Pagina 1 di 2

IMPORTANZA DEL PENSIERO NELLA MEDIANITÀ

MessaggioInviato: lunedì 28 febbraio 2011, 13:35
da Orleide
Vediamo l'importanza del pensiero nella medianità, quando si vuole una seria comunicazione con gli Spiriti di luce.
Abbiamo estratto dal libro Studiando la Medianità di J. Martins Peralva il testo chiamato "Problemi Mentali".
Eccolo:
Problemi Mentali
Inizieremo il presente capitolo, ricordando l’affermazione dell’istruttore Alberio di cui “la mente rimane nella base di tutti i fenomeni medianici”.
Così, evidenziasi e cresce, soprammodo, la responsabilità di tutti noi, specialmente, dei medium, nei lavori evolutivi di ogni giorno.
Studiamo, con semplicità e chiarezza, il problema mentale.
Così come l’ingestione di certi alimenti o di bevande alcooliche occasiona, fatalmente, la modificazione del nostro alito, raggiungendo l’olfatto delle persone che vicine stiano, dello stesso modo i nostri pensieri creano il fenomeno psichico dell’”alito mentale”, equivalente alla natura delle forze che emettiamo o assimiliamo. Avremo, allora, un “alito mentale” sgradevole e nocivo o gradevole e benefico.
L’alito boccale verrà determinato dal tipo di alimentazione o di bevanda che ingeriremo.
L”alito mentale” verrá, a suo turno, determinato dal tipo dei nostri pensieri.
Il nostro ambiente psichico sarà, così,inesorabilmente determinato dalle forze mentali che proiettiamo tramite il pensiero, della parola, dell’attitudine, dell’ideale che accettiamo.
L’ambiente psichico di una persona, di brutti abitudini o di abitudini salutari, sarà notato, sentito dagli Spiriti e dagli incarnati, quando dotati di veggenza o saranno sensitivi.
All’avvicinarci di persona incollerita o che conduca nel cuore, ancora che in silenzio, afflittive preoccupazioni, notaremo suo “alito mentale”, dello stesso modo che notaremo l’alito boccale di chi ha preso un bicchiere di vino o ha masticato una cipolla.
Le idee sono creazioni del nostro spirito.
Creazioni incessanti, ininterrotte, che si proiettano nello spazio e nel tempo, acquistando forma, movimento, direzione e tonalità equivalenti alla natura, superiore o inferiore, delle idee create.
Un pensiero, che espressi desideri o obiettivi, veicolato poderosamente per nostro Spirito, potrà anche essere fotografato.
Potrà, anche, essere visto dai medium chiaroveggenti o percepito dai medium sensitivi.
Il nostro campo mentale è, poiché, interamente visto dagli Spiriti e anche dagli incarnati.
Considerando, per opportuna, l’osservazione di Paolo di Tarso di cui “stiamo circondati da una nuvola di testimoni”, siamo costretti a misurare e pensare, nel bilancio coscienziale, le serie responsabilità che decorrono della conoscenza che già abbiamo di tali verità. Ciò perché tali creazioni determineranno, inevitabilmente, il tipo e carattere di nostre compagnie spirituali, in virtù delle vibrazioni compensate.
Una mente senza vigilanza attirerà entità infelici, soggiogatrici, perché certi Spiriti profondamente materializzati, attaccati, ancora, alle passioni inferiori, si nutrono, si alimentano di queste sostanze prodotte dalla mente irresponsabile o senza educazione.
Essere medium è qualcosa di sublime, determinando tacitamente l’imperativo della realizzazione interiore, la necessità di l’individuo conquistare a sé stesso per il superamento delle qualità negative.
Essere medium è investirsi la creatura di sacra responsabilità davanti Dio e la propria coscienza, giacché è essere interprete del pensiero delle sfere spirituali, mediatore tra il Cielo e la Terra.
Conveniamo che sarà molto difficile ai messaggeri celesti utilizzarsi, di modo permanente, di compagni incarnati senza la più leggera nozione di responsabilità, negligenti nell’esecuzione dei doveri morali, non puntuali, interamente alieni all’imperativo del proprio rinnovamento per il Bene, oppure, ancora, inclinati all’esplorazione inferiore.
Su questo argomento, ascoltiamo la parola dii Emmanuel:
“Il profumo conservato nella bottiglietta di cristallo puro non sarà lo stesso quando trasportato in un vaso guarnito di fango”.
Potranno i buoni Spiriti, riconosciamo, comunicarsi delle volte.
Potranno trasporre barriere vibratorie e superare ostacoli della mente irresponsabile per estendere benefici agli storpi del cammimo.
Potranno, ancora, estrarre note armoniose de mal curato strumento, esaltando, così, il potere e la gloria, l’amore e la saggezza del Signore della Vita.
Estratto dal libro “studiando la Medianità”, di J. Martins Peralva. Questo libro è uno studio del libro “Nei Domini della Medianità”, dello Spirito André Luiz, psicografato da Chico Xavier.
E per chi vorrà conoscere di più sull'importanza del pensiero, ho tradotto il libro (per me meraviglioso) chiamato "Il Potere Magnifico del Pensiero" il cui posso mandarlo per mail. E accetto correzioni dei miei errori di traduzione.
Orleide

Re: IMPORTANZA DEL PENSIERO NELLA MEDIANITÀ

MessaggioInviato: lunedì 28 febbraio 2011, 19:51
da ONEPABLO
Ciao mi metto in lista per ricevere il libro :ahaha:
Il problema del pensiero è gestirlo,e metterlo a riposo in scrittura.
La mente è un oceno e i pensieri sono onde.

ciao a presto

Re: IMPORTANZA DEL PENSIERO NELLA MEDIANITÀ

MessaggioInviato: mercoledì 26 ottobre 2011, 11:59
da Danila
:F_ciao: Orleide, avrei delle domande su questo argomento, mi aiuteresti a capire meglio?
Quando sono con delle persone, capisco subito i loro problemi e dò loro un aiuto. Tutto questo mi viene spontaneo, lascio fare al mio istinto, poichè a volte è come se non me ne rendessi conto subito.
Ci sono volte, però, che se una persona è arrabbiata o depressa ecc, lo sento così forte che sembra che lo sia io.
A volte mi chiedo, "cosa mi è successo? non ero arrabbiata un minuto fa" poi, dopo un po, mi accorgo che era quello che mi stava vicino ad esserlo. Perchè non me ne accorgo subito? mi dà fastidio, devo fare qualcosa per capire meglio?
Non so se mi sono spiegata bene, è da difficile spiegare.
Grazie mille
Dany

Re: IMPORTANZA DEL PENSIERO NELLA MEDIANITÀ

MessaggioInviato: mercoledì 26 ottobre 2011, 21:03
da Krizia
Ciao Orleide,grazie per questo bellissimo scritto,mi metto in lista pure io per ricevere il libro,sono molto affascinata su quanto sto scoprendo sulla forza del pensiero.Un abbraccio. :cuoricini:

Re: IMPORTANZA DEL PENSIERO NELLA MEDIANITÀ

MessaggioInviato: mercoledì 26 ottobre 2011, 21:46
da Danila
:F_ciao: Crizia. Mi aggrego anch io, chissà che riesca a capire qualcosa in più!

Re: IMPORTANZA DEL PENSIERO NELLA MEDIANITÀ

MessaggioInviato: mercoledì 26 ottobre 2011, 22:45
da Fernanda

Orleide!!!! : Yahooo :

Anche io mi metto in lista!!! : Chessygrin : Ho la tua traduzione del primo e del secondo capitolo, ricordati quando mi hai passato perché io facesse la revisione che non ho ancora fatto? : RedFace : : Sorry! : Comunque se hai tutto il libro vorrei anche io!!!!!!!!!!!!!!!! :grazie1000: Ma hai provato ad allegarlo qui nel tuo post?

Quanto alla revisione del film che abbiamo tradotto, dobbiamo aver pazienza perché io e Antonino ci stiamo trovando solo una volta alla settimana e così tutto va a ritmo lento, anzì, se qualcuno qui avrà interesse ad aiutarci con la revisione di un film potete entrare in contatto con me, abbiamo bisogno di una mano per disponibilizzare ancora un film tradotto in lingua italiana.


Bacione e grazie mille per la riflessione importantissima che ci hai proposto, Orleide!!! Sei mitica!!!
:cuoricini:

Fernanda.

Re: IMPORTANZA DEL PENSIERO NELLA MEDIANITÀ

MessaggioInviato: mercoledì 26 ottobre 2011, 23:52
da Edson
Dobbiamo essere sempre attenti agli vibrazioni.
Sempre assorbiamo le energie delle persone, siano buone o male.
Penso che a te Danila, ti accade in grado più elevati per la medianità o sensibilità che hai con l'adilà.
Deve sapere diferenziare quello che è tuo è quello che è dell'altra persona, come i pensieri.

Re: IMPORTANZA DEL PENSIERO NELLA MEDIANITÀ

MessaggioInviato: mercoledì 26 ottobre 2011, 23:54
da Edson
Grazie per il testo Orleide. Mi metto in lista pure io per ricevere il libro. :smile31: :ahaha:

Re: IMPORTANZA DEL PENSIERO NELLA MEDIANITÀ

MessaggioInviato: giovedì 27 ottobre 2011, 0:35
da Orleide
Danila, io penso che hai una facilità di entrare in sintonia con le persone e con gli spiriti e devi fare attenzione quanto a ciò per non catturare vibrazioni negative di persone con pensieri o intensioni negative. Della stessa forma che entri in sintonia con Spiriti di Luce per dare un consiglio, una parola amica, entri in sintonia con persone arrabbiate e ciò potrà portarti alcun malessere. Non so se sei d'accordo con me o alcuna persona del sito potrà non essere d'accordo, ma secondo me mi sembra che questo sia il motivo: sintonia.
Per chi vuole leggere il libro Il Potere Magnifico del Pensiero, manda la mail e lo manderò, ma ho fatto la traduzione e nessuno l'ha corretto.
Orleide

Re: IMPORTANZA DEL PENSIERO NELLA MEDIANITÀ

MessaggioInviato: giovedì 27 ottobre 2011, 1:21
da Edson
Penso esattamente lo stesso Orleide. Sintonia!