzuola, con evidente cura per non svegliare la sposa addormentata.
Contemplai il bello e santificante quadro. Attorno al letto c’era una intensa luminosità. Osservai i tenuissimi fili di energia magnetica che collegava l’anima della nostra nobile amica alla sua forma fisica, placidamente appoggiata.
˗ Scusatemi – disse affettuosa, fissando lo sguardo sull’istruttore ˗ ora devo occuparmi dei miei doveri imminenti.
˗ Prego, Cecilia – parlò l’orientatore con l’affetto di un padre che benedice ˗ siamo passati solo per farti visita.
Cecilia gli baciò le mani e pregò:
˗ Non dimenticate di lasciarci le vostre benedizioni
Alessandro sorrise in silenzio e per qualche minuto rimase in profonda meditazione.
Mentre lui restava solo con sé stesso, io osservavo la delicata scena: la sposa, staccatasi dal corpo, si sedette al capoletto e, nello stesso istante, il ragazzo come se stesse sistemando i cuscini, si appoggiò con la testa sul suo grembo spirituale. Cecilia, accarezzandogli i capelli, alzò gli occhi verso l’Alto, mostrandosi in fervente preghiera. Luci sublimi la circondavano completamente, permettendomi di entrare in sintonia con i suoi sentimenti più intimi, ascoltando la sua supplica per l’illuminazione del compagno che sembrava amare infinitamente. Commosso dalla bellezza della sua preghiera, ho notato con stupore che il suo cuore si era trasformato in un riflettore incandescente di luce, che emanava innumerevoli particelle scintillanti, proiettandosi sul corpo e sull’anima dello sposo con la velocità di piccoli raggi. Corpuscoli radiosi penetravano il suo organismo in tutte le direzioni e, particolarmente, nella zona degli organi genitali, dove individuavo grandi anomalie psichiche, concentrate in massa, i quali distruggevano le piccole formazioni scure e orripilanti del vampirismo divorante. Gli elementi mortiferi, però, non erano rimasti inattivi. Lottavano, disperati, con gli agenti della luce. Il ragazzo, come se avesse raggiunto un’oasi, aveva perso l’espressione di angoscia e stanchezza. Adesso si mostrava calmo, piano piano più forte e felice. Riacquisite le sue energie essenziali, cinse lentamente la sposa amorevole che era rimasta maternamente al suo fianco e si addormentò gioioso.
La scena intima era meravigliosamente bella ai miei occhi. Stavo per chiedere spiegazioni, quando l’istruttore mi chiamò delicatamente, accompagnandomi all’esterno. Fuori dalla stanza, parlò paternamente:
˗ Hai osservato tutto quanto era necessario. Ora ti è possibile trarre le tue conclusioni.
˗ Sì ˗ risposi ˗; Sono stupito di quello che ho visto; però, mi piacerebbe sentir chiarire alcuni punti.
˗ Non avere dubbi – continuò l’istruttore ˗ la preghiera è il più efficace antidoto al vampirismo. La preghiera non è movimento meccanico delle labbra o semplice ripetizione nell’apparecchio mentale. È vibrazioni, energia, potere. La creatura che prega, mobilitando le proprie forze, esegue opere di indicibile significato. Un simile stato psichico, produce forze sconosciute, rivela la nostra origine divina e ci mette in contatto con le sorgenti superiori. All’interno di questa realizzazione, lo Spirito, in un certo modo, può emettere raggi di un impressionante potere.
Dopo un breve intervallo, Alessandro imprimendo più forza all’insegnamento, disse:
˗ E tu non puoi ignorare che le forme inferiori della materia sulla Terra si nutrono quasi esclusivamente di raggi. Sulla fronte umana scendono, ad ogni minuto, miliardi di raggi cosmici provenienti dalle stelle e dai pianeti distanti della Terra, senza parlare dei raggi solari, luminosi e caldi, che la scienza terrestre a malapena conosce. I raggi gamma, risultato della disintegrazione dell’elemento chimico del radio sul terreno e le diverse espressioni emesse dall’acqua e dai metalli, che raggiungono gli abitanti della Terra attraverso i piedi, determinando notevoli influenze. E in senso orizzontale, l’uomo sperimenta l’opera dei raggi magnetici esternati dalle piante, dagli animali irrazionali e dai propri simili.
Lo stupore mi teneva in silenzio, ma l’istruttore, dopo una breve pausa, proseguì:
˗ E le emanazioni di natura psichica che avvolgono l’Umanità, provenienti dalle colonie di esseri disincarnati che circondano la Terra? Ogni secondo, André, ognuno di noi riceve trilioni di raggi di natura diversa e emettiamo le forze che ci sono affini e che agiscono nel piano materiale, a volte in regioni molto lontane da noi a volte no. In questo cerchio di scambio incessante, i raggi divini, emessi dalla preghiera santificante, diventano fattori avanzati di cooperazione efficiente e definitiva nella guarigione del corpo, nel rinnovamento dell’anima e nell’illuminazione della coscienza. Ogni preghiera elevata è fonte di magnetismo creativo e vivificante e ogni creatura che coltiva la preghiera, come dovuto equilibrio del sentimento, diventa a poco a poco un fuoco radiante di energie della Divinità.
Le spiegazioni dell’istruttore coinvolsero profondamente il mio essere. Tuttavia, volendo assicurarmi di altri dettagli della sublime esperienza, domandai:
˗ Ma, è sufficiente l’appello della moglie perché il nostro malato ristabilisca il suo equilibrio psichico?
Alessandro sorrise e rispose:
˗ Il soccorso di Cecilia è prezioso per il compagno, ma il potenziale di emissione divina appartiene a lei, come frutto incorruttibile dei suoi sforzi individuali. Perciò, questo significa per lui un “incremento di misericordia”, che alla fine dovrà fondere al patrimonio della sua personalità, attraverso il proprio lavoro. Ricevere l’aiuto del bene, non vuol dire che il beneficiato debba essere buono. Il nostro amico ha bisogno di impegnarsi con fervore, per approfittare delle benedizioni che riceve, perché, innegabilmente, ogni cooperazione esterna può essere interrotta e, ogni figlio di Dio, erede di sublimi possibilità dovrà lavorare come medico vigile di sé stesso.
“L’essere umano è in qualsiasi situazione,
quello che aspira,
l’irradiazione di quello che sente,
gli interessi che coltiva.”

Spirito Joanna de Ângelis
Psicografia Divaldo Pereira Franco
Avatar utente
Fernanda
Amministratore
 
Messaggi: 1448
Iscritto il: venerdì 20 febbraio 2009, 16:08
“Mi Piace” dati: 0 volta
“Mi Piace” ricevuti: 397 volte
Religione: Spiritista

Re: Un nuovo libro da leggere e studiare "Missionari della L

Messaggioda Fernanda » domenica 16 dicembre 2018, 15:30


7

Soccorso Spirituale


– Hai bisogno di rientrare presto ai servizi? – chiese Alessandro, quando siamo tornati sulla via pubblica.
– Posso disporre di più tempo – risposi. Il mio interesse nella continuità delle istruzioni era enorme. Alessandro aveva vastissima esperienza medica. Le mie conoscenze in questo campo, rispetto alle sue, erano poca cosa.
– Ho ancora oggi un’assemblea per dare chiarimenti a dei fratelli incarnati – proseguì l’orientatore – e se potrai venire, saremo felici.
– Come no?! Sto imparando e non voglio perdere l’opportunità.
Siamo usciti.
Le entità perturbate restavano vicino alla porta, dando l’idea di qualcuno che aspetta di trovare un buco per entrare.
Poiché Alessandro proseguiva nella educativa dissertazione, lo seguivamo passo passo, come quando eravamo sulla Crosta Terrestre.
Erano i primi minuti del mattino. I transeunti disincarnati erano numerosissimi. La maggior parte, di natura inferiore, indossava abiti scuri, ma qui e là ci trovavamo di fronte a dei gruppi luminosi che passavano celeri, per servizi la cui importanza potevamo intuire.
– C’è sempre un gran da fare con urgenza, nell’aiuto necessario ai nostri fratelli sulla Crosta – commentò l’istruttore, affabilmente e con dolcezza – e, in molti casi, è più efficiente il nostro soccorso di notte, quando i raggi solari diretti non disintegrano certe risorse della nostra cooperazione ...
Non aveva ancora finito, quando d’improvviso ci si avvicinò una simpatica signora anziana.
– Giustina, sorella mia, il Signore ti benedica! – Salutò gentilmente l’orientatore.
L’entità amica, che mostrava molta inquietudine nello sguardo, rispose con affettuoso rispetto e si spiegò:
– Alessandro, ho bisogno urgente del vostro aiuto perciò sono venuta a incontrarti. Mi devi scusare.
E, prima che l’istruttore verbalmente potesse sondare la sua afflizione l’interlocutrice proseguì:
– Mio figlio Antonio è in condizioni molto gravi ...
Ora era Alessandro che la interrompeva:
– Immagino cosa succede. Quando l’ho visitato il mese scorso ho notato disturbi circolatori.
– Si, Si – continuò la madre afflitta. – Antonio anche se ha un buon cuore, vive nel circolo dei pensieri sregolati. Oggi ha portato a letto tante preoccupazioni senza senso, tante angosce inutili, che le sue creazioni mentali, si sono trasformate in vere e proprie torture. Invano ho cercato di aiutarlo con le mie umili risorse; però è così grande il suo squilibrio interiore, che qualsiasi mia collaborazione è risultata inutile, rimanendo il suo cervello sotto la minaccia di un ictus mortale.
E avvertendo la gravità del momento, disse tristemente:
– Oh Alessandro, so bene che dobbiamo subordinare i nostri desideri ai disegni di Dio. Tuttavia mio figlio ha ancora bisogno di altri giorni sulla Terra. Credo che, entro due mesi, riuscirò a tirare fuori da lui, indirettamente, la soluzione di tutti i problemi che affliggono la pace della sua famiglia. La tua autorità può aiutarci! Il tuo cuore edificato in Cristo è in condizioni di farci un tale bene! …
Riconoscendo l’urgenza dell’argomentazione, l’orientatore esclamò:
– In marcia! Non abbiamo un secondo da perdere!
Da lì a pochi minuti entrammo nella confortevole residenza. L’anziana afflitta ci condusse in una stanza spaziosa, dove il figlio, capofamiglia, riposava sotto lenzuola bianchissime, dandomi l’impressione di un moribondo.
Antonio sembrava avere quasi 70 anni e mostrava tutti i segni della arteriosclerosi 30 avanzata.
La scena era ancora profondamente educativa per me, che ero entrato in questo prezioso circolo di nuovi casi.
Identificava perfettamente lo stato preagonico, in tutte le sue espressioni fisico–spirituali. L’anima confusa, incosciente, si muoveva con difficoltà, quasi totalmente esteriorizzata vicino al corpo immobile, che respirava con difficoltà.
Mentre Alessandro si inclinava paternamente su di lui, osservai che ci trovavamo davanti ad una pericolosa trombosi, localizzata in una delle arterie che irrigano la corteccia motoria del cervello. L’apoplessia non si sarebbe fatta attendere. Alcuni istanti in più e la vittima si sarebbe disincarnata.
Alessandro, che concentrava tutte le sue attenzioni sul paziente, gli toccò il cervello perispirituale e disse con serena autorità:
____________________________________________________________________________________________________________________________
30 L'arteriosclerosi è un complesso di alterazioni anatomiche a carattere degenerativo che riguarda soprattutto le grosse arterie (aterosclerosi). Predilige le arterie coronariche, cerebrali, degli arti, determinando una riduzione di calibro vasale e un aumento di rigidità dei vasi arteriosi. La lesione è soprattutto un restringimento e un indurimento. Vi è quasi sempre un rapporto tra lo sviluppo della malattia e l'aumento del tasso di lipidi ematici (in particolare il colesterolo) e una relazione con la pressione arteriosa, vita sedentaria e l’età avanzata.
_____________________________________________________________________________________________________________________________
– Antonio, resta vigile! Il nostro intervento ha bisogno della tua cooperazione!
Il moribondo, slegato parzialmente dal corpo, aprì i suoi occhi perispirituali, sembrando dare vaghi segni di coscienza e l’istruttore proseguì:
– Tu sei vittima di un conflitto ingiustificabile dei tuoi stessi pensieri. Le tue eccessive preoccupazioni crearono elementi di disorganizzazione cerebrale. Intensifica il desiderio di riappropriarti delle cellule fisiche, mentre ci prepariamo per aiutarti. Questo momento è decisivo per le tue necessità.
L’interpellato non rispose ma osservai che, nell’intimo delle forze della coscienza, Antonio comprendeva l’avvertimento, collocandosi in buona disposizione a collaborare a favore di sé stesso.
Di seguito, l’orientatore iniziò complicate operazioni magnetiche sul corpo inanimato, dando nuova energia alla spina dorsale. Dopo alcuni istanti, mise la mano destra sul fegato e più tardi, la trattenne sul cervello fisico all’altezza della zona motoria, mi chiamò e mi disse:
– André, resta in preghiera collaborando con noi. Convocherò alcuni fratelli in servizio, questa notte, per aiutarci.
E affermò, dopo aver meditato alcuni secondi:
– Il gruppo del fratello Francesco non può essere lontano.
Detto questo, Alessandro assunse un atteggiamento di profonda concentrazione di pensiero.
Non passò più di un minuto e una piccola spedizione di otto entità, quattro compagni e quattro sorelle, attraversò l’ambiente domestico, in religioso silenzio.
Ci salutammo tutti rapidamente e l’istruttore si rivolse con molta attenzione all’entità che sembrava essere il capo.
– Francesco, abbiamo bisogno dei fluidi di alcuni dei nostri amici incarnati, il cui veicolo materiale si trovi ora in riposo equilibrato.
Mentre il fratello appena arrivato osservava con attenzione l’agonizzante, Alessandro aggiungeva:
– Come puoi vedere, ci troviamo di fronte a un caso gravissimo, è necessaria molta cura nella scelta dei donatori dei fluidi.
Il dirigente dei soccorritori, rifletté alcuni minuti e disse:
– Abbiamo un compagno che potrà servirci in proposito. Si tratta di Alfonso. Mentre lo cerco, il nostro gruppo soccorrerà con la sua azione curativa, emettendo forze di collaborazione magnetica attraverso la preghiera.
Francesco si assentò immediatamente.
In quell’istante l’anziana signora si avvicinò all’istruttore e disse rispettosamente:
– Se c’è bisogno di fluidi di fratelli incarnati, forse potremmo utilizzare l’aiuto delle mie nipoti che riposano nelle stanze vicine?
– No – rispose Alessandro con delicatezza–, non potrebbero servire alle attuali esigenze. Abbiamo bisogno di qualcuno sufficientemente equilibrato nel campo mentale.
L’inquieta madre si allontanò, asciugandosi le lacrime. Rispondendo a un segno affettuoso dell’orientatore, mi avvicinai, osservando il malato più da vicino, anche se mi mantenni in intimo atteggiamento di preghiera.
– Antonio è vedovo da vent’anni – spiegò Alessandro –, ed è alla vigilia di tornare da noi, al piano spirituale. Ma, il nostro amico deve rimanere per alcuni giorni in più sulla sfera della superficie terrestre per poter lasciare debitamente risolti alcuni seri problemi. Il Signore ci concederà la soddisfazione di collaborare nella rinascita provvisoria delle sue forze.
Sarà perché ero già lì a osservare il gruppo di entità che pregavano in silenzio, o perché pretendessi beneficiarmi con nuovi insegnamenti, l’istruttore chiarì:
– Abbiamo qui il gruppo del Fratello Francesco. Si tratta di una delle innumerevoli squadre di servizio che si presta alla cooperazione. Molti compagni si dedicano a lavori di questa natura, soprattutto di notte, quando le nostre attività di aiuto possono essere più intense.
Infinite quantità di domande incombevano nel mio cervello, col fine di risolvere i dubbi del momento, tuttavia, comprendendo la gravità di quei minuti e di fronte al compito a cui eravamo stati chiamati, decisi di tacere.
Non trascorse molto tempo e Francesco tornò seguito da qualcuno.
Si trattava del compagno incarnato a cui Alessandro si era riferito.
Non ci fu tempo per i saluti. L’orientatore, prendendolo a destra, lo condusse immediatamente alla testa del moribondo dicendogli con affettuosa autorità:
– Alfonso, non abbiamo un secondo da perdere. Colloca entrambe le mani sulla fronte del malato e mantieniti in preghiera.
L’interpellato non batté ciglio. Mi dava l’impressione di un veterano in questi servizi di assistenza, sembrava non preoccuparsi di tutti noi, concentrandosi solamente sul dovere da compiere.
Fu allora che vidi Alessandro agire come un vero magnetizzatore. Ricordando i miei antichi lavori medici nei casi estremi di trasfusione di sangue, vedevo perfettamente lo sforzo di trasferire i vigorosi fluidi di Alfonso all’organismo di Antonio, già moribondo.
In qualità di alunno, aumentando le mie capacità di analisi di fronte alla preziosa lezione, osservai che i lineamenti del malato si trasformavano gradualmente man mano che l’istruttore muoveva le sue mani sul cervello di Antonio, che rivelava crescenti segni di miglioramento. Verificavo, con grande stupore, che la sua forma perispirituale si andava riunendo lentamente alla forma fisica, integrandosi, armoniosamente l’una con l’altra, come se fossero di nuovo in un processo di riordinamento, cellula per cellula.
Dopo un quarto d’ora, secondo il mio calcolo di tempo, era finito il laborioso intervento magnetico. Alessandro chiamò l’anziana e le disse:
– Giustina il coagulo è appena stato riassorbito e con le nostre risorse siamo riusciti a intervenire sull’arteria; ma Antonio avrà al massimo cinque mesi in più di permanenza sulla Terra. Se hai perorato quest’ausilio per aiutarlo a risolvere affari urgenti, non perdere le opportunità, perché il sollievo di questo istante non durerà più di cento cinquanta giorni. E non dimenticare di avvertirlo, attraverso i mezzi intuitivi a nostra disposizione, sull’attenzione che dovrà mantenere su sé stesso a proposito delle preoccupazioni eccessive, soprattutto di notte, quando succedono i fenomeni disastrosi più gravi nella circolazione, a causa della mancanza di vigilanza di molte persone che si avvalgono delle ore sacre del riposo fisico per la creazione di fantasmi crudeli nel campo vivo del pensiero. Se il nostro amico si dimentica e non si auto aiuta, forse può disincarnarsi prima dei cinque mesi. È indispensabile la maggior cautela possibile.
La madre ringraziò commossa con lacrime di gioia.
Alessandro raccomandò al “soccorritore” incarnato di ritirare le mani dalla fronte dell’ammalato e vidi, allora, l’inaspettato. Il malato grave, reintegrato nelle funzioni corporee, con tutta l’armonia possibile, aprì gli occhi fisici, come se fosse profondamente ubriaco e iniziò a gridare con voce tonante:
– Aiuto! Aiuto…! Aiutatemi, per l’amor di Dio! Muoio! Muoio…!
Accorsero alcune giovani, spaventate e nervose, in vesti bianche, intuì che le figlie affettuose e sensibili, erano venute in soccorso al padre ansioso.
– Papà! Papà! – esclamavano piangendo – cosa succede?
– Sto morendo! – Gridò il malato, in tono acuto – chiamate il medico ... Affrettatevi!
– Ma, che cosa senti papà? – domandò una di esse, in pianto convulsivo.
– Mi sento morire, ho la testa frastornata, incapace di ragionare…
Grande era il trambusto degli incarnati che passavano attraverso di noi con indescrivibile chiasso, inciampando gli uni negli altri, senza la minima traccia di coscienza sulla nostra presenza lì.
Alessandro chiese al fratello Francesco di fornire le istruzioni ad Alfonso per tornare a casa e quindi si preparò a ritirarsi e mi disse sorridendo di fronte allo stupore che l’atteggiamento allarmante delle ragazze mi causava:
– Generalmente, quando i nostri amici incarnati gridano e piangono chiedendo soccorso, il nostro servizio di assistenza è già terminato. Partiamo.
Il malato, semilucido, continuava inquieto, mentre il telefono suonava e ciò portò all’immediata visita del medico.
L’anziana signora si congedò da noi, in modo commovente, rimanendo accanto al malato, vegliando devota e umile.
Per strada, chiesi all’istruttore che mi mettesse in contatto più intimo col Fratello Francesco che ci accompagnava sollecito.
Alessandro, affabile come sempre, assecondò i miei desideri.
– La nostra piccola spedizione – spiegò il capo del gruppo, dopo aver scambiato con me parole molto gentili – è una delle innumerevoli squadre di soccorso che lavorano nei circoli della Crosta Terrestre. Siamo migliaia di servitori in queste condizioni, legati a diverse regioni spirituali più elevate.
– Il suo nucleo – chiesi – viene dalla nostra colonia?
– Sì. E le nostre attività sono in stretta relazione con i compiti di diversi istruttori di Nosso Lar.
– E ci sono compiti specifici per ogni gruppo come il suo?
– È così. Il nostro, per esempio – affermò Francesco con gentilezza –, è destinato al sostegno di malati gravi e agonizzanti. In generale, le condizioni di lotta per i malati sono più difficili di notte. I raggi solari, nelle ore diurne, distruggono gran parte delle creazioni mentali inferiori dei malati che si trovano in gravi condizioni; non succede la stessa cosa di notte, quando il magnetismo lunare favorisce le creazioni, di qualunque specie, buone o brutte che siano. Per questo, il nostro sforzo deve essere vigilare. Quasi nessuno nel circolo dei nostri fratelli incarnati conosce la vastità dei nostri compiti di soccorso. Essi permangono in un campo di vibrazioni molto differenti dalle nostre e non possono captare o riconoscere il nostro aiuto. Ma questo non importa. Altri benefattori, molto più elevati di quelli di cui possiamo avere conoscenza diretta, vegliano su di noi e ci ispirano devotamente nel campo dei doveri comuni, senza che noi possiamo percepire la loro forma di espressione nei lavori relativi ai disegni divini.
E forse perché io sorridevo, ammirando il suo ideale di rinuncia serena e santificante, l’interlocutore sorrise aggiungendo:
– Sì, amico mio, reclamare comprensione e risultati dalle creature e dalle situazioni ancora incapaci di darcele, è un’azione più crudele della richiesta di ricompense immediate.
Era una verità molto convincente. Fratello Francesco era dentro la logica più elevata. Quelli che soccorrono qualcuno, interessati nel riconoscimento o nella ricompensa, di solito chiudono gli occhi di fronte all’aiuto divino e invisibile che ricevono dall’Alto. Esigono che gli altri li identifichino nella posizione di benefattori, ma non si ricordano mai che amici saggi e abnegati, offrono loro la migliore cooperazione dai piani superiori, senza reclamar loro la benché minima nota di gratitudine personale.
– Sono molti i fratelli affini tra di loro – continuò il mio interlocutore, interrompendo le mie intime riflessioni – che si riuniscono, dopo la morte del corpo, nei compiti di protezione fraterna, quando già hanno raggiunto i primi gradi della scala di purificazione. Da quello che mi è possibile dedurre, simili lavori sono tra i più efficienti e degni a beneficio degli uomini.
Raramente i compagni incarnati, quando sono in ottime condizioni di salute fisica, possono comprendere le sofferenze degli infermi in situazioni disperate o dei moribondi che sono pronti a partire. Tuttavia, noi altri, nell’ambito delle forti realtà, sappiamo che molte volte quando si è in tali circostanze, è possibile fare conquiste di natura spirituale assai sublimi e in pochi giorni, avendo magari trascorso molti anni di attività inutile. Nel letto di morte, le creature sono più umane e più docili. Si direbbe che il dolore intransigente debilita gli istinti più bassi, attenua le fiamme più vive delle passioni inferiori, umanizza l’anima, aprendogli benedetti interstizi intorno, dai quali penetra l’infinita luce divina. Il dolore continua a sgretolare le pesanti muraglie dell’indifferenza, dell’egoismo indurito e dell’eccessivo amor proprio. Allora è possibile il grande intendimento. Lezioni ammirabili danno beneficio all’essere umano, benché pallidamente, percepisca la grandezza dell’eredità divina. Gli si accentua l’eroismo e gli s’incidono nel cuore, per sempre, messaggi vivi di amore e saggezza. E nella densa notte dell’agonia comincia a brillare l’aurora della vita eterna. Ai suoi indistinti bagliori, i nostri principi sono facilmente accettati, la sensibilità dimostra caratteristiche sublimi e la luce immortale lancia fonti d’infinito potere nella parte più recondita dello spirito.
L’interlocutore fece una lunga pausa e concluse:
– In questo modo riusciamo a compiere un servizio efficace di assistenza, portando nuovi valori nel campo della fraternità e del bene legittimo. Non ti è mai capitato di osservare la pazienza inaspettata dei malati gravi, la calma di alcuni malati terminali e la suprema accettazione della maggior parte dei moribondi? Spesso simili risultati, incomprensibili per gli incarnati che li circondano, sono il prodotto degli sforzi dei nostri gruppi itineranti di soccorso.
Francesco aveva esposto sublimi verità. Infatti, la serenità dei pazienti in condizioni disperate e l’inspiegabile rassegnazione dei moribondi, assolutamente indipendenti dalla fede religiosa, non potevano avere un’altra origine. La Bontà divina è infinita e, ovunque e sempre, ci sono manifestazioni generose della Provvidenza Paterna di Dio, confortando i tristi, calmando i disperati, soccorrendo gli ignoranti e benedicendo gli infelici.
“L’essere umano è in qualsiasi situazione,
quello che aspira,
l’irradiazione di quello che sente,
gli interessi che coltiva.”

Spirito Joanna de Ângelis
Psicografia Divaldo Pereira Franco
Avatar utente
Fernanda
Amministratore
 
Messaggi: 1448
Iscritto il: venerdì 20 febbraio 2009, 16:08
“Mi Piace” dati: 0 volta
“Mi Piace” ricevuti: 397 volte
Religione: Spiritista

Re: Un nuovo libro da leggere e studiare "Missionari della L

Messaggioda Fernanda » sabato 29 dicembre 2018, 15:30

Riprendendo a lettura dopo la prima settimana del 2019 vi auguro ora un Felice 2019. :cuore7:
Questo capitolo sarà molto interessante e vi invito ancora ai nostri incontri di letture e riflessioni. Un abbraccio forte forte!


8

Nel piano dei Sogni

Dopo alcuni minuti di gradevole conversazione, fratello Francesco si avvicinò all’orientatore, indagando sugli obiettivi dell’incontro serale.
– Sì – spiegò Alessandro amichevole – avremo un po’di lavoro di chiarimento generale ai nostri amici, riguardo problemi di medianità e psichismo, senza dettagli particolari.
– Se lo permetti – riprese l’interlocutore – mi piacerebbe portare alcuni compagni che collaborano spesso con noi. Saremmo molto lieti di vederli mettere a profitto il tempo del sonno fisico.
– Senza dubbio. Il servizio di oggi è destinato alla preparazione dei nostri collaboratori ancora incarnati sulla Terra. Saremo a tua disposizione e riceveremo i tuoi assistenti con gioia.
Francesco ringraziò commosso e domandò:
– Possiamo procedere?
– Immediatamente – spiegò l’istruttore, senza esitazione – conduci gli amici al luogo che tu già conosci.
Si allontanò dal “gruppo dei soccorritori”, lasciandomi immerso in un nuovo mondo di pensieri.
Secondo le informazioni precedenti, Alessandro avrebbe diretto quella notte la piccola assemblea di studiosi e quando ci trovammo soli, mi spiegò, sollecito:
– Il nostro nucleo di studenti terrestri raggiunge già un certo numero di partecipanti. Tuttavia, mancano loro determinate qualità essenziali per lavorare con pieno profitto. Per tale motivo è imprescindibile dotare i compagni di conoscenze più costruttive.
E come considerasse utile fornirmi informazioni personali destinate alla mia delucidazione, aggiunse delicatamente:
– Rispondendo alle necessità di quest’attività, stabilii un corso di chiarimento metodico per migliorare la situazione. Non tutti sanno avvalersi delle ore del sonno fisico per migliorare simili conoscenze, ma se alcuni agricoltori più valorosi non fossero disponibili a coltivare alcuni semi, col fine di iniziare più tardi la coltivazione intensiva, mai la comunità rurale raggiungerebbe abbondanti raccolti.
E sorridendo aggiunse:
– Nel nostro centro di studi contiamo su un numero superiore a trecento membri, tuttavia, appena trentadue riescono a rompere i legami inferiori delle più basse sensazioni fisiologiche, per assimilare le nostre lezioni. Vi sono notti in cui molti di essi rompono i patti presi per soddisfare seduzioni comuni, riducendo ancora di più la frequenza generale. In
compenso, ogni tanto, c’è la partecipazione fortuita di altri compagni, come succede questa notte, in considerazione del desiderio di fratello Francesco di portarci alcuni amici.
– E i fratelli che partecipano – chiesi curioso – conservano il ricordo completo dei servizi condivisi, degli studi effettuati e delle osservazioni ascoltate?
Alessandro pensò per un momento e considerò:
– Più tardi l’esperienza ti mostrerà com’è ridotta la capacità sensoriale. L’uomo eterno, custodisce la memoria completa e conserva dentro di sé tutti gli insegnamenti, intensificandoli e valorizzandoli, in accordo allo stato evolutivo che gli è proprio. L’uomo fisico, tuttavia, schiavo di limitazioni necessarie, non può andare così lontano. Il cervello carnale, costretto per le lotte che lo spirito fu chiamato a vivere, è un apparato con potenziale ridotto, dipendendo molto dall’illuminazione del suo detentore, in quello che si riferisce al fissaggio di determinate benedizioni divine. In questo modo, André, l’archivio di simili reminiscenze, nel libro temporale delle cellule cerebrali, è molto diverso tra i vari discepoli stessi, variando da anima ad anima. Tuttavia, devo aggiungere che, nella memoria di tutti i fratelli di buona volontà, rimarrà, in qualche modo il beneficio, anche se essi nel periodo di veglia non sono in grado di identificarne l’origine. Le classi del tenore di quella che tu frequenterai questa notte, sono messaggere d’indicibili utilità pratiche. Dopo queste lezioni, al risveglio sulla Terra, gli apprendisti sperimentano sollievo, riposo e speranza, insieme con l’acquisizione di nuovi valori educativi. È certo che non possono rivivere i particolari, ma conserveranno l’essenza, sentendosi rinvigoriti, in modo inspiegabile per loro, non solo per riprendere la lotta quotidiana nel corpo fisico, ma anche per dare beneficio al prossimo e combattere, con successo, le proprie imperfezioni. I loro pensieri si faranno più chiari, i sentimenti più elevati e le preghiere più rispettose e produttive, arricchendo le loro osservazioni e le attività di ogni giorno.
– È deplorevole – dissi, avvalendomi della lunga pausa – che tutti i membri del gruppo non possano frequentare, in massa, lezioni di tale natura. Sarebbe di straordinaria importanza l’atto di riunire più di trecento persone per gli stessi fini santificanti, ricevendo insieme sublimi benedizioni di illuminazione.
– Senza dubbio – arguì l’orientatore, con l’ottimismo di sempre –. Tuttavia, non possiamo forzare nessuno. Ogni elevazione rappresenta una salita e ogni salita richiede uno sforzo nell’ascensione. Come operare per loro, se i nostri amici non approfittano della forza che è loro peculiare, se sottovalutano i loro diritti divini, a volte per dimenticanza ed altre per detestare i sacri doveri che il Padre confidò loro, se la realizzazione divina ed eterna costituisce per ognuno di noi, legge primordiale della vita?
L’osservazione era profonda e indiscutibile.
In un momento ci trovavamo davanti al vasto edificio che impressionava per le sue linee modeste, benché emettessero molta luce.
– Ora, andiamo al lavoro! – esordì Alessandro con tono risoluto.
– Ma – domandai – le lezioni, non si tengono nella sede del gruppo, dove si elaborano i servizi a tuo carico?
– Se il lavoro – rispose, attento – fosse solamente consacrato alle entità libere dal corpo materiale, potremmo sviluppare i nostri sforzi, lì stesso, con maggiore successo; ma, in questo caso, dobbiamo servire i fratelli ancora incarnati che vengono verso noi in condizioni molto speciali, pertanto abbiamo bisogno delle risorse magnetiche degli amici che si trovano ancora, ugualmente, in lotta sulla Terra.
E arrivando alla porta d’ingresso dove si muoveva un gran numero di compagni del nostro piano, l’istruttore spiegò:
– Abbiamo qui una nobile istituzione spiritistica, al servizio dei bisognosi, dei tristi, dei sofferenti. Il sacro spirito di famiglia evangelica rimane vivo in questa casa di amore cristiano che lo Spiritismo costruì per mezzo di una venerabile missionaria del Cristo. I nostri lavori si svilupperanno qui con più efficienza, in relazione ai fini cui sono destinati.
– Com’è interessante – rilevai – il fatto che abbiamo bisogno degli ambienti domestici per offrire istruzioni ai compagni incarnati!
– Sì – commentò Alessandro, con gran saggezza – tu non devi dimenticare che i grandi insegnamenti del Maestro furono trasmessi in seno alla famiglia. La prima istituzione visibile del Cristianesimo fu la povera casa di Simon Pietro, a Cafarnao. Una delle prime manifestazioni di Nostro Signore davanti al popolo fu la moltiplicazione delle allegrie familiari, in una festa di nozze, nel calore di una casa. Gesù ha visitato spesso le case dei peccatori confessi, accendendo nuove luci nei cuori. L’ultimo incontro con i discepoli ha avuto luogo nel cenacolo domestico. Il primo gruppo di servizio cristiano a Gerusalemme fu anche la semplice casa di Pietro, dopo trasformata in roccaforte inespugnabile della nuova fede. Innegabilmente, ogni tempio di pietra, degnamente amministrato, funziona come faro nel seno delle ombre, indicando la retta via ai navigatori del mondo; ma non possiamo dimenticare che il movimento vitale delle idee e delle realizzazioni si basa sulla chiesa viva dello spirito, nel cuore del popolo di Dio. Senza l’adesione del sentimento popolare nella sfera della fede vivida nell’intimo di ciascuno, ogni manifestazione religiosa è ridotta a mero culto esterno. Per questo, André, nel futuro dell’Umanità, i templi materiali del Cristianesimo saranno trasformati in chiese – scuole, chiese – orfanotrofi, chiese – ospedali, dove non solo il sacerdote della fede offrirà l’interpretazione della parola, ma dove il bambino troverà accoglienza e chiarimento, il giovane la necessaria preparazione per le degne realizzazioni della sua indole e del sentimento, il malato il rimedio per la salute, l’ignorante la luce, l’anziano la protezione e la speranza. Lo Spiritismo evangelico è anche il gran restauratore delle antiche chiese apostoliche, amorevoli e lavoratrici. I suoi interpreti fedeli saranno sostituti preziosi nella trasformazione dei parlamenti teologici in accademie di spiritualità, delle cattedre di pietra in accoglienti focolari di Gesù.
Avrei dato tutto quello che era alla mia portata, per poter continuare ad ascoltare le affascinanti delucidazioni dell’orientatore, ma, in quell’istante, oltrepassavamo la soglia.
Verificai che mancavano appena cinque minuti alle due del mattino.
Dal gran numero di entità che venivano rapidamente al nostro incontro, percepii che c’era enorme interesse intorno alla conferenza istruttiva della notte. Non erano presenti solo gli apprendisti legati allo sforzo di Alessandro, in senso diretto, ma anche altri amici, portati lì da affezionati compagni del piano spirituale.
Si avvicinò a noi, amichevolmente, un piccolo gruppo di collaboratori, distinguendosene uno che conversò con Alessandro in maniera più intima.
– Non sono ancora arrivati tutti? – indagò l’istruttore con interesse affettuoso, dopo avere scambiato le prime impressioni.
Percepii, chiaramente, che si riferiva ai fratelli incarnati, che dovevano assistere, nella quota di frequenza del gruppo del quale egli era uno dei direttori spirituali.
– Mancano solamente due compagni – chiarì l’interpellato –. Fino a questo momento, non sono ancora arrivati Vieira e Marcondes31.
– Urge iniziare i lavori – esclamò Alessandro senza inquietudine. – Dobbiamo finire il compito alle quattro, al massimo.
E, dimostrando grande interesse di amico, aggiunse:
– Chi sa se furono vittime di qualche incidente. Conviene verificare.
Con lo spirito di calma decisione che lo caratterizzava, raccomandò al sostituto che gli comunicava informazioni:
– Sertorio, mentre finisco di dare alcune disposizioni per le istruzioni di questa notte, verifica quello che è successo.
Rispettoso, il subordinato domandò:
– Nel caso in cui i nostri fratelli siano sotto l’influenza di entità malvagie, come devo procedere?
– Lasciarli dove si trovano – replicò l’istruttore con tono risoluto –; il momento non comporta grandi discussioni con quelli che si perdono, deliberatamente, al piano inferiore. Finito il lavoro, tu stesso disporrai delle risorse che saranno necessarie.
Il messaggero si preparava a partire quando l’orientatore, notando il mio forte interesse nell’ accompagnarlo, aggiunse:
– Se lo desidera, André, può andare a collaborare con l’emissario nel suo servizio. Sertorio sarà contento della sua compagnia.
Ringraziai molto soddisfatto e abbracciai il collaboratore di Alessandro cha mi sorrise con calore.
Uscimmo.
Era indispensabile rispondere al mandato con sollecitudine; ma, soddisfacendo la mia curiosità, Sertorio, generosamente, mi spiegò:

31 Vieira e Marcondes: Allievi del corso di Alessandro

– Mentre ci troviamo incarnati sulla Terra, non abbiamo sufficiente coscienza dei servizi realizzati durante il sonno fisico; tuttavia, questi lavori sono di inesprimibile e immenso valore. Se tutti gli uomini apprezzassero seriamente il valore della preparazione spirituale davanti a un simile compito, con sicurezza raggiungerebbero le conquiste più brillanti nei domini psichici, benché ancora legati agli involucri inferiori. Sfortunatamente, la maggioranza si avvale inconsciamente del riposo notturno per uscire a caccia di emozioni frivole o poco dignitose. Diminuiscono le loro difese e certi impulsi, largamente soffocati durante la veglia si espandono in tutte direzioni per mancanza di educazione spirituale veramente sentita e vissuta.
Interessato a chiarimenti concreti, domandai:
– Ma questo succede con allievi dei corsi avanzati dello Spiritualismo? Potrebbero essere vittime di quegli inganni gli alunni di un istruttore del livello di Alessandro?
– Ovviamente. – commentò fraternamente Sertorio – Riguardo a una possibilità del genere non avere alcun dubbio. Quanti elogiano la Verità, senza aderirvi intimamente? Quanti ripetono formule di speranza e di pace, disperandosi e tormentandosi, nel fondo dei loro cuori? Ci sono sempre molte “chiamate” in tutti i settori della costruzione e del perfezionamento nel mondo. Ma gli “eletti” sono sempre pochi!
Completando il pensiero, come per esimerlo da qualunque falsa nozione di personalismo nell’opera divina, Sertorio aggiunse:
– Dobbiamo rivedere le nostre definizioni sugli “eletti”. I compagni così classificati non sono particolarmente favoriti dalla grazia divina che è sempre la stessa fonte di benedizioni per tutti. Sappiamo che la “selezione”, in qualunque lavoro costruttivo, non esclude la “qualità”; e se l’uomo non offre qualità superiore per il servizio divino, in nessun caso deve aspettarsi di essere scelto. Si deduce, quindi, che Dio chiama tutti i suoi figli alla cooperazione nella sua augusta opera; ma solamente i dotati di devozione persistono, laboriosi e fedeli, costruendo qualità eterne che fanno loro degni dei grandi compiti. Riconoscendo che le qualità sono frutto delle nostre azioni, mai potremo dimenticare che la selezione divina comincerà dallo sforzo di ognuno.
La tesi del compagno era molto interessante e educativa, ma eravamo arrivati ad un piccolo edificio, davanti al quale Sertorio si fermò e disse:
– È la residenza di Vieira. Vediamo quello che succede.
L’accompagnai in silenzio.
In pochi istanti ci trovammo dentro a una confortevole stanza, nella quale dormiva un uomo di una certa età, facendo un singolare rumore. Gli si vedeva, perfettamente, il corpo perispirituale unito alla forma fisica, benché parzialmente slegati tra loro. Al suo fianco, c’era una singolare entità, con vesti completamente nere. Notai che il compagno, addormentato, permaneva sotto sensazioni di dolorosa paura. Grida acute uscivano dalla sua gola. Si assillava angosciosamente mentre l’entità oscura faceva gesti che io non riuscivo a comprendere.
Sertorio mi si avvicinò, dicendo:
– Vieira sta soffrendo un incubo crudele.
Ed indicando la strana entità, continuò:
– Credo che egli abbia attratto fino a qui questa entità che l’atterrisce.
In effetti, con molta delicatezza, il mio interlocutore cominciò a dialogare con l’entità vestita a lutto:
– Per caso l’amico è parente del compagno che dorme?
– No, no. Siamo vecchi conoscenti.
E con molta impazienza, rimarcò:
– Questa notte, Vieira mi ha chiamato con suoi reiterati ricordi e mi ha accusato di mancanze che non commisi, conversando con leggerezza in famiglia. Ciò, com’è naturale, mi ha disgustato. Non è sufficiente quello che ho sofferto dopo la morte? Avrò bisogno inoltre, di sentire false testimonianze di amici che mi denigrino? Non mi aspettavo da lui un simile atteggiamento, in virtù delle relazioni affettive che ci univano, includendo le nostre famiglie. Vieira fu sempre persona di fiducia. A causa di questa sorpresa, ho deciso di aspettarlo nei momenti del sonno, col fine di dargli i chiarimenti necessari.
Lo strano visitante fece una pausa, sorrise ironico e continuò:
– Tuttavia, dal momento in cui ho cominciato a spiegargli la situazione del passato, informandolo sui veri motivi delle mie iniziative e decisioni nella vita carnale, affinché non continuasse a calunniare il mio nome, benché senza l’intenzione, Vieira ha assunto quel viso di trepidazione che state vedendo. E sembra che non desideri ascoltare le mie verità…
Interessato a quelle nuove lezioni, mi avvicinai all’amico il cui corpo riposava in posizione orizzontale e sentii il suo sudore freddo, col quale stava inzuppando le bianche lenzuola. Non poteva comprendere chiaramente l’aiuto che gli stavamo dando, perché ci guardava stranito e con ansia, intensificando ancora più le grida e i gemiti che uscivano dalla sua bocca.
Sentendo la silenziosa disapprovazione di Sertorio, l’abitante delle zone inferiori gli rivolse la parola in modo speciale:
– Il signore crede che dobbiamo ascoltare impassibili le accuse che ci sono rivolte con leggerezza? Non sarà passibile di censura e di punizione l’amico infedele che si avvale delle imposizioni della morte per calunniare e deprimere? Se Vieira si è sentito in diritto di accusarmi, ignorando certi dettagli dei problemi della mia vita privata, non è giusto che ora ascolti i miei chiarimenti fino alla fine? Per caso non sa che i morti continuano a vivere? Ignorerà, per caso, che il ricordo di ogni compagno deve essere sacro? Suvvia! Se io stesso l’ho sentito, nella mia nuova condizione di disincarnato, sostenendo lunghe dissertazioni con riferimento al rispetto che dobbiamo gli uni agli altri… Non considera, dunque, che abbia motivi giusti per esigere una legittima comprensione?
L’interpellato abbozzò un gesto di compiacenza e commentò:
– Può darsi che lei abbia ragione, mio caro. Tuttavia, credo che debba perdonare l’amico! Come esigere dagli altri una condotta rigorosamente corretta se ancora non siamo esseri irreprensibili? Mantenga la calma, siamo caritatevoli gli uni verso gli altri!
E mentre l’entità meditava sulle parole sentite, Sertorio mi disse in tono discreto:
– Vieira non potrà partecipare questa notte ai lavori.
Non potei reprimere la brutta impressione che la scena mi causava e perché forse avevo uno sguardo supplicante, difendendo la causa del povero fratello che si stava quasi disincarnando per la paura, l’assistente di Alessandro disse:
– Ritirare violentemente la visita della presenza che lui stesso propiziò, non è compito compatibile con le mie possibilità di questo momento. Ma possiamo soccorrerlo svegliandolo.
E, senza aspettare, scosse il dormiente, energicamente, gridando il suo nome con forza.
Vieira si svegliò confuso, disorientato, molto affaticato e lo sentii esclamare, pallidissimo:
– Grazie a Dio che mi sono svegliato! Che orribile incubo! È possibile che io abbia lottato col fantasma del vecchio Barbosa? No! Non posso crederlo…!
Non ci vide e neppure identificò la presenza dell’entità in nero che rimase lì fino a non so quando. Ritirandoci, notavo ancora le sue domande intime, interrogandosi su quello che aveva mangiato cenando, cercando di giustificare il terribile spavento con pretesti di origine fisiologica. Lontano dall’ascoltare la sua coscienza, rispetto alla maldicenza e alla leggerezza, cercava di giustificare la lezione accusando il suo stomaco, cercando di evadere dalla realtà.
Sertorio non mi offrì l’opportunità per approfondire le mie riflessioni. Richiamandomi al compimento del dovere immediato, disse:
– Andiamo da Marcondes. Non possiamo perdere tempo.
In pochi minuti, entravamo in un altro appartamento privato. Il quadro, qui, era più triste e deplorevole.
In realtà, Marcondes era lì, parzialmente slegato dal corpo fisico, che riposava con gradevole apparenza, sotto magnifiche coperte. Non vi erano segni di paura, come succedeva col primo amico visitato: rivelava la posizione di rilassamento caratteristico dei consumatori di oppio. Al suo fianco si osservavano tre entità femminili con espressione burlona in atteggiamento poco edificante.
Vedendoci, subito il padrone dell’appartamento si sorprese moltissimo, soprattutto alla vista di Sertorio che era un antico conoscente e si alzò, imbarazzato, cercando, con difficoltà, alcune spiegazioni.
– Amico mio – cominciò a dire dirigendosi all’aiutante di Alessandro –, so già che vieni a cercarmi… non so come spiegare quello che succede…
Non poté continuare e si prese la testa tra le mani, come se volesse nascondersi da sé stesso.
A questo punto della triste scena, verificai, senza dar luogo a dubbi, che le entità visitatrici erano tra quelle che avevo conosciuto nelle regioni delle ombre, quelle della peggiore specie.
Irritate forse a causa del rinsavimento del compagno che si rivelava triste e umiliato, proruppero in una grande gazzarra, avvicinandosi molto a noi, senza il più minimo rispetto.
– È impossibile che ci strappino a Marcondes! – disse una di esse, enfaticamente. – In fin dei conti, non venni certo da molto lontano per perdere così il mio tempo!
– Egli stesso ci chiamò affinché venissimo questa notte – esclamò la seconda, audacemente – e non si allontanerà in alcun modo.
Sertorio ascoltò con serenità, evidenziando la sua intima compassione.
La terza entità, che sembrava possedere istinti inferiori ancora più sviluppati, ci si avvicinò con terribile espressione di sarcasmo e, facendomi capire che quella non era la prima volta che Sertorio occupava quel luogo con gli stessi fini e nelle stesse circostanze, disse:
– Voi non smettete di essere degli intrusi. Marcondes è debole e si è lasciato impressionare dalla vostra presenza. Ma noi faremo in modo che reagisca. Non riuscirete a strapparci il nostro prediletto.
E ridendo sguaiatamente, con ironia aggiungeva:
– Abbiamo anche un corso di piacere. Marcondes non se ne andrà.
Contrariamente ai miei impulsi, Sertorio non mostrava prestare loro la benché minima attenzione. Le parole e le espressioni di quelle entità mi irritavano. Al mio fianco, il collaboratore di Alessandro si manteneva straordinariamente tranquillo. La vittima rimaneva umile e triste. Perché simili insulti? Stavo per rispondere qualcosa, chiedere di chiarire il caso in termini precisi, quando Sertorio mi fermò:
– Contieniti André! Un minuto di conversazione con le tentazioni provocatrici del piano inferiore possono indurci a perdere un secolo.
Immediatamente, con invidiabile tranquillità, si rivolse all’interessato, domandandogli, senza spirito di censura:
– Marcondes, come ti giustificherò oggi, amico mio?
L’interpellato rispose, tra lacrime ed umiliazione:
– Oh, Sertorio! Come è difficile mantenere il cuore sulla retta via! Perdonami… non so come sia potuto accadere tutto questo… Non me lo so spiegare!
Ma Sertorio sembrava essere poco disposto a coltivare lamenti e mostrandosi molto interessato ad approfittare del tempo, l’interruppe:
– Sì, Marcondes. Ognuno sceglie le compagnie che preferisce. Nel futuro, tu comprenderai che siamo tuoi amici leali e che ti auguriamo tutto il bene possibile.
Le donne ci lanciarono una nuova serie di frasi ridicolizzandoci. Marcondes cominciò di nuovo a lamentarsi, ma il messaggero di Alessandro, senza titubanza alcuna, mi prese per mano e tornammo sulla strada.
– Ritorniamo immediatamente – disse con decisione.
– E che cosa facciamo? – indagai – non lo sveglierai?
– No. Non possiamo agire qui allo stesso modo*. Marcondes deve rimanere in tale situazione, affinché la mattina, il ricordo spiacevole sia più duraturo, fortificando la sua ripugnanza per il male.
– Che cosa faremo, allora? – domandai sorpreso.
– Diremo al nostro orientatore quello che succede, – concluse Sertorio con calma – è quanto ci spetta portare a termine.
E sintetizzando estese considerazioni che poteva spendere sul tema, sottolineò:
– Adesso, André, ci chiama un dovere più elevato, nell’ambito della nostra giornata verso Dio. Tuttavia, quando finiranno le lezioni di questa notte, tornerò per vedere quello che è possibile fare a beneficio dei nostri poveri amici. Per adesso, non dobbiamo perdere tempo. Gli insegnamenti di Alessandro non sono diretti solamente alla preparazione dei nostri fratelli, ancora uniti ai loro involucri carnali sulla superficie della Terra; sono ugualmente preziosi per noi che necessitiamo arricchire le nostre possibilità, per potere, poi, soccorrere con successo i compagni incarnati.
– Sì, sono d’accordo – risposi – nonostante, la situazione di Vieira e di Marcondes mi colpisse profondamente.
Ma, Sertorio togliendomi la parola, concluse, sicuro di sé:
– Conserva il tuo buon sentimento che è sacro; ma non ti sprecare nel sentimentalismo malaticcio. Stai tranquillo, l’assistenza non mancherà loro nel momento opportuno. Tuttavia, non ti dimenticare che, se loro stessi incatenarono i loro cuori in simili prigioni, è naturale che acquisiscano alcune esperienze vantaggiose a costo del loro proprio disagio.
–––––––––
* come abbiamo fatto con Vieira
“L’essere umano è in qualsiasi situazione,
quello che aspira,
l’irradiazione di quello che sente,
gli interessi che coltiva.”

Spirito Joanna de Ângelis
Psicografia Divaldo Pereira Franco
Avatar utente
Fernanda
Amministratore
 
Messaggi: 1448
Iscritto il: venerdì 20 febbraio 2009, 16:08
“Mi Piace” dati: 0 volta
“Mi Piace” ricevuti: 397 volte
Religione: Spiritista

Re: Un nuovo libro da leggere e studiare "Missionari della L

Messaggioda Fernanda » lunedì 21 gennaio 2019, 17:44

9
Medianità e Fenomeno

Era considerevole il numero di amici incarnati, provvisoriamente liberati del corpo fisico attraverso il sonno, che si riunivano nel vasto salone. In prima fila, vicino al tavolo del direttorio, dove Alessandro ne assunse la guida, si stabilirono gli allievi diretti e abituali del generoso e saggio istruttore. Gli altri si distribuivano in gruppi in secondo piano.
Calcolai la partecipazione di compagni in questa condizione approssimativamente in poco più di cento persone, ad eccezione dei disincarnati che erano presenti in maggiore quantità. Oltre al gruppo del fratello Francesco che aveva portato i suoi protetti, altre associazioni della stessa natura erano venuti con loro pupilli interessati alle nuove istruzioni.
Tuttavia, osservai una peculiarità: solamente gli apprendisti allievi di Alessandro potevano esporre i loro dubbi, petizioni e le indagini, non in senso verbale, bensì attraverso richieste trasmesse a lui in anticipo, prima di incominciare la dissertazione.
Rispondendo alla mia curiosità, Sertorio, che si manteneva al mio fianco, spiegò, attento:
– Esistono molte scuole di questo genere, per gli incarnati che sono disposti ad approfittare dei momenti del sonno fisico. È naturale che ai discepoli abituali, di questo o quel settore, corrisponda loro il diritto di interrogare. Come vediamo non c’è nessuna preferenza particolare. Si tratta di una questione di ordine nei servizi, anche perché gli apprendisti che partecipano sporadicamente hanno altri diritti, tra i nuclei ai quali appartengono.
Soddisfatto dal chiarimento, domandai:
– Che tema è quello di questa notte? Esiste un programma prestabilito?
– C’è sempre un piano organizzato per il lavoro – rispose. – Comunque, i temi sono improvvisati da Alessandro dopo aver ricevuto le domande e le richieste dei frequentatori abituali. L’orientatore esamina attentamente le questioni sollevate dalla maggioranza e fornisce istruzioni per soddisfare anche i temi esposti dal resto dei partecipanti.
– E potresti dirmi il tema principale richiesto dalla maggioranza degli apprendisti di questa notte?
– Credo che si riferisca alla medianità e al fenomeno in generale.
Di seguito, il compagno, con particolare gentilezza, m’invitò a integrare, nell’assemblea, la squadra degli ausiliari dell’istruttore preposto, che si avviò alla tribuna, iniziando i servizi educativi.
Più che in altre occasioni, risaltava la sua figura venerabile e imponente. Irradiando la luce che gli era peculiare, Alessandro presiedeva la riunione dei lavoratori e studenti, non in virtù del magnetismo degli oratori appassionati, bensì per la sua semplice bontà e per la sua superiorità priva di affettazione.
Con tutta l’attenzione centrata su di lui cominciò la conferenza facendo una preghiera al Signore, chiedendogli il dono di potere comprendere l’assemblea e di essere compreso da loro. Per me tale preghiera era una novità commovente, interamente spirituale e senza il benché minimo senso di personalismo. Ma, quanto più cercava di spersonalizzarsi, confermandosi semplice strumento della Volontà Divina, più risaltava l’orientatore ai miei occhi, come vero esponente di saggezza, umiltà, prudenza, fedeltà, fiducia e luce.
Finita la commovente preghiera, cominciò a parlare, dirigendosi ai presenti con parole ferme e dirette:
– “Fratelli, proseguendo con i nostri lavori, commenteremo oggi, le vostre richieste di orientazione medianica, in considerazione delle difficoltà che vi si presentano nella lotta di ogni giorno e che classificate come impedimenti di natura psichico–fisiologica.
“Desiderate benefici generosi nei domini della rivelazione superiore, sognate conquiste gloriose e realizzazioni sublimi; tuttavia, bisogna correggere i vostri atteggiamenti mentali davanti alla vita umana. Come intentare costruzioni senza basi legittime, raggiungere gli obiettivi senza rispettare i principi? Non si riduce la fede a un semplice ammasso di brillanti promesse e l’insieme delle ansie angosciose che vi possiedono i cuori, in alcun modo, potrebbe significare la realizzazione spirituale propriamente detta.
“L’edificazione del regno interiore con la luce divina reclama lavoro persistente e sereno. Non sarà solamente con le parole che solleverete i templi della fede viva. Come accade con qualunque servizio di natura terrestre, per quanto semplice sia, è imprescindibile la selezione del materiale, sforzi nell’acquisizione, piani in precedenza stabiliti, necessaria applicazione, sperimentazione della solidità, dimostrazioni di equilibrio, fermezza nelle linee, armonia di insieme e accuratezza nella rifinitura.
Alessandro fece una leggera pausa, guardò attentamente l’assemblea, come se desiderasse trasmettere onde vigorose di magnetismo creativo e proseguì:
– “Sono qui riuniti molti fratelli che pretendono di sviluppare le percezioni medianiche; tuttavia, aspettano semplici manifestazioni fenomeniche, supponendo erroneamente che le forze spirituali rimangono circoscritte a un semplice meccanismo di forze cieche e fatali, senza nessuno sforzo in termini di preparazione, disciplina e concretezza. Richiedono la chiaroveggenza, la chiaroudienza, il servizio completo di interscambio coi piani più elevati; ma avranno imparato a vedere, a sentire e, soprattutto, a servire, nella sfera del lavoro quotidiano?
“Avranno dominato tutti gli impulsi inferiori, per potersi collocare nella rotta verso le regioni superiori? Potrà il feto camminare e parlare nel piano fisico?
“Dobbiamo conferire al bambino di cinque anni diritti che corrispondono a un adulto di mezzo secolo? Se le leggi umane, ancora transitorie e imperfette, tracciano linee di controllo per gli incapaci, sarebbero le leggi divine, immutabili ed eterne, alla mercé dei disordinati desideri della creatura umana? Oh, amici miei, senza dubbio ci sono molti generi e processi medianici in funzione nel mondo delle forme in cui vivete!
“Pertanto, urge valutare il lavoro prima del riposo, accettare il dovere senza pretese, sviluppare i compiti apparentemente più semplici, prima di inquietarvi per le grandi opere e collocare i propositi del Signore sopra di tutte le preoccupazioni individuali! Urge fuggire dall’appropriazione indebita nel commercio con le forze invisibili, fuggire all’incantesimo temporale e all’ossessione sottile e perversa! Collettivamente, non siamo due razze antagoniste o due grandi eserciti, rigorosamente separati dalle linee della vita e della morte, bensì, la grande e infinita comunità dei vivi, solamente diversi gli uni dagli altri dai vincoli della vibrazione, ma spesso uniti nello stesso compito di redenzione finale! Non crediate che la morte del corpo santifichi l’essere che lo abitò! Se il raggio di sole non s’inquina al contatto col fango, anche il malato ribelle è lo stesso malato anche se cambia residenza. Il corpo fisico rappresenta, solamente, un vaso, usato per qualche tempo e il vaso rotto non significa la redenzione o l’elevazione del suo possessore temporaneo. Ricorriamo a simile esempio, per dirvi che l’abitante della sfera attualmente invisibile ai vostri occhi, non è sempre un fratello superiore a voi nei circoli evolutivi. La disincarnazione non significa santificazione. I compagni che vi precedono nel piano spirituale, non si trovano in un livello di apprendistato molto diverso. Gli elettroni e i fotoni che costituiscono la vostra veste fisica integrano ugualmente i nostri veicoli di manifestazione, benché con altre caratteristiche vibratorie. Pertanto, è necessario che siate attenti alle vostre possibilità interiori, per le meraviglie della vostra divinità potenziale.
“Nei vostri inquieti desideri di interscambio con l’Invisibile, naturalmente anelate all’avvicinamento della società celeste. Aspettate la rivelazione della verità divina, come elementi inappellabili di tranquille certezze; tuttavia, per questo è indispensabile organizzare e sviluppare i vostri valori celesti, come creature celestiali che veramente siete. Tutto un esercito di lavoratori del Cristo, funziona in ogni nucleo delle vostre attività relative alla spiritualizzazione, convocandovi al sentimento illuminato, alla virtù attiva, al livello superiore della vita intima; ma, ancora è molto forte la vostra tendenza a materializzare tutte le espressioni dello spirito, dimenticando di spiritualizzare la materia. Sollecitate la luce, perseverando quasi sempre nelle tenebre; reclamate felicità, seminando sofferenze; chiedete amore, incentivando la divisione; cercate la fede, dubitando addirittura di voi stessi.
“La possibilità di commerciare emozioni con le sfere invisibili che vi circondano, non rappresenta, in alcuno modo, la realizzazione spirituale imprescindibile per l’edificazione divina di ognuno di noi, perché il problema della gloria medianica non consiste in essere strumento di determinate Intelligenze, bensì di essere strumento fedele della Divinità. Affinché l’anima incarnata compia questa conquista, è indispensabile che sviluppi i suoi propri principi divini. La ghianda è la quercia in potenziale. La manciata di minuscoli semi, è il campo di grano di domani. L’embrione insignificante sarà, in pochi giorni, il poderoso uccello che solca gli spazi infiniti.”
Alessandro era sempre di più entusiasta e bello. Dall’alto, discendevano sulla sua fronte iridati fili di brillante luce.
– La Medianità – proseguì commuovendo i nostri cuori – è un “mezzo di comunicazione” e proprio Gesù afferma: “«Io sono la porta: se uno entra attraverso di me, sarà salvo; entrerà e uscirà e troverà pascolo»32.
Con quale incomprensibile coraggio immaginate la realizzazione sublime, senza perfezionarvi allo Spirito di Verità che è il proprio Signore? Ascoltate fratelli miei…! Se vi disponete al servizio divino, non c’è un’altra strada se non Lui, che detiene l’infinita luce della verità e la fonte inesauribile della vita!
32 (Giovanni. 10,9) “Voi siete Dei e farete cose più grandi di me” (Giovanni. 14-17)
Non esiste un’altra porta per la medianità celeste, per l’accesso all’equilibrio divino al quale anelate nel recondito santuario del cuore! Solamente attraverso Gesù, vivendo le sue lezioni sublimi, raggiungerete la sacra libertà di entrare nei domini della Spiritualità e da essi uscire conquistando il pane eterno che vi sazierà per sempre la fame. Senza il Cristo, la medianità è un semplice “mezzo di comunicazione” e nient’altro; una mera possibilità di informazione, come tante altre, della quale potranno avvalersi anche gli interessati a fare del male, moltiplicando il numero di prede infelici. Ricordatevi, dunque, che la Legge Divina, non avvallò mai la prigionia né approvò mai la schiavitù! Dimenticaste la divina parola che pronunciò Gesù: “Voi siete Dei”?33
Enunciando quest’ultima frase, l’orientatore assunse un atteggiamento molto diverso. Mi sembrò che in pieno torace gli si fosse accesa una luce sublime, lievemente tinta di azzurro; luce che inviava a tutti, raggi d’inesprimibile allegria. I suoi capelli assomigliavano ora a fili di sole con riflessi di zaffiro. Lo sguardo era più sublime e profondo. E molti di noi, incarnati e disincarnati, piangevamo di gratitudine e di giubilo, toccati da inspiegabile emozione.
Dopo un breve intervallo, l’amoroso e saggio istruttore, continuò:
– Oh, amici miei! La permanenza nella condizione dell’animalità vi perturba! Siete la corona spirituale della faccia della Terra, ragion per cui foste premiati dal Signore dell’Universo. La fiaccola splendente del raziocinio illumina il santuario delle vostre coscienze, il sublime vi invita all’ “Al di Là “, i fratelli maggiori vi invitano alla comunione con il Padre; nonostante ciò, vi impegnate a intrattenervi volontariamente nella fauna dell’irrazionalità primitiva. Nel campo vibratorio della mente umana, si sente ancora il veleno delle vipere ingrate, l’istinto dei lupi affamati, la furbizia delle volpi, l’impulso sanguinario delle tigri voraci, la vanità e l’orgoglio dei leoni. Non crediate, semplicemente, che simili attributi siano caratteristici del corpo mortale. Sono qualità che lo Spirito conserva in sé, dimenticando i patrimoni divini. Ebbene, la morte fisica sorprende le creature umane nell’atteggiamento che hanno coltivato. Si modificano i livelli di vibrazione, ma l’essenza spirituale è sempre la stessa. Da lì proviene l’aggrovigliamento di manifestazioni inferiori nelle sfere medianiche delle vostre attività. In molte occasioni, invece di coltivare le qualità positive di realizzazione con Gesù, rimanete nel fomento degl’interessi meschini della concorrenza umana ai centri passeggeri di pure sensazioni. Presi da grandi equivoci nei circoli dello sviluppo medianico, credete che sia possibile vincere il dominio pesante delle vibrazioni grossolane, indurite dai vizi di molti secoli, con la sola forza del movimento meccanico delle cellule materiali. Senza preparazione alcuna, cercate di attraversare le frontiere vibratorie, invocando le potenze invisibili di qualunque natura per l’addestramento di forze psichiche, così come l’uomo leggero che pretendesse orientatori, a casaccio, nella folla, dimenticando che non tutti i passanti della via pubblica sono nelle condizioni di poter beneficare, orientare ed insegnare. Se le macchine più semplici della Terra richiedono un corso preparatorio dall’operaio, affinché il settore della produzione non perda in qualità e quantità, come sperate che la sublime medianità si riduca a servizi automatici, a semplici manifestazioni di meccanismo fisiologico, esente da educazione e responsabilità? Sempre sarà possibile aprire vie di comunicazione tra voi e i piani che vi sono invisibili, ma non dimenticate che le affinità sono leggi fatali di riunione e d’integrazione nei regni infiniti dello Spirito! Senza i valori della preparazione, incontrerete, immancabilmente, la compagnia di quelli che fuggono dai processi educativi del Signore; e senza le benedizioni della responsabilità, troverete, logicamente, gli irresponsabili.
33 “Voi siete Dei e farete cose più grandi di me” (Giov. 14-17)
Obietterete che il fenomeno è indispensabile nel campo sperimentale delle conquiste scientifiche, che l’inusuale deve essere invocato per favorire nuove convinzioni; tuttavia, siamo i primi a riconoscere che le vostre strade sulla Terra si stendono tra fenomeni meravigliosi. Avete già risolto, per caso, il mistero dell’integrazione dell’idrogeno e dell’ossigeno nella goccia d’acqua? Avete spiegato tutto il segreto della respirazione dei vegetali? Per quali leggi della Natura la cicuta che ammazza, cresce vicino al grano che alimenta? Che cosa potete dire della asticella spinosa: che dalla Terra offre il fiore, come grazioso calice di profumo celeste? Avete risolto tutti i problemi biologici delle forme fisiche che popolano il Pianeta, nelle diverse specie? Qual è la vostra definizione del raggio di sole? Avete visto qualche volta l’asse immaginario che sostenta l’equilibrio del Mondo? Se simili fenomeni di carattere permanente sulla Terra non svegliano le anime assopite, fornendo loro la legittima concezione dell’esistenza di Dio, come sperate di distruggere la ribellione millenaria degli uomini, esigendo prematuri spettacoli di manifestazioni della Spiritualità Superiore?
No, amici miei! Urge abbandonare i settori del rumore esteriore e iniziare lo sviluppo interiore delle facoltà divine! La passione per il fenomeno può essere tanto viziosa e distruttrice per l’anima, come lo è quella dell’alcool ubriacando e annichilendo i centri della vita fisica. Nella maggioranza delle circostanze, il vostro gioco di ipotesi non smette di essere una danza macabra dei raziocini, fuggendo alle realtà universali e posticipando, indefinitamente, l’edificazione reale dello spirito! Concordiamo con voi che la sperimentazione è necessaria; che l’indagine intellettuale è il punto di partenza delle grandi imprese evolutive; che la curiosità rispettosa è la madre della scienza realizzatrice; che ogni processo di conoscenza esige campo di osservazione e lavoro, così come è indispensabile il materiale didattico nelle scuole più semplici. Tuttavia, urge riconoscere che gli elementi di apprendistato non devono essere convertiti dall’alunno in mere espressioni di gioco o di divertimento. Oltre a questo, benché gli alunni s’istruiscano con le lezioni, è doveroso osservare che l’informazione non è tutto, in quanto il chiarimento educativo è solo una parte dell’apprendistato. Che cosa dire dei discepoli che studiano sempre, senza mai apprendere sul terreno delle vere realizzazioni? Che cosa dire dei compagni che sono portatori di parole illuminanti per gli altri e che non illuminano mai se stessi? Catalogare valori non significa viverli. Insegnare il cammino ai viaggiatori non significa avere conoscenza diretta e personale della strada. Esistono eccellenti statistici che non hanno mai visitato le fonti originali delle loro risorse informative ed eminenti geografi che raramente escono dalla loro casa. Ricorriamo a questi esempi per farvi capire che, se è possibile mantenere atteggiamenti di quest’ordine, nel campo limitato della breve esistenza sulla Terra, non si può fare la stessa cosa nel regno infinito della vita spirituale nei cui circoli vivete già da adesso, nonostante la vostra condizione di creature legate ai veicoli inferiori.
La medianità non è una condizione transitoria della carne, bensì espressione dello Spirito immortale. Naturalmente, l’interscambio perfezionato tra i due piani richiede sane condizioni di possibilità fisiche del vaso sacro che il Signore vi affidò per la santificazione; ma il corpo è uno strumento elevato nelle mani dell’artista, il quale deve essere divino. Se aspirate allo sviluppo superiore, abbandonate i piani inferiori. Se pretendete l’interscambio con i saggi, dovete crescere in conoscenza, valorizzare le esperienze e intensificare le luci del raziocinio! Se aspettate la compagnia sublime dei santi, santificatevi nella lotta di ogni giorno, perché le entità angeliche non restano ferme nei giubili celesti e anche loro lavorano per la perfezione del mondo, aspettando che diveniate angeli! Se desiderate la presenza dei buoni, siate buoni anche voi. Senza affabilità, dolcezza, comprensione fraterna e senza comportamenti edificanti, non potrete capire gli Spiriti affabili, amici, elevati e costruttivi. Altrimenti, sarebbe come incontrare Platone ad insegnare filosofia avanzata a una tribù di selvaggi e primitivi e Francesco di Assisi, a lavorare con dei ladri, non sarà ammissibile l’integrazione degli Spiriti illustri e santificati con le anime rigorosamente aggrappate alle manifestazioni più basse e grossolane dell’esistenza carnale. Nelle vostre attività spirituali ricordatevi che non vi trovate di fronte una dottrina intransigente di uomini di passaggio sul Pianeta! Sieti in un movimento divino e mondiale di liberazione delle coscienze, in una rivelazione sublime della vita eterna e di valori immortali per tutte le creature umane di buona volontà! Accogliendo questa convinzione, non trattenetevi nell’atteggiamento presuntuoso di coloro che suppongono di avere incontrato nella medianità solo un sesto senso esclusivo! Il valore medianico non è un dono per privilegiati, è una qualità comune a tutti gli uomini che cercano la buona volontà sincera nel terreno dell’elevazione. Per ora, è innegabile che abbiamo bisogno delle grandi incombenze stimolanti, ai quali determinati compagni incarnati sono convocati per dare grandi testimonianze in questo settore del chiarimento collettivo, nella diffusione della fede positiva e edificante; ma il futuro ci rivelerà che il servizio di questa natura appartiene a tutte le creature, perché tutti noi siamo Spiriti immortali. Non abbiate nessun dubbio! Non permettiate che il modello vibratorio delle forze fisiche spenga in voi la luce gloriosa della divina certezza di questo momento, perché tutti noi, amati amici, ci troviamo davanti alla nostra Spiritualità senza fine, rinnovando energie viziata continuamente da secoli, in cammino verso trasformazioni che mai potreste immaginare, nei circoli del vostro presente evolutivo! Eleviamoci, dunque, nello spirito del Signore, che da oggi ci ha invitato al banchetto della luce! Alziamoci per il futuro, non nel senso di disprezzare la Terra, bensì col proposito di perfezionare le nostre qualità individuali per essere veramente utili alle realizzazioni che dovranno arrivare! Amiamoci gli uni con gli altri intensamente facendo veri i precetti evangelici e edificandoci ogni giorno di più erigendoci per la redenzione finale.
Terminando la bella dissertazione della notte, dopo una lunga pausa, Alessandro, facendo un sentito appello, concluse:
– “Uniamoci tutti nel compromesso sacro della legittima cooperazione con Gesù!
“Se il braccio umano modifica la struttura geologica della terra, facendo nuove strade, costruendo città magnifiche e dando uno schema differente al corso delle acque sulla Terra, intensifichiamo il nostro sforzo spirituale, rinnovando le disposizioni millenarie del pensiero primitivo del mondo, costruendo solide rotte per la legittima fraternità, concretizzando le opere di elevazione dei sentimenti e del raziocinio delle creature, formando basi cristiane che santifichino il corso delle relazioni tra gli uomini!
“Non provocate lo sviluppo prematuro delle vostre facoltà psichiche! Vedere senza comprendere o sentire senza discernere può causare grandi disastri del cuore. Cercate al di sopra di tutto, il progresso nella virtù e affinate i sentimenti. Rafforzate il vostro equilibrio e il Signore vi aprirà la porta delle nuove conoscenze!
“Se il desiderio di trasformare il prossimo tormenta le vostre anime, ricordatevi che ci sono mille modi di aiutare senza imposizioni e che solamente dopo che il frutto è maturato, arriva la fornitura di semi con cui sopperire alle necessità di altri nuclei interessati nella semina!
“Liberatevi dall’eccessiva loquacità senza opere! Non vi parlo, qui, tanto solo delle opere del bene, esteriorizzate nel piano fisico, bensì, in modo particolare, delle costruzioni silenziose, della rinuncia, del lavoro di ogni giorno nella comprensione di Gesù Cristo, della pazienza, della speranza, del perdono, che irrompono le porte dentro l’anima, nel grande paese delle nostre esperienze intime!
“In tutti i lavori terrestri, trasformatevi nella Volontà di Nostro Padre! E nei vostri servizi di fede, non cercate di far scendere fino a voi gli Spiriti Superiori, imparate, piuttosto, a salire fino a loro, coscienti che le strade di interscambio sono le stesse per tutti e che conta di più elevare il cuore per ricevere l’infinito bene, che esigere il sacrificio dei benefattori…!
“Non rompete mai il filo di luce che vi unisce, individualmente, allo Spirito Divino! Non permettete che l’egoismo e la vanità, gli appetiti inferiori e le tirannie dell’“io”, offuschino la vostra facoltà di riflettere la Luce Divina. Ricordate che nella nostra capacità di servire e nelle nostre posizioni di lavoro, stiamo a Dio come le pietre preziose della Terra stanno al Sole creatore – quanto più nobile è la purezza della pietra, più ci sono possibilità di riflettere lo splendore solare!
“Collocate le espressioni fenomeniche dei vostri lavori in secondo piano, ricordando sempre che lo Spirito è tutto!”
In quell’istante, Alessandro tacque, mantenendosi in muta attesa. Ammirato, commosso, notai che il generoso istruttore si trasfigurava, lì, davanti ai nostri occhi. Per la prima volta dopo il mio ritorno al nuovo piano, mi era dato osservare tale singolare avvenimento. Le sue vesti si trasformavano in una specie di neve radiosa, la sua fronte emetteva intensa luce e dalle sue mani distese si staccavano raggi brillanti che, cadendo su tutti noi, sembrava che ci infondessero uno strano incantesimo. Profonda emozione mi dominò intimamente e quasi tutti noi, senza potere definire la causa di quelle divine vibrazioni, piangevamo di allegria contenendo il giubilo inaspettato che ci opprimeva il petto.
Dopo alcuni momenti di estasi sublime, vidi che Sertorio capiva la mia perplessità.
È vero, che in diverse occasioni io avevo presenziato alla preghiera di entità elevate, preghiera che si faceva accompagnare sempre dai più belli fenomeni di luce, ma non avevo mai osservato, fino ad allora, simile trasfigurazione!
Toccandomi soavemente il braccio, il compagno affermò:
– Tutte le potenze della Natura superiore si riuniscono intorno ad Alessandro in questo momento, trasformandolo in intermediario di sublimi doni per noi. È per questo motivo che egli irradia e risplende con tanta intensità.
Compresi la bellezza della scena e la sublimità della lezione.
Trascorsi alcuni secondi, il grande orientatore, ritornando al suo aspetto abituale, elevava una preghiera di riconoscenza al Signore e chiudeva, allegramente, la divina riunione.
“L’essere umano è in qualsiasi situazione,
quello che aspira,
l’irradiazione di quello che sente,
gli interessi che coltiva.”

Spirito Joanna de Ângelis
Psicografia Divaldo Pereira Franco
Avatar utente
Fernanda
Amministratore
 
Messaggi: 1448
Iscritto il: venerdì 20 febbraio 2009, 16:08
“Mi Piace” dati: 0 volta
“Mi Piace” ricevuti: 397 volte
Religione: Spiritista

Re: Un nuovo libro da leggere e studiare "Missionari della L

Messaggioda Fernanda » lunedì 28 gennaio 2019, 10:42

Per chi avrà voglia di partecipare con noi, il link è: https://hangouts.google.com/call/Enm3eA ... 1f2D8DAEEI

10

Materializzazione

In virtù del mio interesse per lo studio dei fenomeni di materializzazione, non esitai di sollecitare l’importante aiuto di Alessandro, che si è messo gentilmente a disposizione.
– Il nostro gruppo – ci informò, attento – non realizza lavori di questo genere, ma non avremo difficoltà a ricorrere ad altri amici. Abbiamo compagni affezionati che cooperano nei nuclei di attività di questa natura.
Osservando la mia profonda curiosità scientifica, l’orientatore proseguì:
– Si tratta di un servizio di elevata responsabilità, perché, oltre ad esigere tutte le facoltà dell’apparato medianico, bisogna mettere in gioco tutti gli elementi di collaborazione dei compagni incarnati presenti nelle riunioni destinate a questo fine. Se ci fosse perfetta comprensione generale, rispetto ai doni della vita e si potesse contare sui valori morali spontanei e legittimamente consolidati nello spirito collettivo, queste manifestazioni sarebbero le più naturali possibili, senza alcun danno per il medium o gli assistenti. Ma succede che sono molto rari i compagni incarnati disposti a osservare le condizioni spirituali che simili lavori esigono. Per questo, davanti all’incertezza di un’efficiente collaborazione, le sessioni di materializzazione si compiono con grandi rischi per l’organizzazione medianica e hanno bisogno di un gran numero di cooperatori del nostro piano.
– Comprendo – intervenni, avvalendomi di una piccola pausa del generoso istruttore. –Molte volte, quando siamo ancora avvolti nella carne, non sappiamo come condurre una ricerca intellettuale…!
– Certo! – esclamò il mio interlocutore, benevolente – se l’indagine scientifica fosse accompagnata dai giusti valori del sentimento, del carattere, della coscienza, sarebbero altre le realizzazioni, in relazione alla luce di spiritualità accesa per il cammino, ma spesso siamo assediati da richieste colme di pretese, allora, i fallimenti sono inevitabili.
L’orientatore amico continuò la serie di chiarimenti morali, belli e edificanti. Attesi, ansioso, l’istante di osservare questi prodigiosi servizi dei lavoratori spirituali, che si realizzano con grande sorpresa per gli studiosi della Terra.
Alessandro, delicato come sempre, mi ossequiò con tutte le provvidenze necessarie. Amici affettuosi si sarebbero incaricati di rispondere alla mia sana curiosità e sono stato informato di tutte le misure prese per l’evento.
Nella notte indicata, Alessandro, che mi offriva la soddisfazione di accompagnarmi da vicino, mi condusse a un focolare domestico, dove avrebbe avuto luogo un’assemblea diversa.
La riunione sarebbe iniziata alle ore ventuno, ma, con cinquanta minuti di anticipo, eravamo entrambi nel salone intimo, accogliente e confortevole, dove un gran numero di servitori del nostro piano, andavano e venivano.
I lavori erano controllati dal Fratello Calimerio, entità superiore di condizione gerarchica superiore ad Alessandro che, ricevuto affettuosamente da lui, si espresse così, dopo che fui presentato:
– Sono qui col proposito di servire all’apprendistato di questo compagno. André desiderava conoscere i servizi di materializzazione e mi sono preso la libertà di presentartelo; quindi, non ci troviamo qui come semplici osservatori. Se fosse possibile lavoreremo anche noi.
– Alessandro – replicò gentilmente Calimerio, evidenziando estrema delicatezza nei modi di fare –, il compito è di tutti noi. Offri al nostro nuovo amico tutte le esperienze di cui possiamo disporre e scusami se non posso aiutarvi personalmente. La supervisione dei lavori di questa notte è a mio carico. Ma sentitevi a vostro agio.
E, fissando in me il suo lucido sguardo, affermò:
– Osservare per attuare è un servizio divino.
Entrammo, rispettosi, all’interno dell’abitazione.
Meravigliato, notai l’enorme differenza nell’ambiente. Non c’era lì, come in altre riunioni alle quali avevo partecipato, la grande comunità di sofferenti alle porte. La residenza privata, dove si sarebbero compiuti i lavori, era protetta da un esteso cordone di lavoratori del nostro piano, per un raggio di venti metri di circonferenza.
Percependo il mio stupore, Alessandro spiegò:
– Qui è indispensabile la massima cura affinché i principi mentali di origine inferiore non colpiscano la salute fisica dei collaboratori incarnati, né la purezza del materiale necessario per i processi fenomenici. In considerazione di ciò, è imprescindibile isolare il nucleo delle nostre attività, difendendolo dall’accesso di entità poco degne, attraverso frontiere vibratorie.
Osservando l’estensione delle cure messe in pratica, domandai:
– Se è necessario tanto zelo, in quello che si riferisce al nostro campo di servizio, non si applicheranno le stesse protezioni ai compagni incarnati, facenti funzione di assistenti?
Alessandro sorrise, comprendendo la sottigliezza della mia domanda e rispose:
– Tutto il pericolo di questi lavori sta nell’assenza di preparazione dei nostri amici della superficie terrena, i quali, nella maggioranza delle volte, adducendo motivazioni scientifiche, eludono preziosi principi di elevazione morale. Quando da parte loro manca la dovuta attenzione, il fallimento può assumere terribili caratteristiche, perché i fratelli che stabiliscono le frontiere vibratorie, all’esterno dell’area, non possono ostacolare l’entrata delle entità inferiori assolutamente integrate con le loro vittime terrene. Ci sono ossessi che si sentono così bene in compagnia dei persecutori, che imitano le madri terrestri abbrancate ai figli piccoli, attraversando aree consacrate a certi servizi, tuttavia non compatiamo lo spirito infantile. Quando compagni imprudenti entrano nel lavoro in tali condizioni, le minacce sono davvero inquietanti.
– Allora, qui – considerai – non devono entrare le vittime del vampirismo…
– Di rigore, non dovrebbero entrare – disse l’orientatore, sorridendo –, anche perché ci sono altri centri dove possono essere soccorsi; ma, a volte, la carità fraterna consiglia la tolleranza, anche in un ambiente come questo.
E, dopo una leggera pausa, affermò:
– Per questo, le riunioni per il servizio di materializzazione si fanno raramente; l’omogeneità, qui, deve essere molto più intensa. La maggioranza delle nostre attività si consacra allo sforzo della carità cristiana. Ma in questo ambiente, il lavoro si limita a certe dimostrazioni della saggezza spirituale. Tuttavia, gli uomini, in senso generale, non sanno, per il momento, comprendere l’essenza divina di tali dimostrazioni e, sovente, si avvicinano ad esse con il ragionamento razionale al di sopra del sentimento. Nella inquietudine della investigazione, perdono, molte volte, i valori della cooperazione e i risultati sono negativi. Ma nel giorno in cui riusciranno a illuminare il cuore, riceveranno allegrie uguali a quelle discese sui discepoli di Gesù, quando, come nella narrazione dei Vangeli, in un’umile casa di Gerusalemme, a porte chiuse, in sublime comunione di amore e fede, ricevettero la visita del Maestro, perfettamente materializzato dalla resurrezione.
Approfittando del silenzio di Alessandro per alcuni secondi, intensificai le mie osservazioni.
Sorpreso, notai lo sforzo di venti entità di nobile gerarchia, che rinnovavano l’aria dell’ambiente. Nei loro gesti ritmici, si assomigliavano ad antichi sacerdoti che eseguivano operazioni magnetiche di santificazione interna dell’area.
Notando il mio spirito d’investigazione, Alessandro chiarì:
– Non si tratta di ierofanti34 gesticolanti nei loro modi abituali. Abbiamo lì illustri cooperatori del servizio che preparano l’ambiente; ionizzando l’atmosfera, combinando risorse per effetti elettrici e magnetici. Nei lavori di questo tenore sono richiesti processi accelerati di materializzazione e smaterializzazione di energia. Le entità manifestanti, nel campo visivo dei nostri amici incarnati, sono spesso entità eminentemente vincolate alla Terra e ai suoi piani di sensazioni, ma gli organizzatori legittimi del compito in corso, sono dei veri e competenti orientatori dei piani spirituali, con supreme conoscenze e responsabilità.
Non trascorse molto tempo quando comparvero alcuni lavoratori della nostra sfera, portando piccole apparecchiature che mi sembravano strumenti di ridotte dimensioni, ma con gran potenziale elettrico, in virtù dei raggi che emettevano in tutte le direzioni. La mia curiosità non aveva limiti.
– Questi amici – spiegò il mio generoso istruttore – sono incaricati della condensazione dell’ossigeno in tutta la casa. L’ambiente per la materializzazione di un’entità del piano invisibile agli occhi degli uomini, richiede un elevato tenore di ozono, inoltre, è indispensabile una simile operazione, affinché tutte le larve e le espressioni microscopiche di attività inferiori siano sterminate. L’ozonizzazione dell’ambiente interno è necessaria come attività battericida.

34 Il sacerdote più elevato della famiglia sacerdotale eleusina degli Eumolpidi, nell’natica Grecia (Enciclopedia Treccani).

E dopo un gesto espressivo, aggiunse:
– L’ectoplasma,35 o forza nervosa che sarà abbondantemente estratta dal medium, non può soffrire l’intromissione di certi elementi microbici senza danni fatali.
Poco dopo costatai, sorpreso, il lavoro di varie entità che arrivavano dell’esterno, portando molto materiale luminoso.
– Sono risorse della Natura – m’informò l’istruttore sollecito – che gli operai del nostro piano raccolgono per il servizio. Si tratta di elementi delle piante e delle acque, naturalmente invisibili agli occhi degli uomini, impostati per ridotto numero di vibrazioni.
– Saranno utilizzati nei lavori della notte? – domandai.
– Sì, chiarì Alessandro, con pazienza, saranno mobilitati per l’azione degli orientatori.
In quell’istante, entravano nella sala persone che frequentavano abitualmente la riunione, occupando i posti che gli erano soliti.
Tra gli incarnati si stabilì una conversazione leggera, nella quale si commentavano i lavori conclusi nella sessione anteriore.
Non erano trascorsi molti minuti quando la giovane medium, affabile e simpatica, fece il suo ingresso nella sala, accompagnata da diverse entità, tra le quali risaltava un amico di elevata condizione che sembrava presiedere il gruppo dei servitori. Egli esercitava un notevole controllo sulla giovane che a lui si univa attraverso tenui fili di natura magnetica.
Sentendo la mia irrefrenabile curiosità, l’orientatore mi disse:
– Il controllore medianico è il Fratello Alencar che fu anche medico sulla Terra. Calimerio è il dirigente incaricato della supervisione dei lavori nel nostro circolo.
Vedendo il mio stupore, Alessandro reiterò:
– Alencar è l’orientatore dell’apparato medianico in relazione con le attività di materializzazione propriamente dette. Avviciniamoci a lui.
Molto commosso, ricevetti il saluto del nuovo amico che ci accolse affettuosamente:
– Ci sarà molto utile la presenza di entrambi – ci disse guardando particolarmente al mio istruttore – perché abbiamo bisogno di collaboratori per l’aiuto magnetico all’organismo medianico.

35 Ectoplasma (dal greco antico ἐκτός (ektòs, fuori) e πλάσμα (plasma, lett. ciò che ha forma) è un termine adottato per la prima volta da Ernst Haeckel nel 1873, per indicare lo strato esterno e più denso del citoplasma cellulare.

Il primo ad usare questo termine nel campo della parapsicologia e dello spiritismo fu il premio Nobel Charles Richet (1850-1935). Il termine ectoplasma indica una sostanza di natura sconosciuta, che uscirebbe dal corpo di alcuni medium in stato di trance e che spesso si materializzerebbe in figure visibili. Esso rappresenterebbe pertanto la forma corporea fluida nella quale talvolta si materializzano gli spiriti o le entità spirituali. La sostanza di cui è composto l'ectoplasma viene generalmente descritta come viscida, morbida o solida, fluida o vaporosa, fredda ma asciutta al tatto. Spesso sarebbe di colore biancastro, a volte con sfumature verdastre e fosforescente. Avrebbe inoltre un odore peculiare, da alcuni associato all'ozono.
– Siamo a tua disposizione – affermò Alessandro, con soddisfazione –, prenderemmo posto tra i tuoi assistenti.
Alencar lo ringraziò con un espressivo gesto di allegria.
Tra i collaboratori figurava un’entità molto cara al mio orientatore. Si trattava di Veronica che era stata un’abnegata infermiera sulla Terra e che mi ha fatto sentire a mio agio, conversando gentilmente con me.
– Fratello Alessandro – disse lei, dopo pochi secondi di conversazione affettuosa –, iniziamo l’aiuto magnetico. È necessario stimolare i processi digestivi affinché l’apparato medianico funzioni senza ostacoli.
Non ebbi opportunità di fare interpellanze verbali. Ma Alessandro mi diresse uno sguardo espressivo, invitandomi a osservare.
Lui, Veronica e tre assistenti diretti di Alencar, collocarono le mani a forma di corona, sulla fronte della giovane e vidi che le loro energie riunite, formavano un vigoroso flusso magnetico che fu proiettato sullo stomaco e il fegato della medium i cui organi accusarono immediatamente un nuovo ritmo di vibrazioni. Le forze emesse si concentrarono, gradualmente, sul plesso solare, estendendosi per tutto il sistema nervoso vegetativo36 e con stupore, osservai che si accelerava il processo chimico della digestione. Le ghiandole dello stomaco cominciarono a secernere pepsina* e acido cloridrico* in maggiore quantità, trasformando rapidamente il bolo alimentare*37. Stupito, riconobbi l’elevata produzione di enzimi digestivi e vidi che il pancreas lavorava attivamente, lanciando grandi porzioni di tripsina* nella parte iniziale degli intestini che sembravano un gran ricettacolo di bacilli acidificatori. Avvalendomi di quell’opportunità, analizzai il fegato, che sembrava soffrire speciale influenza, notando la sua condizione di organo intermediario, non solo con funzioni definite nella produzione della bile, ma anche svolgendo un importante ruolo nei fenomeni nutritivi, relazionato con la vita dei globuli del sangue. Le cellule epatiche lavoravano velocemente, immagazzinando risorse nutritive lungo le vene inter lobulari che assomigliavano a piccoli canali di luce.
In pochi minuti, lo stomaco era interamente libero.
– Ora – esclamò Veronica, servizievole – prepariamo il sistema nervoso per stimolare l’uscita della forza.
Notai la differenziazione dei flussi magnetici, davanti alla nuova operazione messa in atto. Gli assistenti si erano separati in qualche modo e, mentre Alessandro proiettava l’energia che gli era peculiare sulla regione del cervello, Veronica e i compagni lanciavano soprattutto le loro proprie risorse su tutto il sistema nervoso centrale, incaricandosi ognuno di una determinata zona dei nervi cervicali, dorsali, lombari e sacrale.
Le forze proiettate sull’organizzazione medianica eseguivano una pulizia efficiente ed energica, per quanto osservavo, attonito, i residui oscuri gli erano strappati dai centri vitali.

36 Il sistema nervoso vegetativo regola le funzioni viscerali invia fasci nervosi a trachea, bronchi, esofago, stomaco, intestino.
37 *l’acido cloridrico serve a trasformare il pepsinogeno in pepsina, che serve a digerire le proteine. * bolo alimentare: cibo che viene deglutito. * tripsina: Enzima fondamentale nella digestione delle proteine.

Sotto il flusso luminoso della mano destra di Alessandro, il cervello della giovane raggiungeva una lucentezza singolare, come se fosse uno specchio cristallino. Tutte le ghiandole più importanti risplendevano, come nuclei vigorosi eccitati da sublimi elementi. Sotto la pioggia di raggi spirituali che la avvolgevano, la medium lasciava percepire il lavoro divino di cui era oggetto, tutte le sue cellule organiche sembravano restaurare l’equilibrio elettrico.
Finito il compito, Alessandro si avvicinò e davanti alla mia chiara curiosità, osservò:
– L’apparato medianico è stato sottoposto a operazioni magnetiche destinate a soccorrere l’organismo nei processi di nutrizione, circolazione, metabolismo ed azioni protoplasmatiche, affinché il suo equilibrio fisiologico fosse mantenuto al di sopra di qualunque sorpresa spiacevole.
Proseguendo l’esame dei lavori in corso, osservai che Veronica ora alzava la sua mano destra sulla testa della giovane, fermandola nel centro della sensibilità.
– Nostra sorella Veronica – spiegò il mio amabile orientatore – sta applicando Passi magnetici come attività di introduzione al necessario sdoppiamento.
Ma, in quel momento, qualcosa di strano accade nel circolo delle nostre attività spirituali.
Si verificò un grande shock di vibrazioni nella stanza. Due servitori si avvicinarono ad Alencar, ed uno di loro, spaventato, gli spiegò:
– Il signor P…, si sta avvicinando in condizioni indesiderabili…
– Che cosa è successo? – indagò il controllore, sicuro di sé.
– Ha bevuto alcolici in abbondanza e dobbiamo procedere al suo isolamento.
Il controllore abbozzò un gesto di contrarietà e mormorò, incamminandosi alla porta d’ingresso:
– Questo è molto grave! Neutralizziamo la sua influenza, senza perdere tempo.
Alessandro m’invitò a osservare il caso più da vicino. Vedendo lo stupore che mi aveva assalito, chiarì:
– In questi fenomeni, André, i fattori morali costituiscono elemento decisivo nell’organizzazione. Non ci troviamo davanti a meccanismi di minore sforzo, bensì davanti a sacre manifestazioni della vita, nelle quali non si può prescindere dagli elementi superiori e dalla sintonia vibratoria.
In quell’istante, il signor P…, entrava nella stanza.
Di bell’aspetto, mostrando ottime disposizioni, non sembrava minacciare l’equilibrio complessivo, anche se rivelava esteriormente qualche segno di ubriachezza.
Assecondando le disposizioni di Alencar, diversi operai dei servizi lo circondarono rapidamente, come infermieri che si occupavano di un malato grave.
Incapace di dissimulare le mie sensazioni, chiesi:
– Che succede? Quell’uomo sembra calmo e normale.
– Sì, – chiarì Alessandro, benevolmente –, sembrare non è tutto. La respirazione di questo signore, in tale stato, emette veleni. In un altro nucleo, potrebbe essere trattato caritatevolmente, ma qui serviamo in una funzione specializzata della sala, i principi etilici che espelle dal naso, dalla bocca, dai pori, sono eminentemente dannosi al nostro lavoro. Come vediamo, c’è necessità di una preparazione morale adeguata, per qualunque caso. Il vizio, in qualunque senso, innanzitutto, deprime il viziato, ma perturba ugualmente gli altri.
Ricordai gli effetti dell’alcool nell’organismo umano, bastò che il ricordo affiorasse nella mia mente, perché l’orientatore mi chiarisse immediatamente:
– Adesso puoi comprendere che le quantità minime di alcool, intensificano il processo digestivo e favoriscono la diuresi, ma l’eccesso è un tossico distruttore.
Le emanazioni dell’alcool di canna da zucchero ingerito dal nostro fratello in grande quantità, sono molto nocive per i delicati elementi della formazione plastica che saranno ora infusi al nostro sforzo, costituisce un serio pericolo per le forze esteriorizzate dall’apparato medianico.
In realtà, a poco a poco si sentiva, benché vagamente, l’odore caratteristico della fermentazione alcolica.
Osservai che il signore P… fu circondato dalle entità operanti e neutralizzato nella sua influenza, alla maniera di detrito annullato da laboriose api, in piena attività nell’alveare.
I servizi proseguivano normalmente.
Tra voti per il successo, formulati per i compagni incarnati abbastanza fiduciosi, la medium fu condotta a un piccolo studio improvvisato, facendo, di seguito, una preghiera. Tuttavia, si vedeva, che, come succedeva in altre riunioni, gli amici terrestri emettevano richieste silenziose, entrando in vibrazioni mentali in attivo conflitto che, invece di aiutare, pregiudicavano il lavoro della notte che richiedeva la più elevata percentuale di armonia. Alla debole e soave luce rossa che aveva sostituito la forte lampada comune, si notavano le emissioni luminose del pensiero degli amici incarnati. Francamente, non c’era nella piccola comunità lo spirito di intendimento divino del servizio in corso. Nessuno ponderava la grandezza del fatto che l’Umanità terrena era assetata di rivelazioni celesti. Si vedeva che la riunione era profondamente dominata dall’”io”. Mentre alcuni esteriorizzavano richieste, altri chiedevano alle creature disincarnate che comparissero ai fenomeni di materializzazione. Tuttavia, cercai di contenere le mie impressioni sgradevoli, perché tutti i lavoratori di grande elevazione che si trovavano nella sala, si comportavano con calma, trattando i compagni carnali con immenso affetto, come saggi davanti a degli amati bambini del cuore.
Vari servitori spirituali cominciarono a combinare le radiazioni magnetiche dei compagni terreni, al fine di ottenere materiale di cooperazione, mentre Calimerio, proiettando il suo sublime potenziale di energie sulla medium, operava lo sdoppiamento che durò alcuni minuti. Veronica e altre amiche, sostenevano la giovane che si trovava già parzialmente separata dal suo corpo fisico, ma confusa e inquieta, di fianco al corpo, già immerso in profonda trance.
Subito notai che sotto l’azione del nobile orientatore del servizio, si esteriorizzava la forza nervosa, a modo di un flusso abbondante di foschia spessa e lattiginosa.
Notando la perturbazione vibratoria dell’ambiente e visto l’atteggiamento poco consono dei compagni incarnati, Calimerio disse al controllore medianico:
– Alencar, è necessario estinguere il conflitto di vibrazioni. I nostri amici ignorano ancora come aiutarci armonicamente attraverso le loro emissioni mentali. È più ragionevole che, per adesso, si astengano dalla concentrazione. Dica loro che cantino o facciano musica d’altro tipo. Cerca di distrarre la loro inadeguata attenzione.
Ma Alencar che si trovava sotto forti preoccupazioni, davanti ai molteplici obblighi che avrebbe dovuto svolgere in quel momento, chiese la collaborazione di Alessandro che si mise immediatamente a sua disposizione.
– André – disse il mio orientatore in tono grave –, improvvisiamo una gola ectoplasmatica. Non possiamo perdere tempo.
Vedendo la mia inesperienza, aggiunse:
– Non ti deve inquietare. È sufficiente che mi aiuti nella mentalizzazione minuziosa di tutti i dettagli anatomici dell’apparato vocale.
Ero stordito, ma l’orientatore considerò:
– La forza nervosa del medium è materia plastica e profondamente sensibile alle nostre creazioni mentali.
Immediatamente, Alessandro prese una piccola quantità di quegli effluvi lattiginosi che si esteriorizzavano particolarmente attraverso la bocca, il naso e le orecchie dell’apparato medianico e, come se avesse nelle sue mani una piccola quantità di gesso fluidico, cominciò a manipolarlo, con assoluto dominio di sé stesso, dandomi l’impressione di trovarsi completamente distante dall’ambiente, pensando alla creazione del momento. In pochi secondi, vidi formarsi, sotto il mio sguardo attonito, un delicato apparato di fonazione. All’interno dello scheletro cartilaginoso, scolpito alla perfezione nella materia ectoplasmatica, si organizzavano i tenui fili delle corde vocali, elastiche e complete nella fenditura glottica38 e di seguito, Alessandro sperimentava l’emissione di alcuni suoni, muovendo le cartilagini aritenoidi.39
Si era formato, con l’influsso mentale e sotto l’azione tecnica del mio orientatore, una gola perfetta.

38 Lo spazio allungato in cui le corde vocali sono collocate si chiama glottide o rima glottica. La misura della lunghezza della glottide e dunque delle corde vocali
39 La cartilagine aritenoidi o cartilagini aritenoidee sono strutture cartilaginee facenti parte delle cartilagini principali della laringe

Con stupore, verificai che attraverso il piccolo apparato improvvisato e con la cooperazione dei suoni delle voci umane, mantenuti nella sala, la nostra voce era integralmente percepita da tutti gli incarnati presenti. Sembrando soddisfatto del successo del suo lavoro, Alessandro parlò attraverso la gola artificiale, come chi utilizza uno strumento vocale umano:
– Amici! Che la pace di Gesù sia con voi! Aiutateci cantando! Fate musica ed evitate la concentrazione…!
Si fece musica nell’ambiente e vidi che il Fratello Alencar, dopo essersi legato profondamente all’organizzazione medianica, prendeva forma, lì stesso, di fianco alla medium, sostenuta da Calimerio e assistita da numerosi lavoratori.
Poco dopo, avvalendosi della forza nervosa esteriorizzata e del variato materiale fluidico estratti dall’interno della casa, uniti a risorse della Natura, Alencar apparve davanti agli occhi degli incarnati, perfettamente materializzato.
Sorpreso, riconobbi che la medium era il centro di tutti i lavori. Tenui cordoni la legavano alla forma del controllore e, quando sfioravamo lievemente l’organizzazione medianica, l’amico materializzato dimostrava evidenti segni di preoccupazione, così come succedeva alla giovane medium in relazione ad Alencar. I gesti incontrollati di entusiasmo degli assistenti che cercavano di salutare direttamente il messaggero materializzato, si ripercuotevano sgradevolmente sull’organismo dell’intermediaria.
Fratello Alencar sostenne una piccola conversazione con i compagni terrestri estasiati. Ma non era il dialogo tra lui e i partecipanti quello che impressionava il mio cuore, bensì, la bellezza del fatto, la realtà della materializzazione, dando opportunità a grandi speranze per il futuro umano, rispetto alla fede religiosa, alla confortante filosofia dell’immortalità e alla nobile scienza posta al servizio della ragione illuminata.
Alessandro si avvicinò e considerò:
– Osserva la grandezza dell’avvenimento. Il medium svolge il ruolo di entità materna, mentre Alencar, sotto l’influenza positiva di Calimerio, rimane in temporanea filiazione all’organismo medianico. Tutte le forme che si materializzano sono “figlie provvisorie” della forza plastica dell’intermediaria. L’amico che conversa con gli incarnati è Alencar, ma il suo involucro del momento è nato dalle energie passive della medium e dalle energie attive di Calimerio, il direttore più elevato di questa riunione. Se forziamo la medium dal nostro piano, colpiremo Alencar durante il processo di materializzazione; se i compagni terrestri violentassero il messaggero, improvvisamente materializzato, distruggerebbero la medium, causando conseguenze funeste e imprevedibili.
Perplesso davanti al fenomeno, indagai:
– Questa forza nervosa è proprietà solamente di alcuni privilegiati sulla Terra?
– No, – replicò Alessandro –, tutti gli uomini la possiedono con maggiore o minore intensità; ma è necessario comprendere che non ci troviamo ancora nel momento adatto a generalizzare le realizzazioni. Tu sai che questo campo esige santificazione. L’uomo non potrà abusare nel settore del progresso spirituale, come sta facendo nelle linee dell’evoluzione materiale, dove trasforma prodigiosi doni divini in forze di distruzione e miseria. Amico mio,
in questo campo di realizzazioni sublimi alle quali ci sentiamo legati, l’ignoranza, la vanità e la cattiva fede, si inabilitano da sole, tracciando i loro propri confini.
Impressionato dalle meraviglie che avevo sotto i miei occhi notai che, all’appello di Alencar e con il generoso concorso di Calimerio, si materializzavano fiori e mani, in forma di messaggi affettuosi per coloro che assistevano alla riunione.
Regnava grande allegria tra tutti, ad eccezione del signor P… che manifestava un certo malessere, trovandosi sotto il controllo diretto di vari lavoratori spirituali che neutralizzavano la sua influenza.
Dopo meravigliosi minuti di servizio e di giubilo, con significative dimostrazioni di gratitudine a Dio, terminammo i lavori della notte, cooperando tutti insieme affinché la medium fosse perfettamente reintegrata al suo patrimonio psicofisico.
Il mio cuore traboccava di allegria e di speranza; ma era doveroso confessare che rispetto alla grandezza delle dimostrazioni di servizio e alle sublimi benedizioni, era molto ridotta la comprensione degli incarnati. Somigliavano a bambini audaci, più interessati nell’inedito spettacolo che desiderosi di dedicarsi al servizio divino. Francamente ero deluso. Così tanti emissari celesti si sforzavano per mezza dozzina di persone che sembravano lontane dal proposito di servire alla causa dalla Verità e del Bene?!
Esposi la mia opinione al devoto orientatore, ma Alessandro, tranquillamente, mi rispose:
– E Gesù? Credi che Egli abbia lavorato solamente per i galilei che non lo comprendevano? Credi che abbia insegnato solamente nel tempio di Gerusalemme? No, amico mio: convinciti che tutti i nostri atti, nel bene o nel male, sono messi in pratica per l’Umanità intera. Per adesso, i nostri compagni terrestri non ci capiscono né sono abbastanza maturi da raggiungere la completa consacrazione a Gesù; ma la semina è viva e produrrà a suo tempo. Niente si perde.
E, sorridendo, concluse, dopo una lunga pausa:
– È vero che tu, nel mondo, fosti medico sempre interessato nel vedere il risultato del tuo lavoro; ma non dimenticarti dello sforzo silenzioso dei seminatori del campo e ricorda che i semi depositati nei sarcofagi egizi alcune migliaia di anni fa, stanno meravigliosamente cominciando a produrre nel suolo della Terra **.
“L’essere umano è in qualsiasi situazione,
quello che aspira,
l’irradiazione di quello che sente,
gli interessi che coltiva.”

Spirito Joanna de Ângelis
Psicografia Divaldo Pereira Franco

Il messaggio di Fernanda piace a:
ale_209
Avatar utente
Fernanda
Amministratore
 
Messaggi: 1448
Iscritto il: venerdì 20 febbraio 2009, 16:08
“Mi Piace” dati: 0 volta
“Mi Piace” ricevuti: 397 volte
Religione: Spiritista

Re: Un nuovo libro da leggere e studiare "Missionari della L

Messaggioda Fernanda » lunedì 4 febbraio 2019, 18:22

11
Intercessione
Una notte, finita la dissertazione che Alessandro consacrava ai compagni terreni, il mio orientatore fu cercato da due signore che furono condotte in condizioni molto speciali a quel corso avanzato di chiarimenti, giacché erano creature, temporaneamente slegate dal corpo per il tramite del sonno, ancora vincolate ai veicoli carnali e che cercavano l’istruttore.
La più anziana, evidentemente di Spirito più elevato, date le manifestazioni di luce di cui era circondata, sembrava essere molto conosciuta e stimata da Alessandro che la ricevette con evidenti dimostrazioni di affetto. Ma l’altra, avvolta in un circolo oscuro, aveva l’aspetto angosciato e piangeva.
– Oh, amico mio! – esclamò la simpatica entità, dopo i primi saluti, rivolgendosi al benevolente orientatore – porto mia cugina Esther che perse il marito in dolorose circostanze.
E mentre la signora indicata si asciugava gli occhi, in silenzio, molto rattristata, l’altra continuò:
– Alessandro, conosco l’elevazione e l’urgenza dei tuoi servizi; tuttavia, cerco il tuo aiuto per i nostri dispiaceri terrestri! Se fosse assurda la nostra richiesta scusaci con il tuo cuore chiaroveggente e buono! Siamo donne umane! Perdonaci, dunque, se bussiamo alla tua porta di benefattore, per occuparci di tristi questioni …!
– Etelvina, amica mia – disse l’istruttore con tenerezza –, da tutte le parti, il dolore sincero è degno di sostegno. Se ci sono sofferenze quando siamo incarnati, anche qui, dove ci troviamo, persistono, senza le spoglie grossolane e ovunque dobbiamo essere pronti alla cooperazione legittima. Pertanto, dimmi quello che desideri e sentitevi a vostro agio!
Entrambe le signore si mostrarono sollevate e cominciarono a parlare con calma.
Etelvina, soddisfatta, presentò allora la compagna che iniziò a raccontare la sua dolorosa storia. Si era sposata dodici anni prima, col secondo fidanzato che il destino le aveva riservato, chiarendo che il primo che aveva amato molto, si era suicidato in circostanze misteriose. Al principio, si era preoccupata molto per il comportamento di Noè, il primo fidanzato, bene amato del suo cuore. Ma la devozione di Raul, il marito che il Cielo le aveva inviato, riuscì a dissipare le amarezze del passato, edificando il rapporto coniugale con amorosa comprensione. Avevano tre figli che la Provvidenza Divina aveva concesso loro e vivevano in completa armonia. Raul, benché di carattere malinconico, era abnegato e fedele. Quante volte lei aveva cercato, invano, di alleviare le sue recondite sofferenze, ma il compagno non gliele mostrava mai pienamente! Anche così, l’esistenza trascorreva fortunata e in uno stato di calma, in un santuario di mutua comprensione. Nonostante avessero vissuto sempre per l’adempimento dei sacri obblighi domestici, apparvero nemici nascosti e sottrassero loro la felicità. Raul era stato inspiegabilmente assassinato. Amici anonimi avevano raccolto il cadavere per strada, portando a casa quella terribile sorpresa. Aveva il cuore attraversato da un colpo di rivoltella che, benché fosse stato rinvenuto vicino al corpo esangue, non gli apparteneva. Che mistero avvolgeva quel terribile crimine? I poliziotti e la gente erano convinti che si trattasse di un suicidio, così, tutte le inchieste della giustizia criminale furono interrotte; nel frattempo, con la sua intuizione femminile, credeva in un omicidio. Quali motivi avevano potuto condurre un uomo probo e lavoratore al suicidio senza alcun motivo? Perché si sarebbe suicidato Raul, quando tutto era loro favorevole rispetto al futuro? Innegabilmente, le sue risorse finanziarie non erano estese, ma sapevano equilibrare con decenza le loro spese con le loro entrate. No. No. Il compagno, secondo la sua opinione, doveva avere lasciato la Terra a causa di un tenebroso crimine. Tuttavia, nella sua generosità femminile, Esther, annegata nelle lacrime, non desiderava incolpare nessuno, non desiderava vendicarsi, ma certo calmare il suo cuore sconfortato. Sarebbe possibile, per mezzo di Alessandro, sognare il compagno, nel senso di ottenere sue notizie dirette e fargli sentire l’affettuoso interesse della famiglia? Avendo i figli piccoli e due zii anziani che dipendevano dalle sue attenzioni, l’angosciata vedova si trovava in pessime condizioni finanziarie ed in una vedovanza inaspettata. Tuttavia, aggiungeva piangendo, era disposta a lavorare e a dedicarsi ai suoi figli, ricominciando da capo, ma, prima di questo, desiderava confortare il suo cuore, anelava sapere quello che era successo e conoscere la situazione del marito, per potersi rassegnare.
Alla fine della sua lunga e sentita esposizione, annegata nel pianto, rivolgendosi al mio orientatore, concludeva:
– Per pietà, generoso amico! Non puoi dirmi niente? Che cosa sarà stato di Raul? Chi l’avrà assassinato? E perché?
La sofferente vedova sembrava allucinata per il dolore e s’immergeva nelle più disparate indagini. Alessandro, lontano dall’infastidirsi per le sue continue domande, assunse un atteggiamento paterno e affettuosamente prese le mani dell’interlocutrice e rispose:
– Calma e coraggio, amica mia! In questo momento, non è facile fare ciò che mi chiedi. È necessario investigare con attenzione, per poter risolvere il problema col dovuto criterio. Ritorna, quindi, alla tua casa e riposa la tua mente oppressa … Esistono sofferenze che non possono curarsi con i ragionamenti del mondo. È indispensabile conoscere il rifugio della preghiera, affidandole al Padre Supremo. Rifugiati nella fede sincera, fidati della Provvidenza e vedremo quello che è possibile fare nell’ambito dell’informazione e del soccorso fraterno. Esamineremo il tema con attenzione!
Entrambe le signore fecero ancora alcuni commenti dolorosi a proposito dell’avvenimento, salutando, più tardi, con parole di gratitudine e di affetto.
Da solo con me e sentendo forse la mia necessità di preparazione e di conoscenza, l’orientatore mi spiegò:
– I nostri amici incarnati molte volte credono che siamo indovini e, per il semplice fatto che siamo fuori dalla carne, sono convinti che oramai siamo signori di sublimi doni divinatori, dimenticando che lo sforzo proprio, col lavoro legittimo, è una legge di tutti i piani evolutivi.
Ma sorridendo paternamente, aggiunse:
– Comunque, è doveroso considerare che noi, quando ci trovavamo sulla Terra, in circostanze simili, non procedevamo diversamente.
Il giorno dopo, considerando che io potevo disporre di più tempo, Alessandro mi invitò ad accompagnarlo fino alla residenza di Esther. Avrebbe preso la casa dell’interessata come punto di partenza per portare a termine le verifiche che desiderava compiere.
– Come? – ponderai – non sarebbe più pratico invocare direttamente il marito disincarnato, mediante i nostri poteri mentali? In quel modo, Raul potrebbe essere ascoltato senza difficoltà, valutando in seguito quello che si potrebbe fare a beneficio della vedova.
L’istruttore, senza scartare la mia idea, disse:
– Senza dubbio, quello è il metodo più facile e in molti casi dobbiamo mettere in gioco simili risorse; ma, André, il servizio di intercessione, per essere completo, esige qualcosa da noi stessi. Concedendo a nostra sorella Esther un po’ del nostro tempo e delle nostre possibilità, saremo creditori di più giuste conoscenze, rispetto alla situazione generale, arricchendo, simultaneamente, i nostri valori di cooperazione. Chi fa del bene è il primo beneficiato; chi accende una luce, è quello che si illumina per primo.
Come chi non desidera prolungare la conversazione, Alessandro rimase in silenzio e ci mettemmo per strada, comprendendo, una volta di più che, come sulla Terra, il servizio di collaborazione fraterno nel piano degli Spiriti necessita sforzo, tolleranza e diligenza.
La casa della povera vedova si trovava in una strada modesta e benché relativamente confortevole, sembrava essere abitata da molte entità di condizione inferiore, che osservai senza difficoltà, per il movimento di entrate e uscite, nonostante noi non fossimo ancora entrati nell’ambiente domestico. Entrammo senza che i disincarnati infelici percepissero la nostra presenza in virtù del basso livello vibratorio che caratterizzava le loro percezioni. Però il quadro era doloroso da vedere. La famiglia costituita dalla vedova, tre figli e una coppia di anziani, si trovava seduta al tavolo, davanti ad un pranzo molto semplice. Un fatto, fino allora inedito per me, richiamò la mia attenzione; sei entità avvolte in circoli oscuri, li accompagnavano nel pranzo, come se stessero prendendo alimenti per nutrirsi.
– Oh, mio Dio! – esclamai, stordito, dirigendomi all’istruttore – sarà possibile? Disincarnati al tavolo?
Alessandro, replicò, tranquillamente:
– Amico mio, le conseguenze del vizio mentale, ignoranza e sofferenza nelle case senza equilibrio religioso, sono molto grandi. Dove non esiste organizzazione spirituale, non ci sono difese per la pace dello spirito. Questo è chiaro per tutti quelli che seguono il pensiero retto.
Dopo una breve pausa, guardando commosso l’ambiente interno, proseguì:
– Quelli che si disincarnano in condizioni di eccessivo attaccamento a quelli che lasciarono sulla Terra, trovando in essi le stesse catene, si mantengono quasi sempre legati alla casa, alle situazioni domestiche e ai fluidi vitali della famiglia. Si alimentano con la parentela e dormono nelle stesse stanze nelle quali persero i loro corpi fisici.
– Ma riescono ad alimentarsi veramente, utilizzando le stesse ghiottonerie di un altro tempo? – chiesi, con stupore, vedendo la soddisfazione con cui le entità lì congregate, assorbivano gustosamente le emanazioni dei piatti fumanti.
Alessandro sorrise e considerò:
– Tanto stupore, solamente vedendoli prendere alimenti per il naso? E noi? Per caso ignori che l’uomo incarnato riceve più del settanta percento dell’alimentazione comune attraverso i principi atmosferici, captati attraverso le vie respiratore? Neppure tu puoi ignorare che le sostanze cotte sul fuoco, soffrono profonda disintegrazione. Bene, i nostri fratelli, viziati nelle sensazioni fisiologiche, trovano negli elementi disintegrati lo stesso sapore che sperimentavano quando si trovavano in possesso del corpo carnale.
– Tuttavia – riflettei –, sembra spiacevole mangiare obbligati a condividere la inevitabile compagnia di sconosciuti e principalmente sconosciuti della specie di quelli che stiamo vedendo.
– Ma non puoi dimenticare, – espose l’orientatore – che non si tratta di gente sconosciuta. Stiamo vedendo diversi parenti, che gli stessi incarnati mantengono con le loro pesanti vibrazioni di attaccamento morboso.
Alessandro pensò un momento e continuò:
– Ciononostante, ammettiamo la tua ipotesi. Anche se il tavolo fosse circondato da entità estranee ai legami consanguinei, rimane la certezza che le anime si riuniscono ubbidendo alle tendenze che sono loro caratteristiche e dal fatto che ogni Spirito ha la compagnia che preferisce.
Desideroso di somministrare basi solide al mio apprendistato, disse:
– Il tavolo familiare è sempre un ricettacolo di influenze di natura invisibile. Avvalendosi di esse, se l’uomo medita nel bene, i lavoratori spirituali nelle vicinanze del pensatore, gli si uniranno per partecipare nel campo benedetto dei buoni pensieri; conservando la famiglia in un piano superiore e rendendo culto a elevate esperienze di vita, permette agli orientatori dell’illuminazione spirituale di avvicinarsi per seminare nel terreno delle conversazioni costruttive i semi di nuove idee che si muoveranno in questi momenti, con la bellezza sublime della spontaneità. Tuttavia, per le stesse disposizioni della legge di affinità, la maldicenza attrarrà calunniatori invisibili e l’ironia cercherà, senza dubbi, entità burlone e sarcastiche che ispireranno aneddoti poco degni, lasciando vasto margine alla leggerezza e alla perturbazione.
Indicando il gruppo che si trovava al tavolo, Alessandro aggiunse:
– Qui, i tristi ostinati attraggono i parenti disincarnati di analoga condizione. È il vampirismo reciproco. Ascolta quello che dicono.
Acuii il mio udito e in effetti comprovai che la conversazione era delle più deplorevoli:
– Mai avrei pensato che avrei sofferto tanto in questo mondo! – esclamava la zia di Esther, lamentandosi amaramente –. Augusto e io abbiamo lavorato tanto nella nostra gioventù…! Ora, arrivati alla vecchiaia, senza risorse per affrontare la vita, ci vediamo obbligati a sovraccaricare una povera nipote vedova! Oh che doloroso destino…!
Mentre le lacrime correvano sulle sue guance di cera, l’anziano le faceva coro:
– È vero! Dopo una vita laboriosa e difficile, tanto amara ricompensa! Non mi sarei mai aspettato una vecchiaia tanto oscura!...
Le entità vestite con delle tuniche scure, ascoltando simili dichiarazioni, si commuovevano abbracciandosi con fervore agli anziani.
La vedova, benché triste, aggiunse con rassegnazione:
– In effetti, le nostre prove sono state crudeli; tuttavia, dobbiamo fidarci della Bontà di Dio.
Alessandro fissò in lei tutta la sua attenzione e notai che nell’anima della vedova fioriva una disposizione singolare. Con gli occhi brillanti, come se percepisse, da molto lontano, la nostra influenza spirituale, si ricordò in forma vaga, del sogno della notte, dicendo:
– Grazie alla Provvidenza, oggi mi sono svegliata molto più serena. Sognai che la cugina Etelvina mi condusse alla presenza di un messaggero celeste che benedisse il mio cuore, alleviando i miei pesanti dolori di questi ultimi giorni. Oh, come mi sentirei felice se mi fosse possibile ricostruire quel sogno di luce!
– Raccontaci mamma! – esclamò sua figlia di circa sette anni che, fino a quel momento, era rimasta in silenzio.
La signora, di buon grado, commentò:
– Figlia mia, non è possibile descrivere sensazioni così forti. Non ricordo tutto con precisione, ma rammento che l’emissario di Gesù mi ascoltò con pazienza e subito mi rivolse parole confortanti e di amore. Lungi dal rimproverarmi, mi accolse benevolmente e rivelando divina tolleranza ascoltò i miei lamenti fino alla fine come un medico abnegato. Per questo motivo mi sono alzata oggi con un altro animo. Siamo fiduciosi, perché Dio ci aiuterà. Una volta che mi sarò ripresa completamente, guadagnerò il nostro pane col lavoro onesto. Dobbiamo avere speranza e fede.
Ascoltando le affermazioni incoraggianti di Esther, i bambini incrociarono i loro sguardi sorridendo, mentre gli anziani si compiacevano nell’amarezza che era loro propria.
Desiderai diventare visibile ai compagni disincarnati privi di luce che si muovevano nella stanza, per parlare con loro e sondare le loro esperienze, ma Alessandro mi dissuase:
– Sarebbe una perdita di tempo – disse. – Se tu desideri aiutarli, vieni qui in un’altra occasione, perché l’indurimento mentale di molti anni, non si disfa con chiarimenti verbali di un giorno. Per il momento, il nostro obiettivo è diverso. Dobbiamo ottenere informazioni su Raul. Inoltre, se approfittassimo del momento per ascoltare i nostri fratelli disincarnati che sono presenti, verificheremmo molto presto che essi potrebbero solamente presentarci dolorosi lamenti, senza costruttivo profitto.
Manifestando scarso interesse per la conversazione degli incarnati e considerando l’obiettivo essenziale del momento, disse:
– Cerchiamo alcuni dei nostri fratelli visitatori. Abbiamo bisogno di ragguagli iniziali per organizzare subito il nostro lavoro di intercessione.
Poiché Alessandro si era diretto verso altre stanze, anch’io lasciai la modesta sala da pranzo, nonostante il mio desiderio di continuare a osservare. L’istruttore sembrava non avere molto tempo da perdere. Dopo pochi minuti fummo raggiunti da un’entità di umile aspetto, ma molto dignitoso, al quale Alessandro si rivolse gentilmente:
– Amico: è lei un visitatore in funzione attiva?
– Sì, per servirla – rispose con molta gentilezza l’interpellato.
L’orientatore gli espose con franchezza e in poche parole quello che desideravamo.
Allora il fratello visitatore, molto ragionevolmente, ci spiegò: aveva conosciuto molto da vicino Raul; l’aveva soccorso molte volte, prestandogli continua assistenza spirituale ma non aveva potuto, né lui né altri amici, evitare il suicidio freddamente deliberato.
– Suicidio? – interrogò Alessandro, cercando di informarsi in modo completo –. La vedova crede che sia stato assassinato.
– Egli lo seppe dissimulare con molta cura – ponderò il nuovo amico –. Aveva meditato da molto tempo l’infelice atto e l’ultimo giorno acquistò la rivoltella che utilizzò con il fine desiderato. Mirò alla regione del cuore e, cautamente, per evitare le impronte digitali, gettò l’arma a poca distanzia e in quel modo riuscì a burlare la fiducia dei suoi familiari, facendo loro supporre che era stato un doloroso crimine.
– Riusciste a vederlo negli ultimi minuti della tragedia? – chiese Alessandro in tono paterno.
– Sì – chiarì l’interlocutore –, alcuni amici ed io cercammo di soccorrerlo, ma, in considerazione delle condizioni della sua morte fisica in forma volontaria, fermamente deliberata, non ci fu possibile ritirarlo della pozzanga di sangue in cui si era immerso, trattenuto da vibrazioni pesanti ed angosciose. Rimanemmo in servizio con il fine di confortarlo, quando si avvicinò una “banda” di una decina di spiriti che maltrattarono quell’essere infelice portandolo con loro, protetti dall’armonia delle loro forze perverse. Come puoi comprendere, non ci fu possibile strapparlo dalle mani dei briganti dell’ombra che se lo portano in giro…
L’istruttore sembrava soddisfatto con le delucidazioni e, quando vidi che si dispose a finire la conversazione, osai domandare:
– Ma… e la causa del suicidio? Non sarebbe interessante ascoltare il visitatore?
– No. – spiegò Alessandro, tranquillamente – Lo domanderemo al diretto interessato.
Salutammo. Ma una precisa domanda tormentava la mia testa. Rivolgendomi al generoso orientatore, gli domandai:
– Una “banda”? Che cosa significa?
Alessandro che sembrava ora più preoccupato, chiarì:
– La “banda” cui si riferisce l’informatore, è una moltitudine di entità delinquenti, affezionate alla pratica del male. Benché abbiano un’influenza limitata, in virtù delle numerose difese che circondano i nuclei dei nostri fratelli incarnati e le nostre sfere di azione, compiono molte perturbazioni, concentrando gli impulsi delle loro forze collettive.
Osservando che il mio stupore era molto grande, l’istruttore aggiunse:
– Non ti sorprenda amico mio. La morte fisica non è un bagno miracoloso che converte da un momento all’altro brutti in buoni e gli ignoranti in saggi. Esistono disincarnati che si attaccano agli ambienti domestici allo stesso modo dell’edera alle pareti. Altri, tuttavia, in gran numero, si ribellano nei circoli dell’ignoranza che è loro propria e costituiscono le chiamate legioni delle tenebre che affrontarono lo stesso Gesù, con la mediazione di diversi ossessi. Si organizzano diabolicamente, formano cooperative criminali e poveri quelli che diventano loro compagni! Che cadono durante il cammino evolutivo per negligenza delle opportunità divine, schiavi sofferenti di questi terribili ma transitori poteri delle ombre, in una prigione che può caratterizzarsi per molto tempo.
– Ma il visitatore regionale, come guardiano di questi posti – domandai con stupore–, non avrebbe potuto difendere l’infelice suicida?
– Se egli fosse stato vittima di assassinio, sì – rispose l’istruttore –, perché, nella condizione reale di vittima, l’uomo emette determinate correnti di forza magnetica, suscettibili di metterlo in contatto con i missionari del soccorso; ma, nel suicidio previamente deliberato, senza l’intromissione di nemici occulti, come nel caso che stiamo osservando, lo squilibrio dell’anima è inesprimibile e porta all’assoluta incapacità di sintonia mentale con gli elementi superiori.
– Ma – domandai attonito – le sentinelle spirituali non avrebbero potuto soccorrerlo indipendentemente?
Alessandro abbozzò un gesto di tolleranza fraterna ed aggiunse:
– Essendo la libertà interiore facoltà di tutti i figli del Creato, non sarebbe possibile organizzare precipitosi servizi di soccorso per tutti quelli che cadono nei precipizi della sofferenza per loro propria volontà, con piena coscienza dei propri comportamenti. In tali casi, il dolore funziona come misura di aiuto nelle indispensabili rettifiche. Ma… e i cattivi che sembrano felici nella loro malvagità? domanderai, naturalmente. Quelli sono i sofferenti perversi e induriti di tutti i tempi che, nonostante riconoscano la decadenza spirituale di sé stessi, creano una pericolosa crosta di insensibilità intorno al cuore. Disperati e delusi, coprendo velenosa rivolta, si buttano nell’onda torva del crimine, fino a che un nuovo raggio di luce non germoglierà nel cielo delle loro coscienze.
Il tema offriva opportunità per preziosi chiarimenti ma Alessandro abbozzò un gesto come quello di chi non può sprecare molto tempo con le parole e, dopo un breve intervallo, aggiunse:
– André, resta con il cuore in preghiera, aiutandomi per alcuni secondi. Ora che ho informazioni positive sul visitatore, devo mobilitare le mie possibilità di visione, con il fine di orientarmi sul luogo dove si trova l’infelice fratello.
Tuttavia, pur restando in preghiera, osservai che l’orientatore entrava in profondo silenzio. Dopo pochi minuti, Alessandro prese la parola ed esclamò come chi stesse ritornando da una sorprendente escursione:
– Possiamo proseguire. Il povero fratello, semi–incosciente, è legato a un gruppo pericoloso di vampiri, in un luogo vicino.
L’istruttore si mise in cammino. Lo seguii passo passo in silenzio, nonostante la mia intensa curiosità.
Poco tempo dopo, distanziandoci dai nuclei suburbani, ci trovammo nelle vicinanze di un gran mattatoio.
La mia sorpresa non aveva limiti, perché osservai l’atteggiamento di vigilanza assunta dal mio orientatore che attraversò fermamente la grande porta di entrata. A causa delle vibrazioni dell’ambiente, riconobbi che il luogo era tra i più sgradevoli che fino ad allora, nella mia nuova fase di miglioramento spirituale, avessi conosciuto. Seguendo molto da vicino Alessandro, vedevo numerosi gruppi di entità evidentemente inferiori che si disponevano qui e là. Davanti al locale in cui si macellavano i bovini, potei percepire un quadro terrificante. Un gran numero di disincarnati, in pietose condizioni, si lanciavano sui rivoli di sangue vivo, come se cercassero di bere il liquido con sete divoratrice…
Alessandro percepì lo stupore doloroso che si impossessò di me e con serenità, mi chiarì:
– Stai osservando André? Questi infelici fratelli che non possono vederci, data la deplorevole condizione di inferiorità e di abbrutimento in cui si trovano, stanno succhiando le forze del plasma sanguigno degli animali. Sono affamati che suscitano pietà.
Poche volte, in tutta la mia vita, avevo sperimentato una ripugnanza tanto grande. Le scene più tristi delle zone inferiori che fino ad allora avevo potuto osservare, non mi avevano colpito con tanta amarezza.
Disincarnati che cercano alimento di quel tipo? Un mattatoio pieno di entità perverse? Che cosa significava tutto questo? Ricordai i miei pochi studi di Storia risalendo all’epoca in cui le generazioni primitive offrivano ai loro supposti dei il sangue dei tori e dei capretti. Starebbe lì, in quel quadro orripilante, la rappresentazione antica dei sacrifici sugli altari di pietra? Lasciai che le prime impressioni incendiassero il mio cervello al punto di sentire, come in un altro tempo, che le mie idee vagavano in un mulinello.
Alessandro, sollecito come sempre, si avvicinò più affettuosamente a me, spiegandomi:
– Perché tanta sensazione di paura, amico mio? Esci da te stesso, rompi il guscio dell’interpretazione personale e vieni al grande campo della comprensione. Non abbiamo visitato entrambi, nella sfera della Terra, i più diversi mattatoi? Ricordo che nella mia antica casa terrestre, c’era sempre una grande allegria familiare quando si uccideva un maiale. L’abbondanza di carne e di grasso significava provvista per la cucina e soddisfazione per lo
stomaco. Con lo stesso diritto, i disincarnati, così inferiori oggi come lo fummo noi ieri, si avvicinano agli animali morti il cui sangue fumante offre loro vigorosi elementi vitali. Senza alcun dubbio il quadro che offrono è deplorevole; ma non ci compete condannarli. Ogni cosa, ogni essere, ogni anima, rimane nel processo evolutivo che gli è proprio. E se passammo già per le stazioni inferiori, comprendendo com’è difficile il miglioramento nel piano dell’elevazione, dobbiamo conservare sempre la disposizione legittima di ausilio, mobilitando, per il servizio al prossimo, le migliori possibilità che sono alla nostra portata.
L’avvertimento era molto utile. Le parole dell’istruttore penetrarono profondamente nella mia anima, rettificando il mio atteggiamento mentale. Affrontai con serenità il quadro che si trovava alla mia vista e, notando che mi ero equilibrato, Alessandro mi mostrò un’entità che si trovava in condizioni deplorevoli, simile a un automa che vagava intorno agli altri. Dopo avere guardato i suoi occhi quasi senza espressione, notai che il suo abbigliamento rimaneva insanguinato.
– È il suicida che cerchiamo – esclamò l’istruttore, chiaramente.
– Che cosa? – domandai perplesso – Perché i vampiri hanno bisogno di lui?
– Tali infelici – chiarì Alessandro –, abusano dei disincarnati recenti nei primi giorni successivi alla morte fisica, quando si trovano senza difesa alcuna, come questo povero Raul, sottraendo loro le forze vitali, dopo avere approfittato del loro corpo carnale…
Ero attonito, ricordando le antiche informazioni religiose sulle tentazioni diaboliche, ma l’orientatore, fermo nella sua missione sacra di aiuto, considerò:
– Non ti impressionare in senso negativo, André. Ogni uomo, incarnato o disincarnato che esca dal sentiero retto del bene, può arrivare ad essere un poderoso genio del male. Non abbiamo tempo da perdere. Agiamo soccorrendo lo sventurato.
Seguendo il caritatevole mentore, mi avvicinai anch’io all’infelice. Alessandro alzò la destra sulla fronte di Raul e lo avvolse in un vigoroso influsso magnetico. In pochi secondi, Raul si vedeva circondato di luce e fu immediatamente visto dagli esseri dell’ombra, osservando che la maggioranza si allontanava lanciando grida di orrore. Vedendo il chiarore che avvolgeva la vittima, erano lividi, atterriti. Uno dei carnefici con più coraggio, replicò a voce alta:
– Lasciamo quest’uomo alla sua sorte! Gli “spiriti poderosi” sono interessati a lui! Allontanatelo!
Mentre il carnefice, di fronte all’avvicinamento benedetto di quella luce che discendeva dall’Alto, si ritiravano rapidamente, come se temessero qualcosa che io non potevo ancora comprendere, a mia volta mi perdevo in dolorose domande intime. La scena era tipica delle vecchie leggende di demoni che abbandonavano le anime prigioniere dei loro propositi infernali. Le parole “spiriti poderosi” erano state pronunciate con palese ironia. Per il chiarore che aveva avvolto il suicida, essi sapevano che eravamo presenti e benché fuggissero timorosi, si allontanavano colpendoci con parole ironiche.
Poco dopo, quel grande mattatoio si trovava deserto dai vampiri voraci. Alessandro, dando per finita l’operazione magnetica, prese la mano dell’amico sofferente che sembrava
stordito per l’influenza maligna e, conducendolo all’esterno, verso il campo, mi disse benevolmente:
– Non conservare nel tuo cuore le parole ironiche che abbiamo sentito. Quei fratelli sventurati meritano la nostra maggiore compassione. Andiamo a quello che ci interessa.
Mi raccomandò di proteggere il nuovo amico che sembrava non avere coscienza della nostra collaborazione e, dopo alcuni minuti di marcia ci fermammo sotto un albero frondoso, mettendo il fratello debole e barcollante sulla fresca erba.
Impressionato davanti al suo sguardo inespressivo, sollecitai chiarimenti all’orientatore la cui parola amica non si fece aspettare:
– Il poveretto ha perso temporaneamente la memoria. Il suo stato, dopo avere sofferto una lunga suzione delle sue energie vitali, è di deplorevole incoscienza.
Vista la mia perplessità, Alessandro aggiunse:
– Che cosa desideri? Speravi di trovare qui processi più semplici? Il magnetismo del male è altrettanto pieno di potere, soprattutto per quelli che cadono volontariamente sotto i suoi tentacoli.
Subito, si inclinò paternamente sullo sventurato suicida ed indagò:
– Come ti senti, fratello Raul?
– Io… io…– mormorò l’infelice, come se si trovasse sommerso in profondo sonno – non so…no so niente…
– Ti ricordi di tua moglie?
– No…– rispose il suicida in modo vago.
L’istruttore si alzò e mi disse:
– La sua incoscienza è totale. Dobbiamo svegliarlo.
Di seguito, stabilì che io rimanessi lì, di guardia, mentre egli cercava le risorse necessarie.
– Non possiamo svegliarlo noi stessi? – interrogai, sorpreso.
L’orientatore sorrise e considerò:
– Bene si deduce che tu non sei un veterano dei servizi di “intercessione”. Non ti dimentichi che lo sveglieremo non solo affinché recuperi la sua propria coscienza, ma anche per il dolore? Romperemo la crosta di magnetismo inferiore che lo avvolge e Raul ritornerà alla consapevolezza della sua situazione; pertanto, sentirà il martirio del petto perforato dal proiettile e griderà di angoscia osservando la sopravvivenza dolorosa creata da lui stesso. Davanti a tali casi, le prime impressioni sono francamente terribili e passano alcune ore prima del sollievo sicuro. E siccome altri doveri ci attendono, sarà conveniente consegnarlo alle cure di altri amici.
Le osservazioni mi erano penetrate profondamente.
Trascorsi venti minuti, approssimativamente, Alessandro ritornò insieme a due fratelli che si disposero ad accompagnare l’infelice e, in poco tempo, ci trovammo in una casa spirituale di primo soccorso, situata sulla sfera terrestre. Si vedeva che l’organizzazione rispondeva a lavori di emergenza, perché il materiale di assistenza era francamente rudimentale.
Indovinando il mio pensiero, Alessandro spiegò:
– Nel circolo di vibrazioni antagonistiche degli abitanti della Terra, non si può localizzare un’istituzione completa di soccorso. Il lavoro di aiuto, così, soffre una deficienza incontestabile.
Ma questa casa è un ospedale volante che conta sull’abnegazione di molti compagni.
Sistemato Raul su un bianco letto, il devoto istruttore cominciò ad applicargli del Passe magnetico sulla regione cerebrale. Non passò molto tempo e l’infelice lanciò un grido stentoreo e vibrante dilacerando il mio cuore.
– Muoio! Muoio…! – gridava Raul, con massima afflizione, tentando, ora, di scalare le pareti – Aiutatemi, per carità!
E comprimendo il petto con le mani, esclamava in tono commovente:
– Il mio cuore si è spezzato! Aiutatemi…! non voglio morire…!
Infermieri solleciti lo sostenevano con attenzione, ma il paziente sembrava in preda all’orrore.
Con gli occhi esorbitati in una maschera di indefinibile sofferenza, continuava gridando con voce stentorea, come se si fosse svegliato da un angoscioso incubo.
– Esther! Esther…! – chiamò l’infelice, ricordandosi dell’affezionata moglie – vieni in mio aiuto per amore di Dio! Soccorrimi! I miei figli! I miei figli…!
Alessandro si avvicinò a lui paternamente e disse:
– Raul, abbi pazienza e fede nel Potere Divino! Cerca di affrontare con coraggio la difficile situazione che tu stesso hai creato e non invocare il nome dell’affezionata compagna, non richiamare i figli amati che lasciasti nel tuo antico paesaggio del mondo, perché la porta materiale della tua casa si chiuse coi tuoi occhi. Se tu avessi coltivato l’amore cristiano, apprezzando le opportunità che il Signore ti confidò, sarebbe facile, in un momento come questo, ritornare al focolare affettuoso per rivedere gli esseri cari, benché essi non riuscirebbero ad identificare la tua presenza. Ma…, amico mio, ora è molto tardi…, è necessario aspettare un’altra opportunità di lavoro e di purificazione perché il tuo tempo, con il nome terrestre di Raul, è finito.
Immenso orrore si dipinse sul suo viso, mentre chiedeva:
– Sarò morto, forse? Non sento il cuore trafitto dal dolore? Non ho i vestiti insanguinati? Sarà questo morire? È assurdo…!
Molto sereno, il buon istruttore, gli disse:
– Non impugnasti l’arma contro il tuo petto? Non localizzasti il cuore per mettere fine alla vita? Oh, amico mio! Gli uomini possono ingannarsi gli uni con gli altri, ma nessuno potrà illudere la Giustizia Divina!
Rivelando estrema vergogna sentendosi scoperto, il suicida proruppe in singhiozzi mormorando:
– Ah! Come sono sventurato! Mille volte infelice…!
Alessandro, compassionevole, non tornò a parlargli di quella circostanza. Dopo averlo raccomandato affettuosamente alle cure dei fratelli responsabili dei servizi di assistenza, mi si rivolse per spiegarmi:
– Andiamo, André. Il nostro nuovo amico è in una crisi il cui termine non sarà prima di settanta ore, approssimativamente. Torneremo più tardi a vederlo.
Di ritorno ai miei lavori, attesi, ansioso, l’istante per riprendere le osservazioni educative. Mi impressionava la complessità del servizio di “intercessione”. Le semplici preghiere di una moglie nostalgica e affezionata avevano provocato numerose attività per il mio orientatore e preziosi insegnamenti per me. Come agirebbe Alessandro nella fase finale? Che rivelazioni ci avrebbe fatto Raul, a noi compagni interessati del suo benessere? Sarebbe riuscita la sposa a consolarsi nel suo stato di vedovanza?
Pieno di domande, attesi il momento opportuno. Dopo quattro giorni, l’istruttore mi chiese di tornare al tema, il che mi fece gioire per la possibilità di proseguire imparando per la mia evoluzione.
Trovammo Raul pieno di dolori, benché più calmo, così da avere una conversazione chiarificatrice.
Si lamentava per la ferita aperta, del cuore fuori controllo, delle acute sofferenze, del suo grande abbattimento. Sapeva già che non si trovava nel circolo carnale, benché simile verità gli costasse angoscioso pianto.
– Tranquillizzati – gli disse il mio orientatore con inesprimibile bontà –, la tua situazione è difficile, ma avrebbe potuto essere peggiore. Ci sono suicidi che rimangono aggrappati alle spoglie mortali, per un tempo indeterminato, assistendo all’attacco dei voraci vermi.
– Povero me! – sospirò il miserabile –, perché, oltre che un suicida, sono anche un criminale.
E dimostrando infinita fiducia in noi, Raul ci raccontò la sua triste storia, cercando di giustificare il suo atto estremo.
In gioventù, venne dall’interno alla grande città, rispondendo all’invito di Noè, il suo amico d’infanzia. Compagno devoto e sincero, una volta, gli presentò la sua cara fidanzata, con la quale Noè sperava di costruire nel futuro, un fortunato nido domestico. Ahi! Da quel giorno in cui per la prima volta Raul vide Esther, mai più poté dimenticarla. Quella giovane personificava quello cui lui aspirava come il suo più alto ideale per realizzare un matrimonio felice. In sua presenza, si sentiva il più felice degli uomini. Il suo sguardo gli alimentava il cuore; le sue idee costituivano la continuità dei suoi pensieri. Come avrebbe potuto farle sentire il suo immenso affetto? Noè, il buon compagno del passato, era l’ostacolo che doveva rimuovere. Esther sarebbe incapace di tradire l’impegno che aveva assunto con lui. Noè dimostrava essere infinitamente buono e rispettabile per provocare una rottura. Fu allora che nacque nella sua mente la tenebrosa idea di un crimine. Avrebbe eliminato il rivale.
Non avrebbe ceduto a nessuno la sua felicità. L’amico doveva morire. Ma come portare a termine il piano senza incorrere in complicazioni con la giustizia? Accecato dalla violenta passione, si mise a studiare minuziosamente la realizzazione dei suoi propositi criminali, trovando una forma sottile per eliminare il compagno affezionato e fedele. Passò così a usare un conosciuto e terribile veleno in piccole dosi, aumentandolo lentamente fino ad abituare il suo organismo con quantità che sarebbero state fulminanti per gl’altri. Raggiunto il livello di resistenza necessario, invitò il compagno a un pranzo e gli fece bere l’odioso veleno in un vino gradevole che egli stesso bevete senza pericolo alcuno. Ma, Noè, morì dopo poche ore, sembrando un suicida per la opinione generale. Raul conservò per sempre il terribile segreto e, dopo avere corteggiato gentilmente la fidanzata in lacrime, riuscì ad imporle la sua simpatia fino a culminare con il matrimonio. Raggiunse la realizzazione di quello che più desiderava: Esther gli apparteneva come moglie. Arrivarono i figli ad addolcire la vita, ma… la sua coscienza era ferita senza remissione alcuna. Nelle intime scene della casa, vedeva Noè attraverso la sua tela mentale, che gli rimproverava la condotta. I baci della moglie e le carezze dei figli non riuscivano ad allontanare quella visione implacabile.
Invece di diminuire, i suoi rimorsi aumentavano sempre. Sul lavoro, mentre leggeva, a tavola, nella stanza da letto coniugale, la vittima rimaneva a contemplarlo in silenzio. A un certo punto del destino, decise di consegnarsi alla giustizia del mondo, confessando il suo orripilante crimine, ma non si sentiva in diritto di turbare il cuore della sua compagna, né di riempire di fango il futuro dei suoi figli. La società lo rispettava, apprezzando il suo focolare domestico. Distinti colleghi di lavoro apprezzavano la sua compagnia. Come dichiarare la verità in tali condizioni? Nonostante amasse teneramente la moglie e i suoi figli, si trovava sfinito, alla fine di una prolungata resistenza spirituale. Era preoccupato per la perturbazione mentale, il manicomio, la prigione, l’annientamento, la confessione del crimine che, ogni giorno, si faceva più imminente.
A quel punto, l’idea del suicidio prese corpo nel suo cervello tormentato. Non poté resistere più a lungo. Avrebbe nascosto l’ultimo atto del suo dramma silenzioso, così come aveva occultato la sua prima tragedia. Comprò una rivoltella e attese. Un certo giorno, dopo il lavoro giornaliero, si trattenne durante il tragitto di ritorno a casa e puntò l’arma contro il suo cuore, agendo con cautela per evitare le impronte digitali. Raggiunto il bersaglio, in un supremo sforzo si liberò del revolver omicida e prestò attenzione solo all’intraducibile sofferenza del torace frantumato… Con gran difficoltà, come se i suoi occhi fossero annebbiati, sentì che alcune persone tentavano di soccorrerlo e subito una vera moltitudine di creature che non riusciva vedere, lo toglievano da quel posto di dolore… Da allora, una debilitazione generale l’aveva preso per intero.
Si sentiva preda di un sonno pesante e angoscioso, pieno di crudeli incubi. E alla fine recuperò la coscienza di sé stesso, lì, in quella modesta stanza, dopo che Alessandro ebbe restaurato le sue prostrate energie…
Terminando l’estesa e amara confessione, Raul aveva il petto oppresso e pesanti lacrime lavavano il suo viso.
Molto commosso, non sapevo che cosa esprimere. Quell’occulto dramma, era capace di impressionare cuori di pietra. Alessandro, dimostrando la grandezza delle sue elevate esperienze, manteneva rispettabile serenità e disse:
– Nei più grandi abissi, Raul, c’è sempre un posto per albergare la speranza. Non lasciarti dominare dall’idea d’impossibilità. Pensa al rinnovamento della tua opportunità; medita nella grandezza di Dio. Trasforma il tuo rimorso in proposito di rigenerazione.
E dopo una leggera pausa, mentre l’infelice si scioglieva in pianto, il mentore proseguì:
– In realtà, i tuoi mali attuali non possono sparire miracolosamente. Tutti raccoglieremo ciò che abbiamo seminato. Ma anche noi che oggi stiamo imparando alcune cose, siamo già passati, innumerabili volte per la lezione di ricominciare. Abbi calma e coraggio.
Di seguito, Alessandro, iniziò a comunicargli la causa del nostro interesse, spiegandogli che il lavoro di aiuto fraterno era iniziato grazie alle preghiere della moglie affettuosa e desolata. Gli diede notizie di lei, dei figli e degli anziani zii; gli parlò delle nostalgie di Esther e della sua ansia di vederlo, benché fosse stato anche per un breve minuto mediante l’opportunità del sonno fisico.
Ascoltando le ultime informazioni, il suicida sembrò rincuorarsi vivamente e osservò:
– Ahi! Non sono degno! La mia miseria accentuerebbe i suoi dolori…!
Ma, l’orientatore, accarezzando paternamente la sua fronte, promise di intervenire e risolvere il problema.
Ci ritirammo nuovamente e percependo la mia profonda sorpresa, Alessandro ponderò:
– Nel piccolo dramma che stiamo osservando, amico mio, tu puoi calcolare l’estensione e la complessità dei nostri compiti nei servizi di “intercessione”. I nostri compagni incarnati ci chiedono, a volte, determinati lavori, ignorando quanto distanti si trovano dalla conoscenza delle vere situazioni. Per la società umana, Raul è una vittima di sicari occulti, quando in realtà non è altro che vittima di sé stesso. Per la compagna è il marito ideale, mentre fu un criminale e un suicida.
Compresi le difficoltà morali in cui ci trovavamo per poter rispondere alla petizione che ci conduceva a simile servizio. Le parole dell’istruttore non evidenziavano un’altra cosa. Comprendendolo, osai domandare:
– Credi che sorella Esther sia sufficientemente preparata per accettare la realtà delle nostre conclusioni?
Alessandro mosse la sua testa facendo cenno di no e considerò:
– Sono degni della verità piena solamente quelli che già si trovano completamente liberati delle passioni. Esther è profondamente buona, ma ancora non ha raggiunto il suo auto controllo. Non possiede le emozioni, piuttosto, ne è posseduta da loro. In considerazione di ciò, in nessun modo dobbiamo metterla a completa conoscenza del tema. È preparata per la consolazione, non per la verità.
Le affermazioni dell’istruttore in un certo senso mi sconvolgevano. Come omettere i particolari della tragedia? Non sarebbe mancare alla verità? Per quale motivo consolare la nostalgica moglie; occultandole il vero senso degli avvenimenti?
Ma, Alessandro, comprendendo le mie indagini, disse:
– Con che diritto perturberemmo il cuore di una povera vedova sulla Terra, col pretesto di dire verità? Per quale motivo sporcare la tranquilla speranza di tre adorabili bambini, forse avvelenando il loro destino, solamente per potere esibirci come campioni della verità? Ci sarà più allegria nel mostrare l’ombra di un crimine che nello scoprire la fonte del conforto? André, amico mio, la vita esige molto discernimento! Ogni parola ha la sua occasione e ogni rivelazione la sua opportunità! Non possiamo tollerare un servizio di soccorso umiliando chi supplica. La preghiera di Esther non deve essere portatrice di scoraggiamento. Per questo non tutti ricevono, quando vogliono, l’autorizzazione dall’Alto per il servizio di assistenza.
Presi nota dell’osservazione.
Quel giorno, Alessandro ed io ci dirigemmo alle autorità dell’Ausilio, chiedendo la collaborazione di una delle sorelle che lavoravano nei Gruppi di Soccorso, col fine di ottenere una cooperazione più efficiente per il cuore di Esther.
Fu distaccata Romualda, sorella dedita e buona, che discese sulla Terra insieme a noi, ricevendo con molta attenzione le raccomandazioni del prestigioso amico. Alessandro non diede molte istruzioni. Romualda avrebbe dovuto preparare spiritualmente la vedova per poter visitare, nella notte successiva, il marito disincarnato e, di seguito, rimanere a fianco a lei due settimane collaborando alla rinascita delle sue energie psichiche e cooperando affinché si riorganizzasse la sua vita economica, mediante un lavoro onesto e dignitoso.
Era da vedere l’affetto che il delicato istruttore aveva dedicato a tutte le provvidenze in corso.
Quasi nel momento designato per l’incontro dei coniugi, arrivammo all’ospedale volante di soccorso spirituale, dove l’istruttore curò personalmente tutte le misure. Raccomandò a Raul il buon animo, insistendo affinché non pronunciasse la minima espressione di lamento e che si astenesse da qualunque gesto che potesse manifestare impazienza o afflizione. Subito fece bendare la ferita aperta e sanguinante, molto visibile nella regione lacerata dell’organismo perispirituale, affinché la moglie non ricevesse nessuna impressione di sofferenza. Lo stesso Raul, stupito per la lezione di buone maniere, rispondeva, soddisfatto e rianimato a tutte le istruzioni. In pochi minuti, Romualda entrò in compagnia di Esther, il cui sguardo lasciava intravedere angoscia e attesa.
Alessandro la prese per il braccio e le mostrò il compagno steso nel bianco letto.
– Raul! Raul! – gridò la desolata vedova, provvisoriamente liberata del corpo carnale, lacerandomi il cuore con il suo doloroso tono di voce.
La sua commozione era estrema. Volle proseguire, ma non poté. Le si piegarono le ginocchia e si trovò genuflessa, vicino al letto del marito, singhiozzando. Osservai che gli occhi di lui erano pieni di lacrime che con sforzo non lasciava cadere. Alessandro lo guardava con fermezza, facendogli capire la necessità di affrontare con coraggio quell’angosciosa testimonianza. Come un bambino interessato a conoscere le raccomandazioni paterne, il suicida accompagnava i minimi gesti del nostro generoso orientatore.
E facendogli Alessandro un leggero segno, Raul prese la destra della compagna, annegata in lacrime e le disse:
– Non piangere più Esther! Abbi fiducia in Dio! Veglia sui nostri figli e aiutami con la tua fede! Sto bene… non c’è motivo perché ci lamentiamo tanto! Cara, la morte non è la fine. Accetta la volontà del Padre come io sto cercando di accettarla… la nostra separazione è temporanea… non ti dimenticherò mai! Sento anche io nostalgia della tua compagnia, della tua dedizione, ma l’Altissimo c’insegnerà a trasformare queste nostalgie in speranze!
Le parole del suicida, come la dolce inflessione della sua voce, mi sorprendevano.
Raul dimostrava un potenziale di delicatezza e di finezza psicologica che fino ad allora non aveva rivelato a miei occhi. Fu allora che, aguzzando la mia percezione visuale, notai che fili tenui di luce, legavano la fronte di Alessandro al suo cervello e potei comprendere che l’istruttore gli somministrava un vigoroso influsso magnetico, proteggendolo in quella difficile situazione.
Ascoltando le sue consolatrici espressioni, la vedova sembrò rincuorarsi e piangendo, esclamò:
– Oh, Raul, io so che ora siamo separati dagli abissi della sepoltura...! So che devo aspettare la decisione suprema per potermi unire a te per sempre… Ascoltami! Soccorrimi sulla Terra, nella vedovanza inaspettata e dolorosa! Alzati e vieni alla nostra casa, per dare speranza al mio spirito abbattuto! Difendici sempre contro i cattivi… non mi lasciare sola con i nostri figli che tanto hanno bisogno di te… chiedi a Dio questa grazia e vieni ad aiutarci fino alla fine…!
Benché continuasse a essere sdraiato sul letto, l’interpellato le accarezzò affettuosamente i capelli e rispose:
– Abbi fede e coraggio! Ricordati, Ester, che esistono sofferenze maggiori che le nostre ed accettale. Vado a ristabilirmi e lavorerò ancora per noi… Così come attendi il mio aiuto, aspetterò la tua fiducia. Il Signore non ci affida problemi dei quali non siamo degni!
Ritorna alla nostra casa e rallegrati! Non avere paura delle difficoltà; mai ci mancherà la benedizione del pane! Cerca l’allegria del lavoro onesto e semina il bene attraverso tutte le opportunità che il mondo ti offre! La pratica del bene dà salute al corpo e allegria allo spirito! E Dio che è buono e giusto, benedirà i nostri figli, affinché essi siano felici al tuo fianco… Non tardare più! Ritorna fiduciosa! Conserva la certezza che io sono vivo e che la morte del corpo è solo una trasformazione necessaria …!
Comprendendo che l’opportunità della riunione stava per esaurirsi, l’ansiosa moglie mostrò estrema curiosità ed afflizione, guardando il compagno attraverso le lacrime gli domandò:
– Raul, prima che me ne vada, dimmi francamente… che cosa ti successe? Chi ti tolse la vita?
Notai che quell’interpellato mostrò nel suo sguardo terribile angoscia, davanti a quell’inaspettata domanda. Voleva, forse, confessare la verità, fare luce intorno alle sue esperienze concluse, ma il soccorso magnetico di Alessandro, non si fece attendere. Un fascio d’intensa luminosità uscì dalla mano dell’orientatore che a quel punto della conversazione, la manteneva sulla fronte del suicida, in forma protettrice. La sua espressione fisionomica si trasformò, ristabilendo la sua serenità e il suo coraggio. Di nuovo calmo, Raul disse alla compagna:
– Esther, i processi della Giustizia Divina non sempre possiamo percepirli … Conserva con te la certezza che impariamo tutti i giorni e da tutti i fatti; impara a cercare, prima di tutto…. la volontà di Dio…
La povera vedova desiderava prolungare la conversazione; si indovinava attraverso i suoi afflitti occhi l’intenso proposito di continuare a bere le sublimi consolazioni del momento, ma Alessandro le prese il braccio e le raccomandò la necessità di salutare. La moglie, in lacrime, obbedì. Concentrando tutta la sua capacità affettiva nelle parole, disse addio al suicida e gli baciò le mani con infinito affetto. Già distante dall’organizzazione ospedaliera di emergenza, l’istruttore la affidò alle attenzioni di Romualda e ritornò in mia compagnia.
Non riuscivo a nascondere la mia enorme ammirazione, davanti a simile servizio di assistenza.
Alessandro percepì il mio stato d’animo e mi disse in modo commovente:
– Come vedi, il lavoro di soccorso esige molto sforzo e devozione fraterna. Non possiamo dimenticare che Raul ed Esther sono due malati spirituali che, in questa condizione, richiedono molta comprensione da parte nostra. Fortunatamente, la vedova ritorna piena di nuovo coraggio e il nostro amico, sentendo l’estensione delle cure di cui è oggetto e vedendo da solo quanto può ausiliare la compagna incarnata, si affretterà nel creare nuove espressioni di stimolo e di energia nel suo cuore.
Impressionato alla vista della lacerazione che c’era nel suo organismo perispirituale, indagai:
– E la zona ferita? Fino a quando Raul proverà simili sofferenze?
– Forse per molti anni – rispose l’istruttore in tono grave –. Ma ciò non gli impedirà di lavorare intensamente nel campo della coscienza, sforzandosi per ottenere il riavvicinamento mediante la benedetta opportunità rigenerante.
Altri problemi affioravano alla mia mente. Ma l’istruttore doveva assentarsi per rispondere a difficili incombenze, nelle quali io non potevo accompagnarlo.
Gli chiesi permesso per seguire da vicino il lavoro di assistenza portato avanti da Romualda, ricevendo la sua generosa approvazione. Desideravo sapere fino a che punto si era consolata l’afflitta vedova e osservare il profitto di quel rincontro che significava elevata concessione.
Il giorno dopo ritornavo alla modesta casa, proprio nei momenti del pranzo familiare. Romualda camminava attiva. L’ambiente interno aveva un nuovo aspetto. Le entità oscure non erano sparite totalmente, ma il loro numero era considerevolmente ridotto. Tutelando la sua protetta, la sorella ausiliatrice mi ricevette con gentilezza.
Mi informò che la vedova si era svegliata in migliori condizioni e che lei, Romualda, aveva fatto tutto il possibile per mantenerle il pieno ricordo del sogno. Com’era naturale, la poveretta non poteva ricordarsi di tutti i dettagli; nonostante avesse fissato i ricordi essenziali, suscettibili di risvegliare in lei la divina speranza e di rinvigorire il suo coraggio. Mi raccomandò che verificassi io stesso l’effetto della meravigliosa provvidenza.
Infatti, l’aspetto della vedova aveva acquisito una nuova espressione. Con gli occhi limpidi e brillanti, narrava agli zii e ai figli il sublime sogno della notte. Tutti ascoltavano con grande interesse, specialmente i bambini che sembravano partecipare al suo giubilo interiore. Esther finì la narrazione, emozionata. Osservai allora che l’anziana zia abbozzava un gesto d’incredulità, domandandole:
– E tu credi di avere visitato Raul nell’altro mondo?
Come no! – rispose la vedova, senza battere ciglio – ho ancora l’impressione delle sue mani sulle mie e so che Dio mi ha concesso tale grazia affinché io recuperi le mie forze per il lavoro. Oggi mi sono svegliata profondamente rianimata e felice! Affronterò il cammino con nuove speranze! Mi sforzerò e vincerò.
– Oh, mamma, come ci consolano le tue parole! – mormorò uno dei piccoli, dagli occhi molto vivaci – come desidererei essere stato con te per sentire papà in quel sogno meraviglioso…!
In quell’istante l’anziano, che mangiava in silenzio, disse, in qualità di eccellente rappresentante dell’incredulità umana:
– È interessante notare che Raul, pur avendo consolato tanto il suo cuore di donna, niente abbia chiarito sul crimine che lo portò alla tomba.
Esther che sentì l’ironia dell’osservazione, influenzata dalla benefattrice che si manteneva al suo fianco, rispose rapidamente:
– Molte volte, caro zio, non sappiamo essere grati per le benedizioni divine. Ricordo questa verità, avendo sentito un simile ragionamento. Mi vergogno quando ricordo di avere fatto questa domanda al povero Raul, abbattuto e pallido sul letto. Mi basta la felicità di averlo visto e sentito in un mondo che io non posso comprendere per adesso. Ho la certezza di averlo visitato in qualche luogo. Che cosa c’interessa scoprire i criminali, quando non possiamo farlo ritornare nel loro corpo fisico? Con la nostra preoccupazione di punire i colpevoli, senza rendere conto delle nostre colpe, arriveremo fino all’assurdo di desiderare di essere più giusti di Dio?
Lo zio tacque, pensoso e osservai che i bambini sentivano immensa allegria per la risposta materna!
Il cuore di Esther aveva penetrato la zona brillante e sublime della fede viva, assorbendo pace, allegria e speranza, incamminandosi verso una nuova vita. Salutando, mi congratulai con Romualda per il suo nobile lavoro. La generosa servitrice m’informò del suo progetto di servizio. Sarebbe rimasta strettamente al fianco dalla vedova, infondendole coraggio e animo nella prossima settimana; contava sulla possibilità di cooperare nel senso di procurarle un lavoro ben remunerato. Rimasi ammirato sentendo il programma, specialmente riguardo all’aiuto materiale. Romualda spiegò con molta calma:
– Quando i compagni terrestri sono meritevoli, possiamo collaborare a loro beneficio, con tutte le risorse a nostra disposizione, purché la nostra cooperazione non interrompa la libertà della loro coscienza.
La pregai, allora, che accettasse la mia cooperazione il giorno fissato per i servizi finali. Romualda accettò con piacere e, trascorsa una settimana, fui avvisato da lei, poiché finivano i lavori di assistenza. Ritornai alla casa della vedova in compagnia della degna servitrice spirituale che mi raccomandò:
– Per favore assisti la nostra amica mentre vado a cercare la persona indicata per aiutarla. Ho già svolto tutti i provvedimenti necessari alla situazione e non c’è tempo da perdere.
Rimasi lì con profonda curiosità e trascorse tre ore, approssimativamente, qualcuno bussò alla porta. Seguita da Romualda, una distinta signora andava incontro a Esther, offrendole lavoro onesto nel suo laboratorio di cucito. La vedova pianse di emozione e di allegria e, mentre accordavano determinate disposizioni per quel servizio, in un confortante quadro di giubilo generale, la sorella ausiliatrice mi disse contenta:
– Ora, fratello André, possiamo ritornare tranquillamente. Il servizio che ci fu affidato è stato terminato, grazie al Signore.
MISSIONARI DELLA LUCE – Francisco Cândido Xavier /André Luiz
“L’essere umano è in qualsiasi situazione,
quello che aspira,
l’irradiazione di quello che sente,
gli interessi che coltiva.”

Spirito Joanna de Ângelis
Psicografia Divaldo Pereira Franco
Avatar utente
Fernanda
Amministratore
 
Messaggi: 1448
Iscritto il: venerdì 20 febbraio 2009, 16:08
“Mi Piace” dati: 0 volta
“Mi Piace” ricevuti: 397 volte
Religione: Spiritista

Prossimo

Torna a Studiando lo Spiritismo

Chat Room Vita Oltre la Vita
Commenta:

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite